Cronaca
"Ho visto il catalogo di Rudy Chiappini e non mi sembra vi siano opere false, ma...". Vittorio Sgarbi dice la sua sull'inchiesta sulla mostra di Amedeo Modigliani a Genova: "Non c’è niente di più eticamente riprovevole di una mostra che chiude: ribellatevi!”
Il noto critico d'arte va all'attacco sulla decisione di sospendere l'esposizione curata dal responsabile dei servizi culturali della Città di Locarno, a seguito di un'indagine della magistratura volta a verificare l'autenticità delle opere esposte a Palazzo Ducale. GUARDA IL VIDEO
© KEYSTONE/Ti-Press/Pablo Gianinazzi
GENOVA/LOCARNO - Vittorio Sgarbi dice la sua sulla vicenda giudiziaria che ha portato la magistratura di Genova ad indagare su una mostra su Amedeo Modigliani nel capoluogo ligure e sul suo curatore Rudy Chiappini (leggi articolo correlato). A seguito dell’inchiesta - nata dai dubbi espressi da un critico d’arte toscano rispetto all’autenticità delle opere - la Fondazione che gestisce Palazzo Ducale, sede dell’esposizione, ha sospeso la mostra con tre giorni di anticipo.

 

“Non c’è niente di più eticamente riprovevole di una mostra che chiude”, ha detto Sgarbi in un’intervista concessa al Tg5 che potete ascoltare per esteso nel video allegato al termine dell’articolo. “È un atto di sottomissione al potere giudiziario e il nuovo sindaco di Genova e i cittadini dovrebbero ribellarsi”.

 

“Non si può - ha aggiunto il critico - chiudere un’esposizione perché qualcuno avanza dei dubbi. Il dubbio dei periti non conta nulla. Non ho visto la mostra e non posso giudicare. Ma ho visto il catalogo di Rudy Chiappini e non mi pare ci siano opere false. Ma chi ha posto la questione ha una certa autorità da autodidatta….”

 

Giusto verificare, dunque, secondo Sgarbi ma senza fermare l’esposizione: “Anche perché - ha chiosato il critico - una mostra di falsi, se li ha, crea più curiosità…”

 



Pubblicato il 16.07.2017 16:46

Guarda anche
Cronaca
Il 36enne che ora è accusato di omicidio volontario, subordinatamente colposo, e di tutte le possibili e immaginabili violazioni del codice stradale, era uscito da pochi giorni dalla clinica psichiatrica di Mendrisio. E nonostante questo aveva la patente. Che una settimana fa si è trasformata in una sorta di licenza di uccidere, per parafrasare un celebre film di James Bond
Cronaca
Intervista all'ex procuratore pubblico che riflette sulla morte del Capo dei Capi di Cosa Nostra, ricorda gli anni in cui da magistrato combatteva la mafia e ammonisce sul futuro: "Quando nel 2000 lo interrogai si limitò ad augurarci buona giornata. Riina si è sporcato le mani di sangue come quasi nessuno. Ma oggi combattere la criminalità organizzata è ancora più difficile"
Cronaca
Impossibile calcolare le vittime mietute da Totò Riina, dalla gioventù corleonese, all’arresto palermitano. Sia tra i mafiosi, sia tra gli uomini dello Stato, sia tra i civili
Cronaca
Sul posto, per i primi soccorsi, è intervenuto un equipaggio di Tre Valli Soccorso. Per permettere i rilievi da parte del servizio incidenti, l'autostrada è stata chiusa e il traffico deviato sulla cantonale da Varenzo a Faido. Il perturbamento si protrarrà ancora per diverse ore