Politica e Potere
La proposta del deputato PS Cédric Wermuth: "Ius soli anche in Svizzera". La risposta del presidente UDC Piero Marchesi: "Per la sinistra il passaporto svizzero come la carta Cumulus o i buoni della benzina"
L'esponente socialista propone che tutti quelli che nascono sul territorio elvetico ottengano automaticamente la cittadinanza, come avviene negli Stati Uniti. Il democentrista ticinese: "Loro vogliono relegare l'ottenimento del passaporto svizzero a pura formalità"
Ti Press
BERNA - Ius soli anche in Svizzera. È questa la proposta del Consigliere Nazionale Cédric Wermuth.

 

Secondo l’esponente socialista, infatti, anche nel nostro Paese, come avviene ad esempio negli Stati Uniti, tutti quelli che nascono sul territorio elvetico dovrebbero avere automaticamente diritto al passaporto svizzero.

 

“È assurdo - ha detto Wermuth in un’intervista concessa a Watson - che due persone non abbiano gli stessi diritti solo perché i genitori provengono da nazioni diverse. La cittadinanza è solo l’inizio dell’integrazione, non la fine. È inconcepibile che molte persone vivano in Svizzera senza poter esprimere quello che pensano. È antidemocratico”.

 

La proposta sta facendo parecchio discutere in rete. In Ticino è stata rilanciata dal presidente dell’UDC Piero Marchesi, che non risparmia le critiche, al parlamentare PS.

 

“Cosa avevamo detto nella campagna contro le naturalizzazioni agevolate per gli stranieri della terza generazione? - ha scritto Marchesi su Facebook - Se la sinistra avesse vinto la votazione sarebbe presto arrivata una nuova proposta atta ad indebolire il sistema di rilascio della cittadinanza, rendendola vieppiú automatica. Detto, fatto! Non siamo degli indovini noi dell'UDC, ma oramai il disegno della sinistra - per dire il vero ben supportato dai partiti di centro - è chiaro. Loro vogliono relegare l'ottenimento del passaporto svizzero a pura formalità. Come la carta Cumulus, o i buoni fedeltà della stazione di benzina. Noi ci opponiamo con forza a questa deriva, statene certi!”.



Pubblicato il 15.07.2017 17:19

Guarda anche
Politica e Potere
Il Segretario di Stato: "Se a Bellinzona, come non spero ma mi pare possibile, dovesse vincere il referendum, la si guardi in positivo, interpretando per il meglio la volontà popolare. Si ridefinisca semplicemente la funzione del Municipio e dei suoi membri. Con l’indispensabile corollario che funzionari dirigenti non all’altezza delle responsabilità devono essere rimovibili"
Politica e Potere
Il CEO di UBS a ruota libera in una conferenza organizzata dalla sezione PLR di Collina d'Oro: "Brexit? Ci perderà l’Europa, ci guadagneranno Stati Uniti e Asia e la Svizzera dovrà fare attenzione agli inglesi per quanto riguarda la gestione patrimoniale e il private banking"
Politica e Potere
Ieri sera negli studi del Quotidiano è emerso per la prima volta a livello pubblico, il disagio che da tempo gorgoglia nella pancia del PPD. Fiorenzo Dadò prende le distanze dal ministro: "Lo scandalo Argo 1 riguarda il Dipartimento non me e neppure il partito. Ma sul suo futuro deciderà la base"
Politica e Potere
Il ministro: "Quando parlo di sicurezza mi piace definire il cittadino come “la sentinella”. Lo stesso principio vale per la sicurezza stradale. Perché a volte, grazie e soprattutto alla collaborazione di tutti gli utenti della strada, possiamo fermare i veri criminali delle quattro ruote"