Bar Sport
Ilaria D'Amico: che polemica con il Milan. La giornalista mette in dubbio la solidità finanziaria del Club e i rossoneri si negano ai microfoni di Sky Video
A scatenare le ire dei rossoneri un commento della D’Amico sul nuovo corso cinese: "Se ci saranno le coperture finanziarie questa società avrà fatto un lavoro straordinario…". E il silenzio del Milan innesca la replica ancora più dura della giornalista. GUARDA I VIDEO
MILAN - Polemica pesantissima tra il Milan e Ilaria D’Amico, durante la prima giornata di campionato. La società, a seguito di un’affermazione della giornalista durante il prepartita, ha negato a Sky tutti i suoi tesserati per i tradizionali commenti post gara.

 

Ma cosa è successo? A scatenare le ire dei rossoneri un commento della D’Amico sul nuovo corso cinese: "Se ci saranno le coperture finanziarie questa società avrà fatto un lavoro straordinario…".

 

 

E al termine della vittoria contro il Crotone, i milanisti hanno parlato con tutte le testate giornalistiche tranne che con Sky. Una decisione dura che ha irritato la giornalista: “Ci è stato comunicato dal responsabile comunicazione, Fabio Guadagnini, nostro ex collega, che le mie parole li hanno fatto risentire. Io ho detto che se ci saranno le coperture finanziarie questa società avrà fatto un lavoro straordinario. Inutile dirvi che questa decisione si commenta da sola. Io continuerò a esprimere idee, senza pregiudizi”.



Pubblicato il 21.08.2017 09:32

Guarda anche
Bar Sport
Montella paga un inizio di stagione disastroso dopo un mercato che ha visto il club di via Aldo Rossi, guidato dalla nuova proprietà cinese, investire sul mercato oltre 200 milioni di Euro. In 14 partite, l’allenatore campano ha racimolato appena 20 punti: con 6 vittorie, 2 pareggi e ben 6 sconfitte (arrivate tutte con le prime squadre della classifica)
Bar Sport
La vicenda, da cronaca "green" più che "rosa", si sarebbe potuta probabilmente risolvere in modo meno formale, spiegando a voce il problema alle interessate. Perché è difficile pensare che, come auspica il finale della lettera, quel rimbrotto rimanga “senza strascichi”…
Bar Sport
Il responsabile dei direttori di gara ticinese denuncia e dettaglia la crisi del settore: "All’ultimo corso per arbitri se ne sono iscritti 19. Quelli che hanno concluso positivamente il programma non erano più di 7….Spesso ci troviamo a dovere accettare situazioni improponibili con la necessità di richiedere agli arbitri di dirigere 2 o 3 partite in un fine settimana"
Bar Sport
L'ANALISI - Ora è il tempo dei processi. Si faranno tanti discorsi, conditi da luccicanti buoni propositi da vendere all’opinione pubblica, ma alla fine cambierà poco o nulla. Per fare la rivoluzione servono i rivoluzionari o i soldi: l’Italia non ha né l'una e né l'altra cosa. Quel poco che si può fare però va fatto