Quarto Potere
Zaccheo torna alla carica su 'Patti Chiari': "Caro Mammone, e il dibattito pubblico?". E incalza: "Questa trasmissione ha contribuito a generare messaggi semplicistici e contraddittori sul comparto agroalimentare, generando diffidenza e caos sia nei settori produttivi che turistici nazionali"
L'ingegnere agroalimentare: "All'interno di questa potente macchina mediatica locale, si siano macinati e delegittimati tanti colleghi, i quali in buona fede, sia che lavorino per il cantone, che per la grande distribuzione, che per dei "concorrenti", hanno e continuano ad operare in modo onesto per la salvaguardia della salute dei consumatori"
LUGANO – L’ingegnere agroalimentare Aleardo Zaccheo torna alla carica su ‘Patti Chiari’ con una lettera aperta che ha inviato a liberatv. Zaccheo precisa i termini del dibattito pubblico sulla trasmissione che aveva sollecitato a margine del ‘caso Crotta’ (leggi qui) e non lesina critiche a ‘Patti Chiari’.

di Aleardo Zaccheo *

Sono già passati oltre 10 giorni da quando il responsabile dell'informazione RSI, Reto Ceschi, ha accolto la mia proposta di un dibattito pubblico sul tema della "sicurezza alimentare", in relazione ad una mia presa di posizione al riguardo, e a come questo argomento sia stato sviluppato dalla trasmissione "Patti Chiari", in quasi un decennio di attività.

Purtroppo, non avendo ancora ricevuto una conferma dal diretto interessato, Lorenzo Mammone, inizio ad avere il sospetto che Ceschi abbia fatto i conti senza l'oste, e in questo caso, non mi resta che reiterare il mio invito direttamente, nella speranza che da questo confronto ne possa scaturire un dibattito interessante e costruttivo. Recentemente, Mammone ha incontrato dei giovani a "Linea Rossa", dove ha avuto modo di esprimersi sulla sua trasmissione, e confrontarsi con le critiche e i luoghi comuni che naturalmente una trasmissione di carattere investigativo come "Patti Chiari" possono suscitare.

Ciò che mi ha colpito maggiormente, sono state delle affermazioni puntuali, nelle quali Mammone, non solo si erigeva al ruolo di difensore dei consumatori, ma si autoproclamava anche come un importante tassello del miglioramento continuo e dell'educazione nel comparto agroalimentare del nostro paese.

Visto e considerato che anche io come lui, preferisco essere schietto, diretto e parlare chiaro, ho la netta impressione che il modo di affrontare il tema "sicurezza alimentare" da parte di "Patti Chiari", non abbia migliorato affatto il nostro comparto agroalimentare. Anzi, sono convinto che la trasmissione "Patti Chiari" abbia contribuito a generare dei messaggi semplicistici e contraddittori su questo tema, generando diffidenza e caos sia nei settori produttivi che turistici nazionali.

Per di più, oltre ad avere ripetutamente alimentato sospetti di presunti pericoli per la salute pubblica, spesso però non suffragati da dati scientifici e oggettivi, la trasmissione a mio avviso, ha perso di vista non solo il carattere scientifico dei temi stessi, ma anche le conclusioni dei propri consulenti. Tuttavia, ciò che ritengo ancora più controproducente, è il fatto che all'interno di questa potente macchina mediatica locale, si siano macinati e delegittimati tanti colleghi, i quali in buona fede, sia che lavorino per il cantone, che per la grande distribuzione, che per dei "concorrenti", hanno e continuano ad operare in modo onesto per la salvaguardia della salute dei consumatori.

Dopo quasi 10 anni di trasmissione, è ormai giunta l'ora di affermare con forza che, anche se le telecamere sono neutre e non mentono mai, le superfici lavabili non si analizzano attraverso delle "tecniche d'immagine", ma si valutano oggettivamente con dei tamponi di superficie.

Inoltre, in tutto il continente europeo, e quindi anche nel nostro paese, sono in vigore da tempo dei chiarissimi criteri tecnici, legali e delle procedure consolidate, che hanno lo scopo di allertare la popolazione in caso di pericoli reali dovuti a derrate alimentari. Questo è il tema del dibattito pubblico "ex muro" che vorrei organizzare con il conduttore di "Patti Chiari", in un semplice formato: mezz'ora di presentazione a testa, seguito da un dibattito pubblico sui temi presentati, in totale trasparenza e naturalmente, nel principio della reciproca buona fede.

* ingegnere agroalimentare e microbiologo



Pubblicato il 13.06.2017 11:03

Guarda anche
Quarto Potere
Il dibattito sulla No Billag, da un paio di mesi, è molto acceso sui social, sui siti e, in parte, anche sui giornali. Sulle radio e sulle televisioni che invece beneficiano dell’oggetto del contendere, il canone, non esiste. O per meglio dire esiste soltanto come noioso e doveroso oggetto di cronaca
Quarto Potere
Il presidente della CORSI ci scrive dopo la nostra recensione della serie tv della RSI che ha mandato su tutte le furie i cacciatori: "Ciò che mi è piaciuto del commento è la chiara e onesta distinzione fra la responsabilità autoriale e quella aziendale: un prodotto mal riuscito non deve portare alla condanna di tutta l'azienda!"
Quarto Potere
La scena che ha scatenato le ire degli appassionati dell’attività venatoria, è quella in cui un cacciatore prima fa la pipì, poi sorseggia della grappa e, infine, spara per errore a una ragazzina uccidendola. La provocazione è forte, e potrebbe anche essere interessante, ma è talmente costruita e raccontata male - sia prima che dopo la fucilata - da risultare un “bimbicidio” da caccia grottesco. Il problema, insomma, è la qualità del prodotto più che i suoi contenuti
Quarto Potere
Capitolo costi. La Federazione dei cacciatori ha scritto a Maurizio Canetta che sarebbe interessante conoscere la spesa sostenuta dalla RSI per realizzare il prodotto. Da Comano, a livello ufficioso, si limitano a far filtrare che la produzione è costata la metà di quanto normalmente costa una serie televisiva della SSR. Ma niente cifre
  • Le più lette