Il medico: “Utilizziamo il ‘Right eye’ prevalentemente nella diagnosi e nel trattamento delle commozioni cerebrali dei giocatori di hockey”, spiega il dottor Marco Marano, specialista FMH in ortopedia e traumatologia all’Ars Medica di Gravesano, nonché uno dei team doctor dell’Hockey Club Lugano
Con poco meno di 200 letti, la Clinica Luganese Moncucco rappresenta oggi la struttura privata più grande del Ticino e, anche nel confronto con gli ospedali pubblici, risulta una delle maggiori strutture del Cantone
L'ex direttore dell'Ospedale regionale di Bellinzona e vicepresidente del PLR: "Faccio fatica a capire come mai, nel caso sollevato alcuni giorni fa, il Consiglio di amministrazione dell'EOC, autorità di nomina di tutti i medici primari, non sia intervenuto in questo senso al momento della nomina”
Protagonista del caso che oggi vi raccontiamo è un medico al quale, per carità, non si può rimproverare nulla. La 'colpa' è semmai dell'EOC. E, considerato il clima da caccia alle streghe che si respira di questi tempi ci asteniamo dal fornire ulteriori dettagli su di lui...
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), una delle principali cause di disabilità è la depressione. Il suo impatto sulla qualità di vita è profondo, in quanto può compromettere la capacità di una persona di eseguire anche le attività quotidiane più semplici, con conseguenze a volte gravi per le relazioni e il lavoro
Secondo Jessica Farrar “va punita, con una multa di 100 dollari, ogni eiaculazione al di fuori di una vagina o di una banca del seme in quanto atto contro un bambino mai nato e delitto alla santità della vita”
Intervista al dottor Pio Eugenio Fontana, responsabile della Geriatria della Clinica Moncucco, che racconta il nuovo ambizioso progetto della struttura sanitaria: "Presto apriremo un ambulatorio per i malati anziani. Ci faremo carico dei pazienti a 360 gradi: quindi sia dal profilo fisico, che psichico, che sociale. Ecco come"
Ricerca, innovazione e definizione dei progetti comuni i temi al centro dell’incontro di un gruppo di lavoro formato dai responsabili della Fondazione Cardiocentro Ticino e i rappresentanti dell’ateneo zurighese.
Il centro cardiaco luganese è il primo ospedale ticinese ad aderire al progetto pilota di prevenzione delle infezioni postoperatorie promosso dall’associazione nazionale Swissnoso. Obiettivo: l’abbattimento in due anni del tasso svizzero di infezione del sito chirurgico di ben 10 punti percentuali
Video
La rete di corridoi di volo strumentale (IFR) permette agli elicotteri, anche in caso di scarsa visibilità, di volare seguendo corridoi prestabiliti. Ogni anno, a causa della scarsa visibilità, la Rega non può prestare rapido soccorso aereo a circa 600 pazienti
In quanto non disponibile al trasferimento in uno dei pochissimi centri universitari specializzati in questo tipo di intervento, il paziente è stato gestito direttamente al Cardiocentro in collaborazione con l'Ospedale Civico
Il direttore della struttura, Eolo Alberti: “Si trattava di gestire tutto il servizio di anestesiologia: non solo i medici, ma anche il personale infermieristico. Ecco come ci siamo organizzati".
54 anni, biologo, nato nel Bergamasco ma con forti legami col Ticino, relatore ai forum di Davos e Cernobbio, tra i protagonisti di un film di Ermanno Olmi, docente in Florida, direttore di centri di ricerca clinica a Milano e San Giovanni Rotondo... Un curriculum biblico, insomma. Ecco i suoi progetti nel nostro cantone
I vertici dell'Ente: "Se confermata, la sentenza sancirebbe l’obbligo di ogni ospedale di identificare anche a mesi di distanza l’autore di ogni gesto di routine, medico-terapeutico, con un potenziale impatto sull’evoluzione dello stato di salute del paziente"
Sul piano umano si è distinto per il suo anticonformismo sui temi etici ma anche nel rapporto con la moglie, Sultana Razon, dalla quale ha avuto sei figli e che, in un libro, ha rivelato le relazioni extraconiugali del marito e di quando un giorno, in auto, le confessò di aver avuto un figlio da un’altra donna
Gallery
L’annuncio apparso su vari siti e social è il seguente: “Si ricercano infermieri con esperienza lavorativa per prestigiose strutture sanitarie — diversi reparti: Ospedali, Cliniche universitarie, Cliniche regionali, Strutture riabilitative, Centri di salute…"
Le domande sono: si può guardare e cercare un orizzonte diverso? Si può investire senza speculare? Immaginare un’alternativa al mantra dell’investimento che ha un solo obiettivo: la massimizzazione del profitto? Le risposte le ha date un convegno organizzato dalla Clinica: si può!
Una bella inchiesta della Regione svela la notizia e lancia l'allarme. Ad essere particolarmente pericolose sono le pillole di terza generazione: "Auspico e mi attendo che le giovani, che inizieranno a prendere la pillola, saranno sempre più indirizzate su quelle meno rischiose", afferma Giovan Maria Zanini
Europa Donna della Svizzera Italiana, fondata nel 2006, s'impegna per promuovere l'informazione e la comunicazione sulla salute e la malattia del seno attraverso la pubblicazione di materiale informativo e non solo.
Intervista al direttore dell'ospedale del cuore: "La nostra forza è l'indipendenza. L'Istituto di medicina rigenerativa che stiamo costruendo al palazzo Mizar un'occasione straordinaria: si sono fatti vivi ticinesi che vivono negli USA disposti a tornare. Beltraminelli nel CdA dell'EOC per me è un errore, che paga soprattutto lui. I premi aumentano eccessivamente, mi piacerebbe capire cosa guarda Mister Prezzi....Figlio di papà? Giudicatemi dai risultati"
Riportare in Ticino un mandato di medicina altamente specializzata, era un obbiettivo ambizioso - stabilito l’anno scorso - nel quale la Clinica, i medici e tutte le altre figure professionali coinvolte (specialisti in nutrizione e dietisti) hanno fortemente creduto
L'Internazionale rilancia e traduce un articolo del columnist Gwynne Dyer che fa il punto fa il punto su uno dei rischi maggiori legati a questi farmaci: quello che non funzionino più. “La diffusione della resistenza batterica sta diventando più rapida dello sviluppo di nuovi antibiotici”, ha avvertito la direttrice generale dell’Organizzazione mondiale della sanità Margaret Chan