Politica e Potere
Successione a Burkhalter. Ora o mai più... L’importante è che dal Ticino esca una sola candidatura, e il PLR di Caprara dovrà scegliere non quella che convince di più il suo partito o la politica cantonale, ma quella che ha più possibilità di raccogliere consensi alle Camere
Il Tour de Suisse di Ignazio Cassis, ammesso che sia lui il candidato indicato dal PLR (sarà il Comitato cantonale a decidere entro l’estate), si preannuncia molto impegnativo. La prima tappa sarà varcare il San Gottardo… Poi l’attendono le scalate più impegnative
foto: TiPress/Gabriele Putzu
di Marco Bazzi

Si potrebbe consultare un astrologo per capire se le costellazioni saranno propizie o nefaste quando in autunno si andrà al voto. Ma anche senza l’aiuto di ‘aruspici’ e indovini si capisce che, forse mai come oggi - dopo tanti dagli e ridagli, dopo tante candidature più o meno illusorie – la bandiera ticinese è una vela gonfia di vento, e quel vento soffia verso Palazzo federale.

Insomma, ora o mai più… Nel senso: se non ci riusciamo adesso mettiamoci il cuore in pace e archiviamo l’argomento nel cassetto dei sogni. Ma per davvero…

In pole position per la successione di Didier Burkhalter c’è il consigliere nazionale Ignazio Cassis, che è capogruppo del PLR alle Camere federali. Ma come accade sempre in questi casi, ed è giusto che sia così, si sfogliano i petali della margherita, anche per capire le reazioni e il gradimento su eventuali alternative.

Accanto a Cassis si parla dunque del ministro Christian Vitta, che è vicepresidente del partito nazionale, e dell’ex ministra Laura Sadis, ma anche di Marina Masoni, che l’ha preceduta in Governo. Un’altra figura che avrebbe la caratura per quel ruolo è Mauro Dell’Ambrogio, attualmente segretario di Stato per la formazione e la ricerca. Ma l’età non è dalla sua: l’anno prossimo compirà 64 anni.

L’importante è che alla fine dal Ticino esca una sola candidatura, e il PLR di Bixio Caprara dovrà scegliere non quella che convince di più il suo partito o l’arco politico cantonale, ma quella che ha più possibilità di raccogliere consensi alle Camere federali. Perché è lì che si decide…

E l’importante è anche che ci si convinca che il candidato ideale e perfetto al Consiglio federale, la figura che mette tutti d’accordo, da destra a sinistra, non esiste e non esisterà mai.

Al di là delle posizioni politiche, delle simpatie e delle antipatie, è una semplice questione di priorità e di coerenza, e la domanda è molto semplice: il Ticino politico ritiene davvero importante avere un proprio rappresentante a Palazzo? Sì o no? Tutto il resto è secondario. Ma sappiamo che alcuni politici ticinesi sono maestri di ‘tafazzismo’ anche quando ci sono in gioco interessi superiori e che il tiro al piccione – o il tifo contro - è uno degli sport che preferiscono.

Tornando a Cassis, sappiamo quali sono i suoi pregi – il principale, insieme all’affabilità che trasmette con il sorriso, è la sua abilità di paziente tessitore (è una ‘Penelope della politica’), la sua capacità di lavorare costantemente ‘sotto traccia’ -, e sappiamo anche quali sono i suoi difetti e i suoi talloni d’Achille, per restare in metafora omerica. Ieri il Blick li ha ben descritti.

Cassis ha molti amici ed estimatori ma anche parecchi nemici, non solo nella sinistra che si batte da anni per una cassa malati unica: la Federazione dei medici svizzeri non ha gradito, per esempio, che un proprio rappresentante di punta sia passato sul fronte ‘avverso’ delle casse malati – Cassis è oggi presidente del potente gruppo ‘Curafutura’, ma fino al 2011 era vicepresidente nazionale dei medici -. I medici potrebbero dunque dargli battaglia, ma più a livello di opinione pubblica che di pressione politica, perché non contano molto nell’Assemblea federale…

Contano invece, alla Camere, i rappresentanti dei cantoni tedeschi della Svizzera orientale, che potrebbero rivendicare la poltrona di Burkhalter con la senatrice sangallese Karin Keller Sutter, gradita anche alla destra, in particolare all’UDC. Certo, tutti si sono affrettati a dire che il successore di Burkhalter dovrà essere ‘latino’, ma non è scritto da nessuna parte che debba essere così. La composizione del Governo potrebbe anche essere un 5-2 anziché un 4-3…

Il Tour de Suisse di Cassis, ammesso che sia lui il candidato indicato dal PLR (sarà il Comitato cantonale a decidere entro l’estate), si preannuncia dunque molto impegnativo. La prima tappa sarà varcare il San Gottardo… Poi l’attendono le scalate più impegnative, a partire dalle audizioni nei gruppi dei vari partiti.




Pubblicato il 18.06.2017 19:29

Guarda anche
Politica e Potere
Il Consigliere agli Stati sul collega vallesano finito sotto i riflettori dello scandalo: "È irritante l'immagine di un Parlamento infarcito di uomini incapaci a controllarsi dinnanzi alle colleghe, degni successori del Cavaliere nella sua villa di Arcore, oppure di Strauss-Kahn in qualche camera d’albergo. Non è così. A Palazzo federale non si entra in un ascensore solamente dopo essere riusciti ad evitare questo o quel collega compagno di viaggio..."
Politica e Potere
Dopo la presa di posizione favorevole alla riforma del Consigliere di Stato e di larga parte del Gruppo in Gran Consiglio, ecco quella contraria della direzione del partito: "Non mi interessano accordi, inciuci di palazzo nei quali tu mi dai questo ed io ti do quell’altro. Sui bisogni della popolazione e del Cantone non si mercanteggia"
Politica e Potere
Bertoli, Kandemir Bordoli, Ghisletta e Garobbio: "La sinistra, che si oppone agli sgravi fiscali, non deve affossare il pacchetto fiscale e sociale e non deve rilanciare la politica scellerata degli sgravi fiscali a senso unico voluti dalla Destra"
Politica e Potere
"La politica comunale e cantonale deve adoperarsi affinché la politica federale decida finalmente di inasprire le sanzioni per coloro che delinquono e mettono in pericolo la vita altrui. Questi episodi legittimano ancora di più l’iniziativa popolare di GLRT “Le pacche sulle spalle non bastano!” per la creazione di un centro per giovani che delinquono
  • Le più lette