Crisi e Lavoro
Se potessi avere... 20 franchi all'ora... E a Neuchâtel il salario minimo diventa realtà. Il Tribunale federale respinge i ricorsi del padronato: "L'importo di 3’467 franchi mensili è abbastanza basso da non compromettere la libertà economica"
Ora Consiglio di Stato e Parlamento ticinesi hanno un elemento importante in più per tradurre in pratica l’iniziativa "Salviamo il lavoro in Ticino" lanciata dai Verdi per combattere il dumping salariale
NEUCHATEL - Neuchâtel è il primo cantone svizzero ad introdurre un salario minimo. Il Tribunale federale ha dato l’ultimo via libera alla legge che fissa a 20 franchi l’ora l’ammontare della remunerazione più bassa ed è stata varata in seguito alla votazione popolare del 2011. I giudici hanno respinto il ricorso inoltrato dalle organizzazioni economiche che lamentavano la violazione della libertà economica e del diritto federale.

Per i giudici federali la misura di politica sociale è giustificata dalla volontà di evitare che ci siano persone che, pur lavorando, debbano ricorrere agli aiuti pubblici. Inoltre, l'importo di 3’467 franchi mensili, per una settimana lavorativa di 40 ore, è ritenuto abbastanza basso da non compromettere la libertà economica.

La sentenza sul caso di Neuchâtel era attesa da tempo in diversi cantoni, tra cui il Ticino dove il principio del salario minimo è stato approvato alle urne nel giugno 2015. Ora Consiglio di Stato e Parlamento hanno un elemento importante in più per tradurre in pratica l’iniziativa "Salviamo il lavoro in Ticino" lanciata dai Verdi per combattere il dumping salariale.



Pubblicato il 04.08.2017 13:51

Guarda anche
Crisi e Lavoro
L’obiettivo è di proporre un evento che raduni esperti di ogni settore e permetta di valutare il fenomeno considerandone i diversi aspetti, da quello economico a quello sociale a quello dello sviluppo urbano
Crisi e Lavoro
Il sindacalista e vicepresidente del PPD: "Un esempio concreto dell’amore del PLR per i lavoratori? Il voto contrario alla proposta del PPD (poi accolta dal Gran Consiglio) che chiedeva di favorire i disoccupati residenti evitando di attingere alle agenzie interinali nell’ambito delle commesse pubbliche!"
Crisi e Lavoro
Il deputato di AreaLiberale ci scrive: "E non diciamo che chi paga sono sempre gli stessi, né che sono sempre più strizzati da imposte, tasse e balzelli che se erano uguali a 100 dieci anni fa ora sono 145, e che non sono sufficienti per fare le paghe degli addetti alla burocrazia del quartiere..."
Crisi e Lavoro
Dopo aver deciso in settembre di sospendere la trattazione dell'iniziativa parlamentare presentata dai deputati PPD del Mendrisiotto, la Commissione della legislazione è tornata ad affrontare l'argomento e oggi ha deciso a maggioranza di accogliere la proposta
  • Le più lette