Crisi e Lavoro
Se potessi avere... 20 franchi all'ora... E a Neuchâtel il salario minimo diventa realtà. Il Tribunale federale respinge i ricorsi del padronato: "L'importo di 3’467 franchi mensili è abbastanza basso da non compromettere la libertà economica"
Ora Consiglio di Stato e Parlamento ticinesi hanno un elemento importante in più per tradurre in pratica l’iniziativa "Salviamo il lavoro in Ticino" lanciata dai Verdi per combattere il dumping salariale
NEUCHATEL - Neuchâtel è il primo cantone svizzero ad introdurre un salario minimo. Il Tribunale federale ha dato l’ultimo via libera alla legge che fissa a 20 franchi l’ora l’ammontare della remunerazione più bassa ed è stata varata in seguito alla votazione popolare del 2011. I giudici hanno respinto il ricorso inoltrato dalle organizzazioni economiche che lamentavano la violazione della libertà economica e del diritto federale.

Per i giudici federali la misura di politica sociale è giustificata dalla volontà di evitare che ci siano persone che, pur lavorando, debbano ricorrere agli aiuti pubblici. Inoltre, l'importo di 3’467 franchi mensili, per una settimana lavorativa di 40 ore, è ritenuto abbastanza basso da non compromettere la libertà economica.

La sentenza sul caso di Neuchâtel era attesa da tempo in diversi cantoni, tra cui il Ticino dove il principio del salario minimo è stato approvato alle urne nel giugno 2015. Ora Consiglio di Stato e Parlamento hanno un elemento importante in più per tradurre in pratica l’iniziativa "Salviamo il lavoro in Ticino" lanciata dai Verdi per combattere il dumping salariale.



Pubblicato il 04.08.2017 13:51

Guarda anche
Crisi e Lavoro
Il PS: "La decisione dei giudici di Losanna non lascia spazio a nessuna interpretazione e fa giurisprudenza anche per il nostro Cantone. Il Tribunale federale è infatti stato chiarissimo affermando che un salario minimo, che permetta di evitare il fenomeno dei “working poor”, non mette assolutamente in discussione la libertà economica"
Crisi e Lavoro
L'ex ministro italiano dell'economia: "Nel 2007 l'eccesso di liquidità fu la causa della crisi, con i prestiti subprime. C'era un eccesso di finanza incontrollata. Rispetto ad allora ci sono due differenze. Quantitativamente: i numeri del 2007 erano eccessivi, adesso sono esplosivi. Qualitativamente: tra i soggetti della finanza è in atto un'incredibile, accelerata, mutazione della specie"
Crisi e Lavoro
I sindacati: "Non possiamo non stigmatizzare questo genere di comunicazioni che gettano ancora una volta discredito su una categoria che sta cercando, attraverso l’introduzione del CCL, di regolamentarsi a salvaguardia della propria dignità professionale"
Crisi e Lavoro
Il post su Facebook della titolare di un negozio a Magadino: "Noi dobbiamo accumulare d'estate per far fronte ai mesi invernali dove il turismo è pressoché inesistente. Ma se lo sciopero persiste la vedo dura, ben consapevoli da sempre che il rischio è esclusivamente solo nostro è non abbiamo diritto a tutela alcuna. Finora siamo stati solidali con gli scioperanti, ma adesso dobbiamo farci sentire..."