Quarto Potere
"Io, uomo di centrodestra, voto contro l'iniziativa No Billag". Renzo Galfetti in campo: "Per noi ticinesi sarebbe da Tafazzi sostenere l'abolizione del canone"
Intervista all'avvocato chiassese: "L'errore più grande della RSI rispetto all'elettorato di centrodestra? Senza nascondersi dietro a un dito c’è un fatto incontestabile. Ovvero sia che negli ultimi anni alcuni giornalisti attivi alla RSI, hanno fatto un discorso di sinistra. Ma..."
©Ti-Press / Samuel Golay
COMANO - Renzo Galfetti, avvocato, chiassese, uno dei principi del foro cantonale, solido uomo di centrodestra. L’altro giorno vi abbiamo proposto la testimonianza di un 60enne ticinese, socialista, che voterà a favore della No Billag (leggi articolo correlato). Oggi, invece, facciamo alla rovescia, con un’intervista con un uomo da sempre schierato nel campo avverso alla sinistra, che si batte contro l’iniziativa.

 

Renzo Galfetti, perché un uomo di centrodestra combatte una proposta che è molto sostenuta dalla sua parte politica?

“Anche un uomo di centrodestra deve avere a cuore un’informazione completa e oggettiva, almeno come tentativo costante. Un’informazione libera da influenza editoriali ed economiche. Per riuscirci il presupposto è che sia pubblica. Giustamente in concorrenza con i media privati, che stimolano la completezza e il miglioramento, ma pubblica. A me fa paura l’idea che un domani l’informazione, senza un ente pastatale, sia gestita solo da editori con interessi economici e con il pericolo di influenze negative. D’altra parte non va dimenticato che, come ticinesi, paghiamo 1 e riceviamo 20 per questo servizio pubblico nell’ambito della solidarietà confederale: dovremmo essere gli ultimi a lamentarci. Votare a favore della No Billag sarebbe da Tafazzi per i cittadini di questo cantone".

 

Ha toccato il tema dell’informazione: in molti dal centrodestra accusano di faziosità la radiotelevisione pubblica. Cosa ne pensa di questa critica?

“Io non nego che possa capitare, che sia capitato, qualche servizio di informazione segnato da legittimi pensieri di compiacenza verso sinistra. Ma questo dipende secondo me dall’incapacità di certi giornalisti. Il giornalista deve essere serio e oggettivo e soprattutto indipendente dalla casacca che porta. E poi, fra parentesi, c’è da chiedersi se un partito che si ritiene maltrattato dalla televisione, e magari in una certa misura ha ragione, strillando e facendo la vittima non ottenga molto più consenso, rispetto a quel partito che sarebbe stato favorito”.

 

Lei batte molto il chiodo sul tema dell’informazione. Ma la RSI non è solo informazione. Ci sono programmi di intrattenimento, ad esempio. Quiz, serie tv, film. A fronte della spesa del canone ritiene necessario un ripensamento dell’offerta del servizio pubblico, oppure no?

“Io trovo che le trasmissioni della RSI - penso a Falò, Patti Chiari e certi documentari - siano fatte veramente bene. Il mio giudizio è quindi sostanzialmente positivo. Noi abbiamo una televisione di serie A, in un paese di 300’000 abitanti, che può tranquillamente reggere il confronto con televisioni pubbliche che possono contare su un bacino di utenza e commerciale di 60 milioni di utenti”.

 

Veniamo al costo del canone: 460 franchi all’anno sono troppi?

“A nessuno fa piacere pagare le tasse. Ma la consumazione è la contropartita che si ha in questo “scambio”. La mia famiglia paga le imposte e in cambio riceve strade in ordine, scuole in ordine, ospedali in ordine e così via. Gli attuali 460 franchi all’anno, che includono anche il finanziamento a radio e tv private, a me non paiono eccessivi. E poi, ribadisco: in Ticino il canone che dovremmo pagare sarebbe immensamente più elevato, rispetto a quel che riceviamo. Diciamoci la verità: da ticinesi paghiamo un importo politico in nome della coesione nazionale”.

 

Eppure, in questo momento di crisi, soprattutto in zone sofferenti come il nostro Mendrisiotto, quei 460 franchi possono rivelarsi comunque una cifra importante…soprattutto, sostengono alcuni, quando non si usufruisce del servizio o solo in piccola parte.

“La Svizzera ha una socialità di prim’ordine e far rientrare il canone in un discorso di giustizia sociale può essere un elemento da considerare. Quanto alla consumazione del servizio vorrei dire questo. Magari noi non prendiamo mai il treno ma le ferrovie le finanziamo lo stesso con le nostre imposte. Magari non abbiamo figli ma con le nostre tasse contribuiamo a finanziare le scuole. Lo stesso dicasi per i vari sussidi sociali. Siamo nell’ambito di un principio di solidarietà e di condivisione di una società”.

 

Non parliamo dei politici o degli imprenditori. Parliamo del popolo di centrodestra, i cittadini comuni, che lei conosce bene. Perché in una parte di loro si fa strada l’idea di votare a favore della No Billag. Esiste un peccato originale commesso dalla RSI?

“È difficile da individuare. Ma senza nascondersi dietro a un dito c’è un fatto incontestabile. Ovvero sia che negli ultimi anni alcuni giornalisti attivi alla RSI, hanno fatto un discorso di sinistra che, chiaramente, non è piaciuto all’elettorato di centrodestra. Ma, ribadisco quanto detto poc’anzi, il problema è dei giornalisti: la capacità professionale deve sempre prevalere sulla casacca politica”.

 

Negli ultimi tempi ha notato dei miglioramenti in questo senso?
“Io credo che se la tua automobile ha uno specchietto retrovisore rotto, lo aggiusti senza buttare l’automobile. Sono molto fiducioso sul fatto che la gente analizzerà bene tutta la problematica prima di votare. Sono sicuro che i cittadini sapranno fare un ragionamento in grado di andare oltre a un approccio individuale, ma che sappia tener conto della famiglia, delle future generazioni, di un interesse pubblico e collettivo”.

 

Torniamo per un attimo sul piano sociale. Un altro elemento che, a torto o a ragione, bolle in una parte dell’elettorato, è che i dipendenti della RSI vengono visti come dei privilegiati, in un contesto socio-economico sempre più incancrenito. Un riflesso che abbiamo già visto di recente con i docenti nell’ambito della votazione sulla civica. Come si affronta questo argomento?
“Sì, è vero, ma è una cosa che accade sempre quando si tratta di votare su temi simili, in un contesto difficile. Voti di pancia sono quindi da tenere in considerazione. Attualmente la politica ha una considerazione bassissima nella popolazione: un livello che non ho mai visto negli ultimi 50 anni. Tutta questo genera una rabbia sociale, che prima o poi si sfogherà in una direzione o nell’altra. In questa dinamica vengono considerati dei privilegiati gli avvocati, i medici, i docenti, i giornalisti che lavorano in Tv, eccetera. Quando c’è malessere tutte queste categorie sembra che stiano molto meglio di noi. È un processo d cui bisogno sicuramente tenere conto”.

 

E la RSI cosa può fare per contribuire ad invertire questo sentimento? C’è un modo?
“Io ho un po’ l’impressione che qualsiasi cosa faccia rischi di fare dei danni. Meno fa e meglio è. Lasci il dibattito a chi è fuori”.


AELLE



Pubblicato il 09.10.2017 12:15

Guarda anche
Quarto Potere
Intervista esclusiva al CEO del Gruppo del Corriere del Ticino che parla per la prima volta della votazione che mira ad abolire il canone: "Una rete tv pubblica fedele alla propria missione è un elemento prezioso per la democrazia. Noi megafono del centrodestra? Tutte invenzioni. Spero che Marchand non sia stato nominato troppo tardi. I derby di hockey "regalati" da UPC? Falso. E dai dipendenti della RSI reazione delirante...."
Quarto Potere
Il dibattito sulla No Billag, da un paio di mesi, è molto acceso sui social, sui siti e, in parte, anche sui giornali. Sulle radio e sulle televisioni che invece beneficiano dell’oggetto del contendere, il canone, non esiste. O per meglio dire esiste soltanto come noioso e doveroso oggetto di cronaca
Quarto Potere
Il presidente della CORSI ci scrive dopo la nostra recensione della serie tv della RSI che ha mandato su tutte le furie i cacciatori: "Ciò che mi è piaciuto del commento è la chiara e onesta distinzione fra la responsabilità autoriale e quella aziendale: un prodotto mal riuscito non deve portare alla condanna di tutta l'azienda!"
Quarto Potere
La scena che ha scatenato le ire degli appassionati dell’attività venatoria, è quella in cui un cacciatore prima fa la pipì, poi sorseggia della grappa e, infine, spara per errore a una ragazzina uccidendola. La provocazione è forte, e potrebbe anche essere interessante, ma è talmente costruita e raccontata male - sia prima che dopo la fucilata - da risultare un “bimbicidio” da caccia grottesco. Il problema, insomma, è la qualità del prodotto più che i suoi contenuti