Salute e Sanità
Inaugurato a Tenero il Centro abitativo e di cura 'Il Vigneto'. È la quinta struttura per la terza età in Ticino gestita dal Gruppo Tertianum
“È qui che voglio vivere”. Con questo slogan Tertianum vuole definire che nelle sue strutture si offre casa a persone con un proprio vissuto, casa dove potranno continuare a vivere secondo le proprie abitudini ed esigenze mantenendo un elevata qualità di vita
TENERO - È stato inaugurato nei giorni scorsi a Tenero il Centro abitativo e di cura Al Vigneto alla presenza del ministro Paolo Beltraminelli e di numerose autorità dell’ambito politico e sanitario della regione.

“Il Centro abitativo e di cura di Tenero è la quinta struttura in Ticino facente parte del Gruppo Tertianum AG, leader svizzero nel settore dei servizi concernenti assistenza, e cure per la terza e quarta età”, spiegano i dirigenti del gruppo.

“È qui che voglio vivere”. Con questo slogan Tertianum vuole definire che nelle sue strutture si offre casa a persone con un proprio vissuto, casa dove potranno continuare a vivere secondo le proprie abitudini ed esigenze mantenendo un elevata qualità di vita.

“E questo è anche il concetto alla base del nuovo Tertianum Al Vigneto: 69 appartamenti a misura di anziano, privi di barriere architettoniche e di varia metratura. Tutti dotati di servizio di sicurezza attivo 24 ore su 24 al quale risponderà il servizio spitex interno.  Gli appartamenti permetteranno agli ospiti di vivere in maniera indipendente e autonoma utilizzando servizi aggiuntivi su richiesta quali servizio ristorazione, servizio lavanderia e stiratura, pulizia dell’appartamento, aiuto per lavori quotidiani.

E se un giorno la vita in appartamento dovesse diventare difficoltosa e gli ospiti dovessero necessitare di un aiuto sanitario maggiore, la struttura mette a disposizione 40 camere (di cui due doppie) nel moderno reparto cure”.

All’interno della struttura sarà presente inoltre un centro diurno gestito da Pro Senectute che permetterà agli ospiti e agli esterni che lo desiderano, di partecipare ad un vario programma di animazione.

L’offerta è completata da un bistrò aperto sette giorni su sette che potrà fungere da importante luogo di ritrovo e da uno studio di fisioterapia.

La struttura, di proprietà di Credit Suisse Real Estate Fund LivingPlus, un fondo immobiliare di Credit Suisse e costruita dal gruppo Implenia, offrirà quindi un’offerta completa che potrà soddisfare le esigenze di una grande parte di popolazione.

Contatto per ulteriori informazioni: Stefan Brunner, responsabile Tertianum Regione Ticino, stefan.brunner@tertianum.ch 091 756 37 37
Richard Eyer, responsabile di struttura, richard.eyer@tertianum.ch, 091 601 22 22.

Il Gruppo Tertianum conta ad oggi 76 strutture in 16 Cantoni con 1812 appartamenti protetti e 2877 letti di cura. Il Gruppo occupa circa 4342 collaboratrici e collaboratori e ha realizzato nel 2016 una cifra d’affari di 400 milioni di franchi.
In Ticino il Gruppo Tertianum gestisce attualmente 5 strutture: la Residenza Al Parco a Muralto, la Residenza Al Lido a Locarno, la Turrita a Bellinzona, il Parco Maraini a Lugano, Al Vigneto di Tenero.



Pubblicato il 12.11.2017 14:50

Guarda anche
Salute e Sanità
Il Consigliere Nazionale UDC: "Sentire dalla bocca del professor Moccetti in televisione che si è sentito umiliato, credo rappresenti una sconfitta per tutto il sistema socio sanitario ticinese. È un’affermazione che dovrebbe far riflettere tutti”"
Salute e Sanità
Lettera del papà del Cardiocentro: "Ora vedremo, se e in quale modo, tutto questo sentimento popolare verrà recepito dall’Ente ospedaliero. Quello che io chiedo all’EOC è chiarezza. Una chiarezza che purtroppo è venuta a mancare in tutti questi anni e anche nei tempi più recenti. Preferisco che mi dicano “vogliamo disfare il Cardiocentro”, piuttosto che continuare su questa strada fatta di rinvii e tentennamenti"
Salute e Sanità
Migliaia e migliaia di click. Centinaia di condivisioni sui social. E un'ondata di post, e-mail, sms e telefonate da parte dei lettori per esprimere sostegno al Cardio e al suo fondatore. Eccone alcuni
Salute e Sanità
Lettera al papà dell'ospedale del cuore: sento il dovere, e il piacere, di porgertela questa mano, come tu l’hai stretta a me quando mi trovavo in quel girone orgiastico della sofferenza che sono le cure intense. Soltanto chi l’ha vissuto, chi si è fatto squartare per sopravvivere, conosce il valore immenso di risvegliarsi a casa, con le persone di casa, con la lingua di casa, con la vista sui luoghi di casa