ULTIME NOTIZIE Via Sicura
Via Sicura
1 anno
"Alcol alla guida: bisogna arrivare alla tolleranza zero”. "Ma Via Sicura è un fallimento". Il drammatico incidente mortale di Sigirino, riapre il dibattito tra gli esperti
Via Sicura
2 anni
Gobbi vuole che il pirata della strada tedesco condannato a 30 mesi per i 10 sorpassi nel Gottardo con punte di 200 all'ora finisca in carcere: "Ha messo in pericolo la vita di molte persone, perché il tunnel del Gottardo è uno dei tratti più pericolosi d
Via Sicura
2 anni
Stop alle purghe di Via Sicura. Ecco altre due storie di follia burocratica. I coniugi che, rientrati in Svizzera dopo anni trascorsi in Spagna, vengono mandati dal medico del traffico perché dichiarano di avere una leggera forma di diabete. E la donna be
Via Sicura
2 anni
Coglione! Il pirata della strada tedesco condannato in contumacia a Lugano mostra fiero la sua patente: "Della Svizzera ho visto tutto e non ho bisogno di tornarci". Nell'estate del 2014 superò 10 volte nel Gottardo raggiungendo punte di 200 all'ora
Via Sicura
2 anni
Se questo è un pirata... Finalmente una sentenza ticinese che speriamo contribuisca a sgretolare quell'aberrazione del diritto chiamata 'Via Sicura'. Il giudice Villa al secondo processo dice no a un anno di galera per un 'corsaro della strada'. L'avvoca
Via Sicura
2 anni
La Grande Purga di Via Sicura, un altro racconto di un lettore: "Ore 24,15, sto rientrando a casa in auto. Incrocio una pattuglia della polizia e noto che fa retromarcia e inizia a seguirmi. Poi vedo i lampeggianti. Patente, ha bevuto? No. Test dell'alcol
Via Sicura
2 anni
"Via Sicura: un trattamento da dittatura. Se commetti un’aggressione o una rapina, il giudice valuta le circostanze e calibra la pena. Se sei un'automobilista che infrange le regole della strada no"
Via Sicura
12.11.2017 - 22:150
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

È Andrea Tamborini la vittima del pirata della strada. Tornava dal suo lavoro a Locarno. E un lettore ci scrive: "Nulla potrà riportare a un figlio suo padre e a una moglie suo marito. Che almeno questo rimorso possa perseguitare fino alla fine dei suoi g

Un nostro lettore: "Egregio direttore, non so se lei sia toccato negli affetti da questa tragedia e se sia ciò a indurla a prendere a cuore questa tragedia, ma so che queste sue denunce sono importanti: complimenti!"

Un nostro lettore, Dario Pedrazzini, che abita, come scrive, “a 300 chilometri dal Ticino”, ci ha inviato una testimonianza appassionata dopo il nostro articolo odierno sulla tragedia di Sigirino. La pubblichiamo con un paio di precisazioni.

La prima è: no, non ho alcun legame di parentela e nemmeno di conoscenza con la vittima. Ho preso a cuore questa storia semplicemente perché questa storia mi ha straziato il cuore, come penso e spero a moltissimi ticinesi.

La seconda precisazione riguarda ‘Via Sicura’, citata da Pedrazzini. Sicuramente qualcuno ci dirà: voi che avete fatto una battaglia contro ‘Via Sicura’ adesso vi scagliate contro un pirata della strada… Allora è bene ricordare che la battaglia di liberatv è sempre stata contro gli eccessi assurdi di ‘Via Sicura’, contro quelle che abbiamo chiamato ‘le purghe’, non contro la pirateria stradale o a favore di chi viola gravemente e consapevolmente le norme sulla circolazione. In questo caso siamo comunque ben oltre: ‘Via Sicura’ non c’entra. Anzi, semmai dimostra di non essere nemmeno un deterrente contro i criminali della strada.

Detto questo, con il consenso dei famigliari in ossequio alla legge sulla protezione delle vittime, e anche considerato il fatto che le generalità del 36enne ucciso venerdì pomeriggio a Sigirino, sono state pubblicate dal giornale di Varese ‘La Prealpina’, sveliamo la sua identità. Si chiamava Andrea Tamborini, per gli amici “Giga”, il gigante buono, e da Varese s’era trasferito a Morcote da qualche anno con la moglie. Laureato in Scienze naturali e biomediche, aveva lavorato prima in un laboratorio analisi a Zurigo e poi si era trasferito in Ticino per riavvicinarsi alla famiglia. Lavorava in una clinica del Locarnese, probabilmente la stessa dove pochi giorni prima dell’incidente sua moglie aveva dato alla luce il loro figlio.

MARCO BAZZI

E ora la lettera di Dario Pedrazzini…

"Egregio direttore,

Alla sua implicita domanda inserita nella frase d’apertura del suo articolo riguardante il COGLIONE che ha assassinato un suo coetaneo in autostrada, le posso rispondere che pure io (come spero molte altre persone) non riesco a non pensarci… eppure abito a quasi 300 km di distanza … eppure non conoscevo la vittima! Ma se avesse investito un mio conoscente? Un mio parente?
Come lei ben scrive, come devono sentirsi i famigliari della vittima? Come deve sentirsi sua moglie che aspettava il ritorno a casa per magari raccontargli la giornata del piccolo appena nato? Cosa dirà a suo figlio che crescerà senza aver potuto conoscere il padre? E perché? Perché un COGLIONE ha creduto di potersene infischiare delle regole di convivenza comune che una società deve darsi… Ma perché quel COGLIONE non si è schiantato qualche minuto prima contro quel guardrail centrale dell’autostrada e non ci è rimasto?

Adesso aspettiamo il lavoro della giustizia, vedremo se la tanto decantata severità di “Via Sicura” sanzionerà come si deve questo COGLIONE, oppure se egli troverà qualche stratagemma per evitare la giusta pena. Ma anche se fosse sanzionato correttamente nulla potrà riportare ad un figlio suo padre e ad una moglie suo marito.
Quanto meno, che questo rimorso possa perseguitare fino alla fine dei suoi giorni questo COGLIONE!

Meriterebbe una riflessione anche quanto da lei scritto nel paragrafo dove si chiede perché nessuno l’abbia fermato prima di salire in macchina. Il vivere in una società come la nostra dovrebbe portare le persone ad assumere un ruolo responsabile, di controllo reciproco… invece assistiamo ad un continuo deresponsabilizzarsi.

Non so se lei sia toccato negli affetti da questa tragedia e se sia ciò a indurla a prenderla a cuore, ma so che queste sue denunce sono importanti: complimenti!

In questa triste e piovosa giornata le auguro una serena domenica".

Potrebbe interessarti anche
Tags
moglie
vittima
via sicura
coglione
sicura
figlio
via
strada
lettore
padre
News e approfondimenti Ticino
© 2019 , All rights reserved