Cronaca
Tutta nuda per le strade di Bologna! La passeggiata nudista di una 26enne valdostana lascia increduli passanti e polizia. Lei spiega: "L'ho fatto per vincere le mie paure. È stato lo psicologo a suggerirmelo” Video
La 26enne, “perfettamente lucida”, secondo quanto riferito dalla polizia, aveva indosso solo un paio di ciabatte e una borsa a tracolla di tela con dentro gli abiti, il portafoglio e i documenti. La passeggiata “nudista”, infatti, non è stata affatto improvvisata dalla giovane. Ma le costerà 3'300 Euro di multa. GUARDA IL VIDEO
BOLOGNA - Una passeggiata completamente nuda per le vie di Bologna come “cura” psicologica. Sembra paradossale ma è proprio questa la versione che la bella 26enne valdostana protagonista della vicenda, ha fornito agli agenti della polizia che l’hanno fermata mentre vagava per le vie del capoluogo emiliano.

 

Una storia estiva che sta trovando spazio sui quotidiani italiani. La ragazza, a passo svelto, come dimostrano i video postati in rete dai molti passanti che l’hanno incontrata, si è fatta un giro in via San Donato, via Irnerio e al parco della Montagnola, per poi essere intercettata dagli agenti nei pressi della stazione ferroviaria.

 

La 26enne, “perfettamente lucida” secondo quanto riferito dalla polizia, aveva indosso solo un paio di ciabatte e una borsa a tracolla di tela con dentro gli abiti, il portafoglio e i documenti.

 

La passeggiata “nudista”, infatti, non è stata affatto improvvisata dalla giovane. Come lei stessa ha riferito agli increduli poliziotti “l'ho fatto per vincere le mie paure.È stato lo psicologo a suggerirmelo”.

 

Nessun altra spiegazione. Quando gli agenti l’hanno lasciata andare, la ragazza è ripartita come se nulla fosse accaduto per una nuova passeggiata. Questa volta vestita, naturalmente. Anche perché il primo giretto le costerà 3’300 euro di multa. Non proprio a buon mercato come cura…



Pubblicato il 29.07.2017 14:46

Guarda anche
Cronaca
Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre
Cronaca
L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è di istigazione e aiuto al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attività. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Minesso
Cronaca
Le persone finite in carcere sono un 41enne e una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella
  • Le più lette