Cronaca
Johann Schneider Amman dichiara guerra al turismo degli acquisti e Doris Leuthard fa la spesa in Italia? La Presidente della Confederazione sarebbe stata "beccata" al supermercato Unes di Maccagno
Lo scrive (con foto) il Giornale del Ticino, proprio nel giorno in cui il ministro PLR annuncia nuove misure per abbassare i prezzi con l'obbiettivo di scoraggiare la spesa oltre confine
LUGANO - Nel giorno in cui Johann Schneider Amman lancia la battaglia contro il turismo degli acquisti, la sua collega Doris Leuthard è al centro di un gossip lanciato dal Giornale del Ticino, che va esattamente nella direzione opposta rispetto a quella auspicata dal collega.

 

Se il Consigliere Federale PLR ha infatti annunciato che il Governo è pronto a presentare nuove misure per abbattere i prezzi con l’obbiettivo di scoraggiare la spesa oltre frontiera, la sua collega PPD sarebbe stata beccata oltre frontiera, a Maccagno, a fare acquisti.

 

Secondo quanto riferisce il sito, che allega come prova la fotografia che vedete in apertura, Leuthard  - che attualmente ricopre anche la carica di Presidente della Confederazione - si sarebbe recata alla Unes di Maccagno, a pochi chilometri dalla frontiera di Dirinella, che divide l’Italia dal Gambarogno, dove la Consigliera Federale ha una casa di vacanza. Il Giornale del Ticno non precisa quando sia stato effettuato lo scatto. 

Si attendono conferme, smentite, silenzi o precisazioni....



Pubblicato il 15.07.2017 12:44

Guarda anche
Cronaca
Il 36enne che ora è accusato di omicidio volontario, subordinatamente colposo, e di tutte le possibili e immaginabili violazioni del codice stradale, era uscito da pochi giorni dalla clinica psichiatrica di Mendrisio. E nonostante questo aveva la patente. Che una settimana fa si è trasformata in una sorta di licenza di uccidere, per parafrasare un celebre film di James Bond
Cronaca
Intervista all'ex procuratore pubblico che riflette sulla morte del Capo dei Capi di Cosa Nostra, ricorda gli anni in cui da magistrato combatteva la mafia e ammonisce sul futuro: "Quando nel 2000 lo interrogai si limitò ad augurarci buona giornata. Riina si è sporcato le mani di sangue come quasi nessuno. Ma oggi combattere la criminalità organizzata è ancora più difficile"
Cronaca
Impossibile calcolare le vittime mietute da Totò Riina, dalla gioventù corleonese, all’arresto palermitano. Sia tra i mafiosi, sia tra gli uomini dello Stato, sia tra i civili
Cronaca
Sul posto, per i primi soccorsi, è intervenuto un equipaggio di Tre Valli Soccorso. Per permettere i rilievi da parte del servizio incidenti, l'autostrada è stata chiusa e il traffico deviato sulla cantonale da Varenzo a Faido. Il perturbamento si protrarrà ancora per diverse ore