Politica e Potere
BancaStato: il Consiglio di Stato nomina Luca Soncini nel CdA della banca cantonale
Licenziato in scienze economiche all’università di Friborgo, Luca Soncini ha maturato un’esperienza trentennale in ambito bancario e finanziario presso due importanti istituti bancari
BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha nominato Luca Soncini nel Consiglio d’Amministrazione della Banca dello Stato del Cantone Ticino.

Licenziato in scienze economiche all’università di Friborgo, Luca Soncini ha maturato un’esperienza trentennale in ambito bancario e finanziario presso due importanti istituti bancari, nel primo quale Direttore Generale, responsabile delle attività di Private Banking dapprima e del Corporate Center poi e nel secondo, quale membro della Direzione generale, responsabile delle finanze (CFO).

Pubblicato il 11.10.2017 17:11

Guarda anche
Politica e Potere
La GISO: "È giunto il momento di rinnovare il partito, a livello generazionale, ma soprattutto sul piano delle idee. Il PS si è pronunciato e dovrà ricordare la presa di posizione di questa Conferenza Cantonale durante le discussioni sulle liste per le prossime elezioni cantonali: da chi vogliamo essere rappresentati nelle istituzioni?"
Politica e Potere
La posizione del presidente Righini e dei giovani ha ottenuto la netta maggioranza dei delegati riniti a Camorino. Ben 95 i voti favorevoli, contro i soli 39 raccolti dalla “mozione Bertoli” che chiedeva di non schierare il partito in prima linea nella raccolta firme
Politica e Potere
Durissimo attacco dell'ex coordinatore della gioventù socialista Aramis Gianini al ministro Bertoli e alla parte del gruppo parlamentare che appoggia la riforma fiscosociale: "Nel mio quartiere, dove nessuno è Dottore in scienze politiche, ma a conti fatti nessuno è fesso, si ripete il mantra per cui quelli lì, i trafficoni della politichetta, fanno sempre quello che vogliono. E anche se non è vero per tutti, lo è per molti"
Politica e Potere
L'avvocato di Mendrisio: "La visita alla pista addobbata è un pretesto per uscire di casa, per “socializzare”, come si dice oggi, in una piazza che finalmente vive. Sono anni che vanamente chiedo ai politici di estendere il periodo in cui questa pista allieta l’inverno. Le mie richieste sono sempre cadute nel vuoto vuoi invocando il riscaldamento globale terrestre, oppure sommerse dal nuovo mantra del “ghé pü da danee”