Filtra per

Regione Luganese Locarnese Bellinzonese Valle di Blenio
Categoria Musica Teatro Appuntamenti Arte Altro Feste
Miller Anderson Band - Creedence Clearwater Revived feat. Johnnie "Guitar" Williamson
Piazza , Cevio
20.30

Remember Woodstock 1969-2019 - 50° Anniversary

Serata "Remember Woodstock 1969-2019 - 50° Anniversary". Aprirà la serata (ore 20:30) la Janis Joplin italiana, Arianna Antinori con il suo gruppo. Salirà quindi sul palco (ore 21:45) la Miller Anderson Band che proporrà per intero il concerto che la "Keef Hartley Band", nella quale militava un giovane Miller Anderson, tenne 50 anni orsono al festival di Woodstock. In chiusura (ore 23:15) la Creedence Clearwater Revived, accompagnata dal grande Johnnie "Guitar" Williamson, proporrà il concerto che i leggendari "Creedence Clearwater Revival" di John Fogerty - uno dei gruppi di maggiore successo a cavallo della fine degli anni ’60 e dei primi anni ’70 - suonarono 50 anni fa al leggendario festival.

 

Star della serata: Miller Anderson Band e la Creedence Clearwater Revived featuring Johnnie "Guitar" Williamson. Opening-act: Arianna Antinori.

 

Miller Anderson Band
Playing Keef Hartley Band's Woodstock-Concert 1969

Per degnamente festeggiare il 50° del Festival di Woodstock Miller Anderson (a quei tempi nella band del batterista, ex-John Mayall, Keef Hartley) ha deciso di tornare on the road e presentare per filo e per segno lo stesso set che la band di allora suonò al mitico festival. Era esattamente il 16 agosto 1969 quando, quale membro fondatore, chitarrista e cantante, Anderson calcò il palco di Woodstock con la Keef Hartley Band. Ora arriva al Magic Blues con due ospiti d’eccezione, il sassofonista Lee Mayall (nipote del leggendario John Mayall) e Klaus Marquardt, considerato il Jimi Hendrix del violino. Miller Anderson è noto per essere stato anche tra i membri fondatori di tre storici gruppi dei ’60: Savoy Brown, Chicken Sacks e Mountain. Ha suonato quale ospite speciale con i Deep Purple (visibile nel CD/DVD del 1999 alla Royal Albert Hall) e collaborato in studio e dal vivo con il tastierista Jon Lord. Per 25 anni è pure stato ospite dello Spencer Davis Group e dal 2012 al 2015 ha sostituito Clem Clempson nella Hamburg Blues Band, già ammirata due volte al Vallemaggia Magic Blues. Ha inoltre pubblicato diversi CD a suo nome, trai quali i pluripremiati “Chamaleon” e “Lzard Rock” oltre al recente “Live at Herzberg”. Miller è noto per essere uno die più grandi virtuosi Blues-Rock, soprattutto alla chitarra slide. Pregevoli i suoi assolo con il pedale wah-wah.

 

Creedence Clearwater Revived featuring Johnnie "Guitar" Williamson
Rivive la leggenda del gruppo di John Fogerty
I Creedence Clearwater Revival di John Fogerty sono stati uno dei gruppi di maggiore successo a cavallo della fine degli anni ’60 e dei primi anni ’70. A Cevio rivivranno alla grande grazie ai Creedence Clearwater Revived, con Johnnie Guitar Williamson alla chitarra solista quale ospite speciale. Da oltre 20 anni sono in giro per il mondo, suonando con passione e gioia tutti i brani immortali scritti dal geniale John Fogerty, incisi recentemente nel loro CD “Alive in the Swamp”, e attirando una fiumana di gente ai loro concerti (50.000 a Torino e 35.000 a Roma). Nella ricorrenza del 50° di Woodstock la band proporrà l’intero set suonato allora dai Creedence Clearwater Revival, aggiungendo altri classici, che tutti i giovani di allora avranno cantato almeno una volta nella vita. Sarà l’occasione per riascoltare “Proud Mary”, “Fortunate son”, “Bad moon rising”, “Green river”, “Who’ll stop the rain” e molti altri hits. L’attuale formazione è composta dal veterano del Rock’n’Roll Walter Day, ex-Eagles e Move, da Chris Allen e John Doyle dei Troggs, oltre al già citato Johnny Guitar Williamson. Classe 1947, il chitarrista solista è sulla cresta dell’onda da ormai 50 anni. Oltre che con i Creedence Clearwater Revived, per anni ha suonato negli Animals e nel gruppo norvegese Titanic e vanta pure alcune esibizioni negli anni ’90 con gli originali Creedence Clearwater Revival.

 

Arianna Antinori
La Janis Joplin italiana ma non solo
Arianna Antinori, soprannominata la Janis Joplin italiana, è nata a Roma nel 1981, ma vive da tempo a Vicenza. Il canto è da sempre la sua grande passione. All’età di 13 anni ha iniziato a suonare la chitarra, seguendo le orme del padre, compositore e musicista, sviluppando in tal modo la sua vena musicale. Ha mosso i primi passi quale cantante Rock/Blues con i The Turtle Blues, gruppo tributo al Rock psichedelico tanto in voga negli anni 60/70 Arianna ama in maniera viscerale quel sano rock che affonda le sue radici nel blues, nel soul e nel rock’n’roll. Ha calcato importanti palchi, come Pistoia Blues e Tropea Blues. Nel 2010 ha vinto il 1° premio quale miglior interpretazione della canzone “Mercedes Benz” di Janis Joplin al concorso indetto dalla famiglia di Janis Joplin, Michael e Laura Joplin. Nell’ottobre dello stesso anno, dopo questo importante riconoscimento, è stata chiamata a cantare con la band Originale di Janis Joplin, i Big Brother & the Holding Company, e da allora è stata nominata cantante guest della band e aiuto promoter per l’Italia e l’Europa. Nel 2012 ha pubblicato il suo primo cd di inediti AriannAntinori, con all’interno una cover scritta nel 1968 da Janis e Dave Getz “Can’t Be The Only One”, brano che la Joplin non incise mai. Getz infatti trovò il testo in una scatola nel 2010!. Recentemente è uscito il nuovo cd Hostaria Cohen.

 

Offerta Backstage
Musica e specialità culinarie al “Vallemaggia Magic Blues”. Acquistando i biglietti "Speciale Backstage" potrete trascorrere una serata a fianco di organizzatori, sponsor, invitati e naturalmente le band che si esibiranno. Aperitivo dalle 19:30 e cena dalle 20.00 al prezzo di 120.00 CHF che comprende: l’ingresso ai 3 concerti sulla piazza, l’aperitivo e la cena con specialità alla griglia (bibite escluse). Posti limitati. Riservazione obbligatoria.

 

Prezzi e Informazioni
Apertura casse in Piazza:              ore 18.30
Entrata ai concerti sulla piazza:      25.00 CHF (prevendita) 30.00 CHF (cassa serale)
Ragazzi (fino a 12 anni):               gratis
Disabili con accompagnatore:         gratis
Offerta Backstage:                       120.00 CHF (prevendita(riservazione obbligatoria)
Ulteriori informazioni sotto:           www.magicblues.ch
Facebook:                                   www.facebook.com/magicblues

 

LuogoPiazza
Indirizzo / ViaCevio
PrevenditaAcquista biglietti su Biglietteria
Acquista biglietti
Masha Dimitri "La Coeurdonnière"
Teatro Dimitri, Verscio
20.30

Ritorna la nostra amata riparatrice di cuori.

Se il vostro cuore è infranto, pesante, o, peggio, di pietra, ci pensa Masha Dimitri, esperta Coeurdonnière.

Nel suo magico atelier, l’esperta in riparazioni di cuori troverà la soluzione al vostro problema, e il cuore tornerà gioioso, aperto e leggero, anzi avrà le ali per volare. Un universo ludico e poetico che mescola l’arte della clowneria, il circo e la magia.

Dai 6 anni, per famiglie | 75  min. | Senza parole

LuogoTeatro Dimitri
Indirizzo / ViaCaraa du Teatro Dimitri, Verscio
Prezzo35 CHF
Etàdai 6 anni
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
PrevenditaAcquista biglietti su Ticketino
Decoding wireless: passeggiata 'senza fili' a Lugano
Piazza Indipendenza, Lugano
18.00

Il progetto "Decoding Wireless", condotto da USI e SUPSI con il sostegno del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica, ha l'obiettivo di comprendere appieno la portata non solo tecnologica ma anche antropologica della comunicazione senza fili. A complemento dell'istallazione interattiva in Piazza Indipendenza a Lugano, la "passeggiata senza fili" condurrà i partecipanti lungo un percorso cittadino per farli conoscere da vicino le infrastrutture nascoste del wireless. La partecipazione è gratuita, previa iscrizione: www.decodingwireless.ch

LuogoPiazza Indipendenza
Indirizzo / Via , Lugano
Info0586664792
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Suoni d’oro e velluto al Parco Scherrer
Parco Scherrer, Morcote
Ore 20.30

La serie dei quartetti a Ceresio Estate continua con il giovane ensemble Tromboncino, che prende il nome dal compositore e trombonista rinascimentale Bartolomeo Tromboncino e si dedica con passione al repertorio attraverso i secoli di questo versatile e un po’ negletto strumento.

I quattro premiati musicisti svizzero-tedeschi (Remo Abächerli, Jonas Inglin, Jeanine Murer e Roger Rütti) si sono conosciuti nel corso della loro formazione presso la Hochschule für Musik di Lucerna e, dopo varie felici collaborazioni, hanno deciso nel 2017 di formare un gruppo stabile.

Per il concerto previsto al Parco Scherrer (in caso di cattivo tempo: Chiesa San Rocco) hanno preparato un piacevole programma di autori del novecento e contemporanei (tra cui lo spassoso “Trombone Quartet” di Daniel Schnyder) che non mancherà di mettere in risalto la voce vellutata dei loro strumenti d’oro.

Il concerto è promosso dall’Ente Turistico del Luganese. Entrata gratuita.

LuogoParco Scherrer
Indirizzo / ViaMorcote
Info0919942743
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Gruppo auto mutuo aiuto per persone in lutto
Bellinzona, Bellinzona
19.00

A nome dei Gruppi AMA-TI della Lega ticinese contro il cancro e Hospice Ticino, vi informiamo che ci sarà l'incontro:

“Persone in lutto: gruppi di auto mutuo aiuto Ticino, AMA-Ti, per chi sta affrontando la perdita di una persona cara.

La partecipazione ai gruppi è libera previo contatto telefonico con il gruppo di “zona” ed è garantita la massima riservatezza.

Bellinzona; mercoledì 24 luglio 2019, dalle 19.00 alle 20.30, Tel 077 470 48 11

 

LuogoBellinzona
Indirizzo / ViaBellinzona
Info0774704811
EtàPer tutti
Champagnet - Accademia Dimitri
Parco di Orselina, Orselina
21.00

In uno stile insolito che mescola umorismo, acrobazie e teatro, personaggi grotteschi e quasi caricaturali, gli allievi dell’Accademia Teatro Dimitri, presentano una satira sui "grandi ricchi“.

LuogoParco di Orselina
Indirizzo / Viavia al Parco, Orselina
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Accademia Teatro Dimitri
Parco di Orselina, Orselina
Ore 21

In uno stile insolito che mescola umorismo, acrobazie e teatro, personaggi grotteschi e quasi caricaturali, gli allievi dell’Accademia Teatro Dimitri, presentano una satira sui "grandi ricchi“.

LuogoParco di Orselina
Indirizzo / Viavia al Parco, Orselina
Sito webVai al sito
SHAPIRO VANDELLI - Love & Peace
Piazza del Sole, Bellinzona
22.00

Shapiro e Vandelli si sono “ritrovati”, dopo una vita di rivalità, distanze, marcate differenze di carattere, formazione e stili di vita, ma anche di rispetto reciproco e grande amore per la musica.

Ad unirli un progetto artistico, dal titolo emblematico “Love & Peace”, amore e pace ritrovati prima di tutto fra di loro: una collaborazione che ha radici lontane e che vede fondere i loro percorsi musicali in un album per Sony Music (uscito il 21 settembre).

Un affascinante viaggio nelle immagini e nelle emozioni di intere generazioni che si ritroveranno magicamente insieme, senza le divisioni e i contrasti che caratterizzano la comunicazione di quest’epoca, anzi. Shapiro e Vandelli rappresentano una nuova energia, la voglia di comunicare e di vivere la positività e la bellezza della musica come grande forza aggregante. Un incontro storico che non è nostalgia ma memoria, con uno sguardo rivolto al presente. Come recitano i versi di “Che colpa abbiamo noi”.

La tappa di “Love & Peace”  a Bellinzona (esclusiva per la Svizzera!),  farà parte di un lungo live tour estivo,  che porterà la band non solo nelle principali città italiane, ma anche in giro per l’Europa.

La serata musicale inizierà alle 19.30
Aperture casse alle 18.00

Prevendita prezzo speciale fino al 15 giugno:

CHF 23.- posti in piedi (dal 17 giugno CHF 30.-)

Organizzazione: BELLINZONA BEATLES DAYS

www.beatlesdays.ch

LuogoPiazza del Sole
Indirizzo / ViaBellinzona
PeriodoDal 20.07.2019 al 26.07.2019
GiorniTutti i giorni
PrevenditaAcquista biglietti su Biglietteria
Acquista biglietti
Continua il successo di Play With Us con le opere di Naby Byron all'Hilton Molino Stucky di Venezia
Hilton Molino Stucky, Venezia
20.00

In concomitanza alla 58° Biennale di Venezia. continua il grande successo di “Play With Us - Dall’arte popolare all’arte moderna”, l’originale installazione dell’artista Naby Byron accompagnata dalla texture musicale di Max Casacci dei Subsonica. Fino al 24 novembre 2019 nella suggestiva cornice dell’Hotel Hilton Molino Stucky situato nel cuore di Venezia, il pubblico potrà ammirare il particolare e insolito lavoro di Naby Byron: una metaforica visione onirica dell’artista che vede al centro della sua narrazione inusuali cavalli da giostra. La mostra è presentata dal Museo Storico della Giostra di Bergantino, a cura del Prof. Gian Paolo Borghi, etno-antropologo ed esperto di tradizioni popolari. 

Numerosi visitatori provenienti da tutto il mondo hanno apprezzato le opere singolari e caratteristiche dell’artista e le musiche astratte e stralunate del noto compositore Max Casacci. L’allestimento, durante il periodo di apertura, è stato rafforzato e rivisto per permettere ai visitatori una fruizione a tutto tondo della produzione artistica di Naby Byron. 

L’esposizione, in collaborazione con l’Associazione UFO-Ultimi Futuristi, è inserita nella programmazione di “Le Città in Festa” promossa dalla Città di Venezia ed è realizzata con il patrocinio della Regione del Veneto, della Città di Venezia, del Comune di Bergantino, del Museo della Giostra di Bergantino, del MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), di Hilton Stucky Venezia e si colloca all’interno delle celebrazioni del Centenario dalla Fondazione del Gruppo Hilton. 

Naby Byron si riappropria di alcune forme della cultura tradizionale adattandole alle aspettative del contemporaneo in una sorta di “provocazione – non provocazione” che mira a cogliere, attraverso le giostre, alcune sfaccettature di un denso percorso storico-antropologico. I cavalli da giostra, infatti, richiamano alla memoria antichi giochi rituali e arcaici di natura medievale.

Naby Byron, tuttavia, non si limita a scegliere artisticamente i cavalli ma, in forma simbolica, li rende liberi dai rigidi meccanismi delle giostre, proiettandoli lontani dalle tradizionali fiere di borghi e paesi in un contesto moderno e contemporaneo, i Luoghi dell’Altrove. Questo forte desiderio di libertà si traduce nella fusione in maniera simbiotica delle sue installazioni con la natura che le circonda. In altri termini, Naby si eleva a paladina di una nuova e rinnovata cultura del “gioco”, trasfigurando alcuni antichi significati nel mondo odierno e offrendoli all’ammirazione e alla disponibilità degli appassionati d’arte del terzo millennio.

Nello specifico “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna è un’opera relazionale in cui il fruitore interagisce direttamente con l’installazione: i visitatori, infatti, sono invitati a montare sul cavallo e in questo senso il lavoro di Naby Byron rappresenta un’opera unica, in continuo divenire, in quanto cambia col cambiare dello spettatore che desidera mettersi in gioco. 

L’esposizione si compone di una parte a “cavalli fissi” nella zona esterna dell’Hotel, e di una a “cavalli mobili” situati negli ambienti interni. Al fianco delle opere è prevista una videoinstallazione a cura del Museo e dell’artista, volta a descrivere per immagini e parole la poetica complessiva dell’evento. Sarà, inoltre, presente una “texture” sonora composta dal musicista Massimiliano Casacci, membro e fondatore dei Subsonica.

NABY
Naby Byron (nome d’arte) nasce a Bologna. Di famiglia borghese, vive la sua infanzia accanto ad uno dei più importanti allevamenti di cavalli d’Europa (allevamento che ha visto i natali della stirpe del trottatore Varenne). Memore dei lunghi pomeriggi passati ad ammirare gli allenamenti e la vita dell’animale più nobile del creato, Naby, laureatasi nel frattempo all’Accademia di Bologna, elegge il cavallo quale simbolo totemico delle sue prime creazioni artistiche, dapprima dipinti ed in seguito installazioni. 

Avvicinatasi nel prosieguo di vita al mondo del collezionismo, ha costituito assieme ad alcuni collaboratori il Collettivo U.F.-o Ultimi Futuristi, al’interno del quale è conservato un vastissimo numero di documenti afferenti il Movimento Futurista di Filippo Tommaso Marinetti, altra grande fonte di ispirazione dell’artista soprattutto per quanto attiene al filone aviatorio, seconda passione di Naby Byron ed oggetto precipuo delle sue opere.                                                                                       

Hanno curato per lei importanti mostre il critico d’arte Giuseppe Virelli, l’etno-antropologo Prof. Gian Paolo Borghi, lo storico del Futurismo Enrico Bittoto.

 

Ha esposto in Gallerie a Lucca (“Play With Me” presso Galleria olio su tavola), al PALP Museo di Pontedera (“Play With Me” all’interno della Mostra “Dalla Trottola al Robot”) e in concomitanza con la Biennale di Venezia presso gli ambienti dell’Hilton Molino Stucky all’isola della Giudecca (Installazione “Play With Us” promossa dal Museo dello Giostra di Bergantino).

 

Hanno collaborato con lei Marta Pederzoli, le Ceramiche Gatti di Faenza, Max Casacci dei Subsonica, il regista Luca Verdone.

 

Ha vinto diversi premi e riconoscimenti tra i quali ricordiamo il Premio Vergato Arte 2016 sotto la presidenza del Maestro Luigi Ontani.

 

 

 

 

 

 

INFORMAZIONI UTILI

 

TITOLO: “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna

OPERE DI: NABY BYRON

A CURA DI: Prof. Gian Paolo Borghi

TEXTURE MUSICALE: Max Casacci dei Subsonica

PRESENTATA DA: Museo storico della giostra di Bergantino

DOVE: Hotel Hilton Molino Stucky - Giudecca 810, Venezia

DATE: 11 maggio - 24 novembre 2019

ORARI: orari di apertura dell’Hotel

WEB: nabybyron.com

FACEBOOK: https://www.facebook.com/PlayWithHus/

 

INGRESSO GRATUITO

 

L’EVENTO E’ INSERITO NELLA PROGRAMMAZIONE DI “LE CITTA’ IN FESTA” PROMOSSA DALLA CITTA’ DI VENEZIA

 

PATROCINI: Regione del Veneto, Città di Venezia, Comune di Bergantino, Museo della Giostra di Bergantino, MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), Hilton Stucky Venezia.

IN COLLABORAZIONE CON: Associazione UFO-Ultimi Futuristi.

 

 

AGENZIA DI COMUNICAZIONE E UFFICIO STAMPA

 

 

 

Culturalia di Norma Waltmann

tel : +39-051-6569105 mob: +39-392-2527126

email: info@culturaliart.com web: www.culturaliart.com

facebook: culturalia – Instagram: culturalia_comunicare_arte

LuogoHilton Molino Stucky
Indirizzo / ViaGiudecca 810, Venezia
PeriodoDal 19.07.2019 al 24.11.2019
GiorniTutti i giorni
Info0516569105
EtàPer tutti
Corsi estivi Lingue e Sport
Canton Ticino, Bellinzona
20.00

La fondazione Lingue e Sport, in collaborazione con l’Ufficio dello sport del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS), presenta i corsi estivi 2019 con un programma ricco e completo che spazia dalle scuole dell’infanzia alle scuole medie. Le iscrizioni sono aperte sul sito www.linguesport.ch.

Durante le mattine si ripassano le materie scolastiche con docenti formati, mentre nei pomeriggi si pratica un’ampia scelta di discipline sportive con monitori Gioventù e Sport. Sono inoltre previste uscite e attività alla scoperta del territorio e della cultura ticinese.

Per i bambini che frequentano le scuole elementari sono proposti dei corsi settimanali presenti in 13 località con momenti di francese, attività scolastiche e numerosi sport. A Bellinzona si tengono anche i corsi Luglio Bimbi rivolti ai bambini che frequentano la scuola dell’infanzia.

Per i ragazzi che frequentano le scuole medie sono proposti dei corsi di due settimane consecutive, con o senza pernottamento. Durante le giornate sono svolte lezioni scolastiche al mattino, attività sportive al pomeriggio e animazioni di vario genere la sera.

LuogoCanton Ticino
Indirizzo / ViaBellinzona
PeriodoDal 01.07.2019 al 24.08.2019
GiorniTutti i giorni
Info0918145858
Prezzo CHF
Etàdai 5 anni ai 15 anni
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Frammenti di storia: 40 anni della Galleria Amici dell’Arte Brissago
Galleria Amici dell'Arte Brissago, Brissago
17.00

In occasione del 40esimo anno di attivitâ, la galleria Amici dell’Arte Brissago organizza dal 29 giugno al 17 agosto 2019 una esposizione collettiva con 7 artisti che hanno contribuito a scriverne la storia:
Claudio Baccalà, Jean-Paul Berta, Antonio Calabrò, Anita Carrara, Fausto Gallotti, Hanso Osolin, Delia Pantellini. 

Il Vernissage si terrà Sabato 29 giugno alle ore 17.00 in galleria, con una presentazione di Dario Bianchi.

LuogoGalleria Amici dell'Arte Brissago
Indirizzo / ViaVia Leoncavallo 15, Brissago
PeriodoDal 29.06.2019 al 17.08.2019
GiorniMa Me Gi Ve Sa
Info0765640651
Sito webVai al sito
Avviso chiusura strada forestale Gheggio Gardosa Tasp
Gheggio Gardosa Tasp, Semione
07.00

I Patriziati di Semione e Ludiano comunicano che dal 10 giugno al 26 luglio 2019 la strada forestale Gheggio / Gardosa / Tasp verrà CHIUSA nei giorni feriali dalle 7.00 alle 19.00 causa numerosi trasporti con autoveicoli pesanti destinati alle opere di pavimentazione tratta Gardosa-Garina

LuogoGheggio Gardosa Tasp
Indirizzo / Viamonti Semione e Ludiano, Semione
PeriodoDal 10.06.2019 al 26.07.2019
GiorniLu Ma Me Gi Ve
Info0794552105
Andreas Waldmeier - In-Between
Kromya Art Gallery, Lugano
Ore 18.30

Andreas Waldmeier - In-Between

Vernissage: mercoledì 22 maggio 2019, ore 18:30

La mostra sarà visibile dal 22 maggio al 2 agosto 2019.

 

 

 

Con la mostra di Andreas Waldmeier, Kromya Art Gallery inaugura la propria sezione dedicata a giovani artisti emergenti e denominata •YOUNG

 

Waldmeier (Richterswil, 1982), formatosi presso l’Università delle Arti di Zurigo, porta a Lugano un progetto site-specific ideato appositamente per Kromya Art Gallery con un gruppo di nuove opere.

Per Waldmeier la relazione dei suoi lavori con l’ambiente in cui si trovano è fondamentale. I progetti vengono dapprima abbozzati virtualmente e poi eseguiti sulla tela, decidendo passo dopo passo limitazioni di forme, colori ed ordine. Egli, creando per questa esposizione un percorso predefinito, conferma l’importanza che fornisce alla sua potenza pittorica di interagire con le pareti stesse della galleria e di attrarre il visitatore. Quest’ultimo è trasportato in un viaggio che spazia da tele di grandi dimensioni a pareti dipinte, da sculture astratte a piccoli quadri divisi che producono una realtà propria dell’autore. Il progetto diventa un’espressione totale della sua pittura, che si qualifica con la partecipazione dello spettatore; Waldmeier considera lo spazio parte integrante della sua visione, innalzando o annullando la parete tramite segni e pittura. Il visitatore entra fisicamente in un universo pittorico complessivo.

Waldmeier descrive la sua pittura come linguistica, cioè come mezzo espressivo. Per lui la stessa è una specie di studio delle possibilità e dei loro limiti.

Spesso la suddivisione tra due riquadri porta ad un dialogo tra elementi contrapposti accomunati da un gesto pittorico veloce e deciso. Ciò si traduce in complesse configurazioni di immagini, forme, figure, frammenti di un racconto o di una tradizione pittorica che forniscono solo un’idea del complesso mondo dell’artista.

Ogni opera è da considerare come evento singolare, a cui la visione del visitatore cerca di dare un senso tramite un processo di scoperta; l’occhio vaga sulla superficie pittorica, pensando di essere in grado di identificare e di nominare qualcosa, ma non riuscirà a trovarne il significato essendo all’interno di un’opera d’arte totale. Si mostrano a noi creazioni enigmatiche e impenetrabili, un luogo, un in-between in cui si è sospesi tra la ricerca di significato e il significato stesso.

LuogoKromya Art Gallery
Indirizzo / ViaViale Stefano Franscini 11, Lugano
PeriodoDal 22.05.2019 al 02.08.2019
GiorniMe
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Youtube Vai al link di YouTube
Arriva l'estate al City 2!
Bar Ristorante Pizzeria City 2, Collina d'Oro
Fino alle 20

L'estate sta arrivando! E al City 2 è già tutto pronto per la grande apertura serale, con i nostri cocktail estivi pronti ad accogliervi tutte le sere - da lunedì a venerdì - fino alle 20.

Cosa state aspettando? Venite a trovarci numerosi!

LuogoBar Ristorante Pizzeria City 2
Indirizzo / ViaVia Cantonale 8A, Collina d'Oro
PeriodoDal 20.05.2019 al 31.08.2019
GiorniLu Ma Me Gi Ve
Info091 980 36 16
Facebook Vai al link di facebook
Play with us. dall’arte popolare all’arte moderna
Hotel Hilton Molino Stucky , Venezia
08.00

Dall’11 maggio al 24 novembre 2019, nel cuore di Venezia, all’interno della suggestiva e prestigiosa cornice dell’Hotel Hilton Molino Stucky affacciato sul Canale della Giudecca, sarà presentata dal Museo Storico della Giostra di Bergantino l’installazione “Play With Us” Dall’arte popolare all’arte moderna con opere dell’artista Naby Byron e texture musicale di Max Casacci dei Subsonica, a cura del Prof. Gian Paolo Borghi, etno-antropologo ed esperto di tradizioni popolari.

L’esposizione si colloca in concomitanza alla 58° Biennale di Venezia e propone al pubblico una particolare e metaforica visione onirica dell’artista che vede al centro della sua narrazione inusuali cavalli da giostra.

L’esposizione, in collaborazione con l’Associazione UFO-Ultimi Futuristi, è realizzata con il patrocinio della Regione del Veneto, della Città di Venezia, del Comune di Bergantino, del Museo della Giostra di Bergantino, del MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), di Hilton Stucky Venezia e si colloca all’interno delle celebrazioni del Centenario dalla Fondazione del Gruppo Hilton.

Naby Byron si riappropria di alcune forme della cultura tradizionale adattandole alle aspettative del contemporaneo in una sorta di “provocazione – non provocazione” che mira a cogliere, attraverso le giostre, alcune sfaccettature di un denso percorso storico-antropologico. I cavalli da giostra, infatti, richiamano alla memoria antichi giochi rituali e arcaici di natura medievale.

Naby Byron, tuttavia, non si limita a scegliere artisticamente i cavalli ma, in forma simbolica, li rende liberi dai rigidi meccanismi delle giostre, proiettandoli lontani dalle tradizionali fiere di borghi e paesi in un contesto moderno e contemporaneo, i Luoghi dell’Altrove. Questo forte desiderio di libertà si traduce nella fusione in maniera simbiotica delle sue installazioni con la natura che le circonda. In altri termini, Naby si eleva a paladina di una nuova e rinnovata cultura del “gioco”, trasfigurando alcuni antichi significati nel mondo odierno e offrendoli all’ammirazione e alla disponibilità degli appassionati d’arte del terzo millennio.

Nello specifico “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna è un’opera relazionale in cui il fruitore interagisce direttamente con l’installazione: i visitatori, infatti, sono invitati a montare sul cavallo e in questo senso il lavoro di Naby Byron rappresenta un’opera unica, in continuo divenire, in quanto cambia col cambiare dello spettatore che desidera mettersi in gioco.

L’esposizione si compone di una parte a “cavalli fissi” nella zona esterna dell’Hotel, e di una a “cavalli mobili” situati negli ambienti interni. Al fianco delle opere è prevista una videoinstallazione a cura del Museo e dell’artista, volta a descrivere per immagini e parole la poetica complessiva dell’evento. Sarà, inoltre, presente una “texture” sonora composta dal musicista Massimiliano Casacci, membro e fondatore dei Subsonica.

NABY

Naby Byron (nome d’arte) nasce a Bologna. Di famiglia borghese, vive la sua infanzia accanto ad uno dei più importanti allevamenti di cavalli d’Europa (allevamento che ha visto i natali della stirpe del trottatore Varenne). Memore dei lunghi pomeriggi passati ad ammirare gli allenamenti e la vita dell’animale più nobile del creato, Naby, laureatasi nel frattempo all’Accademia di Bologna, elegge il cavallo quale simbolo totemico delle sue prime creazioni artistiche, dapprima dipinti ed in seguito installazioni.

Avvicinatasi nel prosieguo di vita al mondo del collezionismo, ha costituito assieme ad alcuni collaboratori il Collettivo U.F.-o Ultimi Futuristi, al’interno del quale è conservato un vastissimo numero di documenti afferenti il Movimento Futurista di Filippo Tommaso Marinetti, altra grande fonte di ispirazione dell’artista soprattutto per quanto attiene al filone aviatorio, seconda passione di Naby Byron ed oggetto precipuo delle sue opere.                                                                               

Hanno curato per lei importanti mostre il critico d’arte Giuseppe Virelli, l’etno-antropologo Prof. Gian Paolo Borghi, lo storico del Futurismo Enrico Bittoto.

Ha esposto in Gallerie a Lucca (“Play With Me” presso Galleria olio su tavola), al PALP Museo di Pontedera (“Play With Me” all’interno della Mostra “Dalla Trottola al Robot”) e in concomitanza con la Biennale di Venezia presso gli ambienti dell’Hilton Molino Stucky all’isola della Giudecca (Installazione “Play With Us” promossa dal Museo dello Giostra di Bergantino).

Hanno collaborato con lei Marta Pederzoli, le Ceramiche Gatti di Faenza, Max Casacci dei Subsonica, il regista Luca Verdone.

Ha vinto diversi premi e riconoscimenti tra i quali ricordiamo il Premio Vergato Arte 2016 sotto la presidenza del Maestro Luigi Ontani.

INFORMAZIONI UTILI

TITOLO: “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna

OPERE DI: NABY BYRON

A CURA DI: Prof. Gian Paolo Borghi

TEXTURE MUSICALE: Max Casacci dei Subsonica

PRESENTATA DA: Museo storico della giostra di Bergantino

DOVE: Hotel Hilton Molino Stucky - Giudecca 810, Venezia

INAUGURAZIONE: Sabato 11 maggio ore 17,30

DATE: 11 maggio - 24 novembre 2019

ORARI: orari di apertura dell’Hotel

WEB: nabybyron.com

FACEBOOK: https://www.facebook.com/PlayWithHus/

INGRESSO GRATUITO

PATROCINI: Regione del Veneto, Città di Venezia, Comune di Bergantino, Museo della Giostra di Bergantino, MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), Hilton Stucky Venezia.

IN COLLABORAZIONE CON: Associazione UFO-Ultimi Futuristi.

AGENZIA DI COMUNICAZIONE E UFFICIO STAMPA

Culturalia di Norma Waltmann

tel : +39-051-6569105 mob: +39-392-2527126

email: info@culturaliart.com web: www.culturaliart.com

facebook: culturalia – Instagram: culturalia_comunicare_arte

LuogoHotel Hilton Molino Stucky
Indirizzo / ViaGiudecca 810, Venezia, Venezia
PeriodoDal 11.05.2019 al 24.11.2019
GiorniTutti i giorni
Info0516569105
EtàPer tutti
Facebook Vai al link di facebook
Porte aperte al centro Apus
Centro Apus, Intragna
Ore 15

APUS è un’associazione attiva in tutta la Svizzera italiana che si adopera per la protezione dell’avifauna indigena. Le nostre attività comprendono il soccorso sul terreno;la cura, la riabilitazione e la reintroduzione in natura del singolo individuo trovato in difficoltà; la protezione delle colonie e dei luoghi di nidificazione nell’ambiente urbanoe la sensibilizzazione e informazione del pubblico.

Quest’anno ogni ultimo mercoledì del meseil centro di cura e riabilitazione per uccelli selvatici della nostra associazione aprirà le sue porte ai visitatori!
Date:
· Mercoledì 27 Febbraio
· Mercoledì 27 Marzo
· Mercoledì 24 Aprile
Pausa estiva
· Mercoledì 25 Settembre
· Mercoledì 30 Ottobre
· Mercoledì 27 Novembre
 
La visita inizierà alle 15:00, durante il giro del centro, che durerà circa un’ora, potrete ammirare le strutture del nostro centro. Avrete l'opportunità di soddisfare le vostre curiositàsugli uccelli e d'imparare qualcosasul primo soccorso che gli si può offrire.
 
La visita è gratuita e aperta a tutti, con iscrizione obbligatoria da effettuare entro il lunedì precedente, inviando una mail ainfo@apusapus.ch(si prega di specificare il numero di persone).
Il giro verrà condotto nel rispetto degli uccelli in cura, che non verranno mostrati.
 
Volete rimanere sempre aggiornati su questo evento?
Seguiteci su Facebook:https://www.facebook.com/events/515269698987422/

LuogoCentro Apus
Indirizzo / ViaCalezzo, Intragna
PeriodoDal 27.02.2019 al 27.11.2019
GiorniMe
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
News e approfondimenti Ticino
© 2019 , All rights reserved