Salute e Sanità
Lucifero è arrivato! E il Dipartimento sanità promulga il decalogo delle raccomandazioni per chi è a rischio e chi no. Ecco come convivere con l'ondata di caldo africano che durerà almeno fino a sabato
Il Gruppo Operativo Salute e Ambiente ricorda che, in caso di periodi di canicola estrema, anche le persone che godono di buona salute possono soffrire di forti disagi
BELLINZONA - Il Gruppo Operativo Salute e Ambiente (GOSA) del Dipartimento della sanità e della socialità invita la popolazione a proteggersi durante il periodo di canicola estrema annunciato ieri da MeteoSvizzera e che si protrarrà almeno fino a sabato con temperature ben superiori alle medie abituali del periodo estivo.

Il GOSA ricorda che, in caso di periodi di canicola estrema, anche le persone che godono di buona salute possono soffrire di forti disagi. Se esposto a temperature elevate e per un periodo prolungato, il corpo non riesce infatti a dissipare il calore in eccesso e possono emergere patologie serie, tra cui il colpo di calore e il collasso di calore.

Da ricordare che questi ultimi non sono per forza legati ad un’esposizione diretta al sole, ma possono – ad esempio – verificarsi quando le persone si trovano in locali chiusi, poco ventilati, con temperature e umidità elevate. E’ quindi opportuno che, in questi giorni canicolari, tutti tengano in considerazione alcune semplici raccomandazioni:

 bere molta acqua e consumare pasti leggeri con molta frutta e verdura
 evitare sforzi fisici, e in particolare attività sportive, nelle ore di maggiore insolazione e più calde della giornata (tra le 11 e le 18)
 impedire al caldo di entrare nelle case, oscurando le finestre durante il giorno e
arieggiando durante la notte
 stare in casa o in zone fresche e, se possibile, in ambienti climatizzati nelle ore di maggiore insolazione
 proteggere adeguatamente la pelle contro gli effetti nocivi del sole con un abbigliamento adeguato e l’applicazione di crema solare
 verificare se vi siano persone tra i vicini, parenti, conoscenti che necessitano di aiuto per fronteggiare le ondate di caldo.

Alle persone particolarmente sensibili alla canicola - come lattanti, bambini piccoli, donne incinte, anziani fragili, persone affette da malattie croniche e/o che assumono farmaci regolarmente – è inoltre consigliabile:

 fare più spesso la doccia e il bagno e bere molta acqua
 consultare il medico o il farmacista
 in caso di urgenza, rivolgersi al 144
 per gli anziani fragili: avvisare i vicini o i servizi sociali se si trascorre un periodo da soli

Ulteriori informazioni sulle misure da adottare nei periodi di canicola sono disponibili sui siti internet www.ti.ch/gosa e www.ti.ch/calurasenzapaura .
E’ possibile monitorare l’allerta canicola sulla “Carta dei pericoli” di MeteoSvizzera (www.meteosvizzera.ch), disponibile anche come “app” per telefonini, con allerte personalizzabili in funzione del proprio domicilio o luogo di lavoro.


Pubblicato il 02.08.2017 12:49

Guarda anche
Salute e Sanità
Non pretendo si lavori gratuitamente, precisa il lettore, "ma se Pharmasuisse e Consiglio Federale non considerassero “servizio d’urgenza” l’apertura di una farmacia di picchetto dalle 18.30 alle 22.00, ci sarebbe già un bel contenimento delle spese sanitarie"
Salute e Sanità
Il grande economista bolognese ha tenuto una 'lezione' alla Clinica Luganese: "Il fine di un ospedale ‘profit’ e di uno ‘non profit’ è identico: curare le persone. La differenza sta nella missione, vale a dire nella scelta del metodo, e nell’identità, nelle regole di governance, insomma”
Salute e Sanità
Per soddisfare i bisogni dei prossimi anni (2020-2025) la Clinica Luganese Moncucco intende realizzare uno stabile di 4 piani posato su pilastri che prevede una parziale copertura dei parcheggi già esistenti. La realizzazione di un autosilo permetterà inoltre di liberare l’area della ex Clinica San Rocco, sulla quale iverrà realizzato un parco a disposizione della popolazione