Cronaca
Bellinzona: stroncato traffico di hashish (25 chili) e marijuana (5 chili). In manette tre ventenni (1 turco e due svizzeri). Tra i consumatori denunciati 25 minorenni
L'inchiesta antidroga, terminata negli scorsi giorni, ha preso avvio nei primi mesi del 2017. Nell'ambito dell'indagine sono stati sequestrati 1.5 chili di hashish e circa 200 grammi di cannabis
© Ti-Press / Samuel Golay
BELLINZONA - Il Ministero Pubblico, la Magistratura dei minorenni, la Polizia cantonale e la Polizia della città di Bellinzona comunicano che negli scorsi giorni è terminata un'inchiesta antidroga, iniziata nei primi mesi del 2017, effettuata per contrastare un importante traffico di hashish e marijuana nel territorio della "Nuova Bellinzona".

Indagine, condotta dalla Polizia della città di Bellinzona coadiuvata dalla Polizia cantonale, che ha permesso l'arresto di tre persone. Si tratta di un 19enne cittadino turco domiciliato nel Bellinzonese, di un 21enne cittadino svizzero domiciliato nella regione e di un 20enne cittadino svizzero domiciliato nel Locarnese. L'ipotesi di reato nei loro confronti è di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti.

Inoltre, sono stati denunciate 70 persone per contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti. Tra queste 25 minorenni di età compresa tra i 14 e i 17 anni.

Nell'ambito dell'inchiesta è stato accertato un traffico complessivo di circa 25 chili di hashish e di circa 5 chili di marijuana. Sono stati sequestrati 1.5 chili di hashish e circa 200 grammi di cannabis.

L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Valentina Tuoni e dalla Magistratura dei minorenni.

Pubblicato il 11.08.2017 17:15

Guarda anche
Cronaca
Nel filmato, girato domenica e postato online, si vede una rissa tra i calciatori. Il caso sul tavolo della Federazione. Il presidente Biancardi: "Abbiamo chiesto all'arbitro di redigere un rapporto su questo evento". GUARDA IL VIDEO
Cronaca
Scott Rosenberg rompe il muro di ipocrisia di Hollywood sullo scandalo sessuale. Ecco la traduzione integrale del suo post: "Per me, se il comportamento di Harvey è la cosa più disgustosa che uno possa immaginare, al secondo posto (di poco) c’è l’attuale ondata di condanne"
Cronaca
Scoppiettante intervista con l'esperta: "Le denunce dello scandalo vanno valutate caso per caso. Se non c'è coazione non si può parlare di stupro. Non penso che nessuno sia caduto dalle nuvole sentendo la storia di un produttore cinematografico che ha goduto di vantaggi sessuali da parte di alcune attrici che ha fatto lavorare”
Cronaca
Intanto la RSI ha contattato il Ministero pubblico, che "nega di aver già ricevuto il dossier preparato dal Cantone e smentisce che si riapra l’inchiesta sulla credibilità del testimone". La RSI ha pure contattato Morini: ci ha confermato di “ricevere 250 euro al mese d’invalidità” e che questa prestazione “era nota a tutti. Non pensavo dovesse dichiarare un simile importo”