Bar Sport
Il fair play è un'altra roba... Erik Westrum in versione ultrà prima del derby Lugano-Ambrì si produce in un 'Bianconero di m..." al megafono. E un tifoso avversario lo 'pettina' su Facebook, facendo il contropelo anche al vicesindaco Michele Bertini e al sindacalista Enrico Borelli Video
Il campione di hockey statunitense, che la sera dopo è stato tra i protagonisti dei festeggiamenti dell’80esimo dell’Ambrì, in occasione della prima di campionato alla Valascia, si è lasciato prendere un po’ troppo dal cuore…
AMBRÌ – Non è stato certamente un ‘picco’ di eleganza e di fair play quello di Erik Westrum, vecchia gloria dell’Ambrì, prima del derby con il Lugano alla Resega di venerdì scorso. Il campione di hockey statunitense, che la sera dopo è stato tra i protagonisti dei festeggiamenti dell’80esimo dell’Ambrì, in occasione della prima di campionato alla Valascia, si è lasciato prendere un po’ troppo dal cuore… Un video pubblicato su youtube lo ritrae in versione ‘ultrà’ che grida al megafono “bianconero pezzo di m…”. Ci sta essere tifosi, ci sta giocare a fare l’ultrà, ma insomma, un po’ di contegno in pubblico i campioni dovrebbero sempre conservarlo anche quando hanno appeso i pattini al chiodo.

La performance di Westrum non è piaciuta a molti tifosi avversari. E un supporter bianconero l’ha ‘pettinato’ su Facebook, facendo il contropelo anche al vicesindaco Michele Bertini, di fede biancoblu, e al sindacalista Enrico Borelli…
Ecco il suo post: “Per chi ama tanto i derby ecco un bell’esempio di una città (vero onorevole Bertini?) che permette il corteo (traffico bloccato, torce, petardi, insulti) e l’ex giocatore Westrum che dà il meglio in sportività. Con tanto di fugace apparizione del dirigente Unia Borelli (che chiede pure l’applauso). Vomito…”.




Pubblicato il 11.09.2017 17:48

Guarda anche
Bar Sport
Le promesse di versamento per circa 85mila franchi raccolte da Giorgio Ghiringhelli non sono bastate a convincere i giudici a revocare il fallimento decretato dalla Pretura di Locarno e nemmeno o ottenere l'effetto sospensivo
Bar Sport
Ieri, nella sua lettera aperta a tifosi e simpatizzanti, il presidente, Michele Nicora, ha precisato: “Le informazioni di circa 900'000 franchi di debiti sono erronee, in quanto dalla lista non sono stralciate posizioni contestate, posizioni saldate e non ancora cancellate, posizioni doppie e piani di rientro firmati dalle parti e non ancora cancellati. La cifra esatta stimata ieri ammonta a circa 480'000, non poco, ma non l'enorme cifra menzionata”
Bar Sport
Secondo indiscrezioni raccolte da Liberatv il fallimento sarebbe stato determinato dall’AVS che vanta dal club crediti per circa 150’000 franchi. I debiti globali del club sfiorano il milione di franchi