Cronaca
Il 22enne keniota che ha provocato il frontale nel Gottardo era probabilmente un passatore e le quattro persone che viaggiavano con lui erano clandestini. È la principale ipotesi al vaglio degli inquirenti
Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre
AIROLO – Il giovane keniota che mercoledì scorso ha provocato il frontale con un camion nella galleria del San Gottardo era probabilmente un passatore. Il 22enne è morto in seguito all’incidente, come il camionista di 78 anni che stava trasportando verso il Ticino un carico di finestre.

A bordo dell’utilitaria guidata dal giovane, una Mitsubishi immatricolata nel distretto di Lörrach, in Germania, c’erano altre quattro persone due donne e due uomini, anche loro di origine africana, quasi certamente clandestini. Ma non è ancora chiaro da quale paese arrivino. Probabilmente i quattro erano stati caricati in auto in Ticino, o forse in Italia, dal keniota, per essere portare in Germania. Sono rimasti ferite, ma non gravemente nell’impatto. Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti c’è quella che il conducente della Mitsubishi si sia addormentato.




Pubblicato il 15.12.2017 15:55

Guarda anche
Cronaca
Fino alla fine del mondiale la sala giochi si annovera di un'ulteriore novità: il Colpo Triplo. Esso permette ai giocatori dei tavoli di american roulette di vincere fino a 70 volte l'importo puntato su un numero pieno
Cronaca
La nuova organizzazione del Ministero pubblico è stata presentata nelle scorse ore in occasione di un Plenum che ha riunito i Procuratori pubblici a Palazzo di giustizia a Lugano
Cronaca
Lo stupefacente era stato nascosto in una ventina di panetti di droga, situati in un doppio fondo tra il baule e i sedili posteriori del veicolo
Cronaca
Incredibile fatto di cronaca avvenuto ieri sera. In manette finiscono un 38enne, una 42enne, un 19enne e un 17enne cittadini svizzeri domiciliati in un cantone romando