Salute e Sanità
"Il Cardiocentro dovrà mantenere un'indipendenza sia medica che gestionale". Parola dei Principi del bisturi di EOC e ospedale del cuore. Un rapporto medico sul futuro dell'ospedale del cuore disegna una svolta clamorosa
Una commissione composta dai primari dell'Ente ospedaliero e del Cardiocentro - coordinati dal professor Rosso - afferma che l'istituto di Tiziano Moccetti dovrà mantenere la sua indipendenza anche dopo il 2020, quando scadrà la convenzione con l'EOC
Ti Press
BELLINZONA - Il Cardiocentro dovrà mantenere un'indipendenza sia medica che gestionale. Ad affermarlo, secondo quanto riferito dal Quotidiano, è una Commissione medica mista, composta da primari del Cardiocentro e dell’EOC.

 

Una commissione coordinata dal professore Raffaele Rosso e incaricata dalle parti - Ente e Cardio - di tratteggiare il futuro dell’ospedale del cuore. Un futuro che, come è noto, è legato a una data precisa: il 31 dicembre 2020 scadrà infatti la convenzione tra l’Ente e l’istituto fondato da Tiziano Moccetti.

 

Ebbene, il gremio dei clinici - una sorta di tavola rotonda dei Principi del bisturi - è arrivato all’unanimità a una decisione sorprendente e ben lontana dall’ipotesi di inglobamento nell'Ente o addirittura di smantellamento del Cardiocentro. I primari, insomma, sembrano aver sposato la linea dell’autonomia dell’ospedale del cuore da sempre sostenuta dal professor Moccetti che, nelle scorse settimane, aveva lanciato l’allarme sul futuro dell’ospedale.

 

Secondo il rapporto non ci dovrà più essere una fondazione, riferisce sempre la RSI, ma un Istituto (un po' come lo IOSI o il NeuroCentro). Un nuovo soggetto nell'EOC, integrato ma distinto. Si tratta insomma di una svolta clamorosa nell’intricata vicenda, dopo le fortissime tensioni degli ultimi mesi nelle trattative in corso tra EOC e Cardiocentro.

 

Il rapporto della Commissione mista dei medici, sottolinea sempre la RSI, verrà presentato a gennaio al Gruppo di lavoro misto Cardiocentro-EOC coordinato da Luca Crivelli. Poi toccherà al CdA dell'Ente decidere entro fine del 2019 quale ipotesi sottoporre al Governo e al mondo politico ticinese.

 

Il percorso affinché l’autonomia del Cardiocentro venga preservata poggia dunque ora su un pilastro medico-scientifico non da poco. Non si tratta ovviamente di un parere vincolante sulle future scelte che dovrà affrontare prima l’Ente e poi la politica. Ma certo sarà difficile che l’EOC e i politici non ne tengano conto….



Pubblicato il 06.12.2017 19:27

Guarda anche
Salute e Sanità
Il medico: “Vogliamo far capire al paziente che è al centro della nostra attenzione, insegnargli ad essere un paziente: non vogliamo che si abbandoni nelle mani di un medico, ma che sia protagonista della propria guarigione, anche nell’affrontare l’intervento… E queste secondo me non sono sole le nuove frontiere dell’anestesiologia, ma anche quella della medicina generale e d’urgenza”
Salute e Sanità
La presidente della Commissione sanitaria del Gran Consiglio: "Il percorso è appena iniziato ma difficilmente la politica potrà ignorare questo rapporto. Il parere è stato sottoscritto dal professor Raffaele Rosso e dagli altri primari, non è che stiamo parlando proprio degli ultimi arrivati…"
Salute e Sanità
Intervista al dottor William Pertoldi, responsabile del nuovo ambulatorio di Moncucco: "Alcuni pensano di poter gestire il 90enne come se fosse un adulto. Noi non dobbiamo solo occuparci del paziente ma anche delle famiglie. Da una parte la difficoltà maggiore è quella di non banalizzare certe problematiche, dall’altra dobbiamo essere capaci di far capire che determinate situazioni croniche, non possono essere risolte. L'obbiettivo è la qualità di vita"
Salute e Sanità
Il deputato del MPS: "E a Faido si smantella l'ospedale. I più si accorgono del problema quando i buoi non solo hanno lasciato la stalla da un pezzo, ma sono già morti di vecchiaia"
  • Le più lette