Crisi e Lavoro
"Salario minimo di almeno 21 franchi all'ora! Altrimenti...". Il sindacato UNIA minaccia una nuova iniziativa popolare. "Pronti a mobilitarci. Il Ticino è nella morsa del dumping e si sta trasformando in una zona franca per imprenditori parassiti"
Il sindacato torna sul tema che ha tenuto banco in queste settimane. E minaccia una nuova iniziativa popolare se non verrà adottato un salario minimo di almeno 21 franchi…
Foto: TiPress/Carlo Reguzzi
LUGANO – “Il Ticino ha urgente bisogno di un salario minimo dignitoso per combattere la crescente povertà e le molte distorsioni che investono il mercato del lavoro”. Così il sindacato UNIA, che torna sul tema che ha tenuto banco in queste ultime settimane. E minaccia una nuova iniziativa popolare se non verrà adottato un salario minimo di almeno 21 franchi…

“Se il Consiglio di Stato e il Gran Consiglio, nell'ambito dell'attuazione dell'iniziativa “Salviamo il lavoro in Ticino” approvata due anni fa, dovessero optare per una soluzione minimalista, il sindacato Unia Ticino, d'intesa con le forze politiche e sindacali interessate, promuoverà il referendum e lancerà una nuova iniziativa popolare”.

Purtroppo, nonostante la recente sentenza del Tribunale federale che ha confermato la legittimità di un salario minimo cantonale unico come strumento di politica sociale, il governo ticinese sembra voler prendere tempo, annotano i vertici del sindacato.

“Il nostro Cantone si trova ormai da anni stretto nella morsa del dumping salariale e si sta pericolosamente trasformando in una sorta di zona franca per imprenditori senza scrupoli, sempre più scollegata dal resto della Confederazione. Di qui l'urgenza di un intervento che finalmente fissi un salario minimo legale di almeno 21 franchi all'ora.

È tempo di una svolta radicale in materia di politica economica. Una svolta che migliori le condizioni salariali di migliaia di persone, ponga un argine al fenomeno della sostituzione della manodopera residente e allontani dalla piazza imprenditori parassiti di cui la nostra economia non ha certamente bisogno”.

Unia cita poi un'inchiesta pubblicata oggi dal quindicinale Area, dalla quale emerge che in Ticino, con un minimo legale di 20 franchi quasi 15 mila lavoratori (di cui il 66 per cento donne) otterrebbero un aumento e con 21 franchi più di 20 mila persone, impiegate prevalentemente nell'ambito delle attività manifatturiere, amministrative e del commercio.




Pubblicato il 01.09.2017 09:10

Guarda anche
Crisi e Lavoro
L’inchiesta era scattata in seguito a una segnalazione del sindacato OCST, che nell’ottobre dell’anno scorso parlò del più grave caso di mala edilizia mai emerso in Svizzera. Nel mirino è finita l’attività della Consonni Contract di Chiasso, che fa capo alla Consonni International Contract di Cantù
Crisi e Lavoro
Il DFE ricorda le principali disposizioni della Legge federale sul lavoro e della relativa Ordinanza al cui rigoroso rispetto vengono richiamate le parti interessate
Crisi e Lavoro
"Il suo presidente Edo Bobbià, che secondo quanto pensa la sinistra non appartiene all'emisfero politico che detiene il primato dell'anima sociale, si esprime dicendo: "non pensavo che la situazione in Ticino fosse ancora così critica". Malgrado gli aiuti (statali e di associazioni private) "ci sono molte famiglie in difficoltà di cui non si sa quasi niente".
Crisi e Lavoro
Gregor Zebic: “Se stai utilizzando per vendere i tuoi prodotti piattaforme come Amazon, Ebay, Booking, Rakuten o altre similari, devi considerare una cosa semplicissima: tu non sei il proprietario dei dati aggregati provenienti dai tuoi clienti, o in altre parole non sei il proprietario del futuro della tua attività"