Medici in prima linea
Una vittoria da salutare "con un sorriso a 32 Denti". Il presidente dell'OMCT esulta per il primo successo storico dell'Ordine contro le casse malati
Una vertenza cominciata oltre quattro anni fa e conclusasi in questi giorni con una sentenza favorevole del Tribunale Federale. Denti: "È stata una battaglia lunga e stressante"
© Ti-Press / Sara Solcà
LUGANO - Una prima vittoria storica contro le casse malati da festeggiare “con un sorriso a 32 Denti”. Il presidente dell’Ordine dei Medici esulta, in una comunicazione inviata agli associati, per la sentenza del Tribunale amministrativo federale (TAF) che ha dato ragione all’OMCT nella vertenza contro gli assicuratori.

 

Una battaglia legale con al centro il valore del punto tariffale (VPT), fissato dal Consiglio di Stato nel gennaio 2013 e impugnato dagli assicuratori aderenti a Tarifsuisse e da CSS nel febbraio di quell'anno,ormai quattro anni e mezzo fa. “Il risultato - scrive Denti - è più che soddisfacente per noi e si avvicina a una vittoria totale. Questa decisione a noi favorevole (la prima della storia dei contenziosi tra Ordini dei medici e assicuratori malattia) premia la professionalità e la serietà con cui l’OMCT ha fatto valere le nostre rivendicazioni. Credo che anche il nostro Consiglio di Stato possa ritenersi soddisfatto del risultato ottenuto, che conferma quanto da lui deciso nel periodo transitorio”.

 

“Il TAF - sottolinea Denti -. ha confermato il VPT a 0.95 cts per il 2011, mentre l'ha ridotto a 0.93 cts nel 2012, confermandolo tale per gli anni successivi (2013/2014/2015/2016 e 2017). Ora con i nostri consulenti esamineremo nel dettaglio le argomentazioni del TAF, che verranno presentate approfonditamente nel corso della prossima assemblea autunnale”.

 

“Con un sorriso a 32 Denti - termina il presidente dell’OMCT - vi ringrazio per il sostegno ricevuto in questa lunga e stressante battaglia.Un mio ringraziamento particolare va alla Commissione trattative e ai membri del Consiglio direttivo dell’Ordine”.



Pubblicato il 06.09.2017 09:29

Guarda anche
Medici in prima linea
"Dal 1. Gennaio 2019 i Cantoni dovranno assumere circa la metà dei costi delle cure ospedaliere stazionarie erogate in Svizzera anche per gli assicurati LAMal frontalieri, i pensionati e i loro familiari che risiedono in un Paese EU/AELS. Quali saranno le conseguenze finanziarie per il Ticino?"
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici: "È evidente che nel gioco delle parti, l’interesse delle casse malati sia quello di scoraggiare il più possibile il paziente a rivolgersi a un medico o a una struttura ospedaliera. Il problema è: a quale rischio? Davvero ci si vuole assumere la responsabilità di consigliere una persona sulla base di una telefonata? A mio avviso stiamo veramente giocando con il fuoco sulla pelle dei pazienti”
Medici in prima linea
Presa di posizione del Consiglio direttivo dell'OMCT: "Questa iniziativa delle cure mediche ospedaliere di prossimità permette altresì un miglior rapporto tra qualità delle cure e costi sanitari, conformemente a quanto richiede da sempre la LAMal: cure accessibili per tutti, di qualità e economicamente sostenibili"
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici ci scrive: "Di medici specialisti formati in Svizzera ne abbiamo a sufficienza, anche ticinesi, se non ritornano è perché spesso manca una programmazione. Più facile trincerarsi dietro i " non abbiamo trovato nessuno all'altezza in Svizzera" che fare autocritica"