Salute e Sanità
È arrivata l'estate: nei prossimi giorni aumentano le temperature e il DSS ricorda i buoni consigli per affrontare il caldo estivo in sicurezza
Se esposte a temperature elevate e per un periodo di tempo prolungato, anche le persone che godono di buona salute possono soffrire di forti disagi. In questi casi il corpo non riesce infatti a dissipare il calore in eccesso, e potrebbero emergere patologie serie come il colpo di sole e il colpo di calore
© KEYSTONE / Ti-Press / Pablo Gianinazzi
BELLINZONA - L’estate è arrivata! MeteoSvizzera Locarno Monti ha comunicato che nei prossimi giorni è previsto un aumento sensibile delle temperature e dell’umidità. Il Gruppo operativo salute e ambiente (GOSA) del Dipartimento della sanità e della socialità coglie quindi l’occasione per ricordare alla popolazione alcune semplici regole per affrontare il caldo estivo, e per annunciare che da quest’anno eventuali allerte canicola verranno diramate esclusivamente da MeteoSvizzera.

 

Se esposte a temperature elevate e per un periodo di tempo prolungato, anche le persone che godono di buona salute possono soffrire di forti disagi. In questi casi il corpo non riesce infatti a dissipare il calore in eccesso, e potrebbero emergere patologie serie come il colpo di sole e il colpo di calore. Quest’ultimo, in particolare, non è per forza legato a un’esposizione diretta al sole, ma può – ad esempio – verificarsi quando le persone si trovano in locali chiusi, poco ventilati, con temperature e umidità elevate. Poiché da quest’anno il DSS non procederà più all’invio sistematico di comunicati stampa sull’inizio e la fine dell’allerta canicola, è quindi opportuno che in vista dei periodi più caldi dell’anno tutta la popolazione tenga in considerazione alcune semplici raccomandazioni:

 

bere molta acqua e consumare pasti leggeri, con molta frutta e verdura evitare sforzi intensi nelle ore di maggiore insolazione (tra le 12 e le 16)

 

impedire al caldo di entrare nelle case, oscurando le finestre durante il giorno e arieggiando durante la notte

 

rimanere in casa o in zone fresche e, se possibile, in ambienti climatizzati nelle ore di maggiore insolazione (tra le 12 e le 16)

 

proteggere adeguatamente la pelle contro gli effetti nocivi del sole con un abbigliamento adeguato e l’applicazione di crema solare verificare se via siano persone tra vicini, parenti, conoscenti che necessitano di aiuto

 

Per le
malattie croniche o persone sensibili – lattanti, bambini piccoli, anziani fragili, persone affette da che assumono farmaci regolarmente – è inoltre consigliabile:

 

 

 

 fare più spesso la doccia o il bagno e bere molta acqua 


 

avvisare i vicini o i servizi sociali se devono passare un periodo da soli 


 

consultare il medico o il farmacista

 


in caso di urgenza, rivolgersi al servizio 144 


 


 Maggiori informazioni sono disponibili sui siti internet www.ti.ch/gosa e www.ti.ch/calurasenzapaura.

 


 Si ricorda che MeteoSvizzera attiva il sistema di allerta canicola in caso di sorpasso del valore di 90 dell’indice di calore per un periodo di almeno 3 giorni. Tali allerte saranno segnalate sulla «Carta dei pericoli» di MeteoSvizzera (www.meteosvizzera.ch), disponibile anche come «app» per telefonini, con allerte personalizzabili in funzione del proprio domicilio o luogo di lavoro.



Pubblicato il 09.06.2017 15:06

Guarda anche
Salute e Sanità
Il medico: “Vogliamo far capire al paziente che è al centro della nostra attenzione, insegnargli ad essere un paziente: non vogliamo che si abbandoni nelle mani di un medico, ma che sia protagonista della propria guarigione, anche nell’affrontare l’intervento… E queste secondo me non sono sole le nuove frontiere dell’anestesiologia, ma anche quella della medicina generale e d’urgenza”
Salute e Sanità
La presidente della Commissione sanitaria del Gran Consiglio: "Il percorso è appena iniziato ma difficilmente la politica potrà ignorare questo rapporto. Il parere è stato sottoscritto dal professor Raffaele Rosso e dagli altri primari, non è che stiamo parlando proprio degli ultimi arrivati…"
Salute e Sanità
Intervista al dottor William Pertoldi, responsabile del nuovo ambulatorio di Moncucco: "Alcuni pensano di poter gestire il 90enne come se fosse un adulto. Noi non dobbiamo solo occuparci del paziente ma anche delle famiglie. Da una parte la difficoltà maggiore è quella di non banalizzare certe problematiche, dall’altra dobbiamo essere capaci di far capire che determinate situazioni croniche, non possono essere risolte. L'obbiettivo è la qualità di vita"
Salute e Sanità
Una commissione composta dai primari dell'Ente ospedaliero e del Cardiocentro - coordinati dal professor Rosso - afferma che l'istituto di Tiziano Moccetti dovrà mantenere la sua indipendenza anche dopo il 2020, quando scadrà la convenzione con l'EOC
  • Le più lette