Oltre l'economia
La Camera di commercio: "Il nostro benessere si fonda sul commercio con l’estero: 2 franchi su 5 sono guadagnati grazie alla politica esterna. Gli accordi di libero scambio sono fondamentali per poter dare alle nostre aziende un vantaggio competitivo"
Per poter contare anche in futuro su dati incoraggianti come quelli del 2017, siamo fiduciosi che la Svizzera sappia continuare a mantenere condizioni quadro favorevoli alle aziende e proseguire quindi con slancio le trattative internazionali per diminuire le barriere nel commercio con l’estero
A cura della redazione della Camera di commercio Cantone Ticino

La Svizzera è uno dei dieci principali Paesi esportatori al mondo. Prova di questo successo sono i dati presentati dall’Amministrazione Federale delle Dogane concernenti il commercio con l’estero per il 2017. Numeri record su tutta la linea, sia per le esportazioni che hanno registrato un netto miglioramento rispetto all’anno precedente (+4.7%), sia per le importazioni che hanno avuto un dinamismo eccezionale che non si registrava dal 2010.

Il benessere che possiamo vantare in Svizzera si fonda proprio sul commercio con l’estero: 2 franchi su 5 sono guadagnati grazie alla politica esterna. I settori trainanti sono la chimico-farmaceutica – che grazie ai risultati record degli ultimi anni può investire ulteriormente nella ricerca – e il settore dei metalli che già da parecchi mesi trascina le esportazioni elvetiche. Segnali positivi anche dal settore orologiero che dopo due anni di profonda crisi ha ripreso con fervore e ha contribuito al dinamismo del commercio estero.

Non solo la perdita della forza del franco e l’evoluzione dei prezzi hanno avuto un ruolo fondamentale per l’eccedenza record della bilancia commerciale, ma anche la politica degli accordi di libero scambio sta mostrando concretamente i suoi risultati. Il trattato con la Cina, entrato in vigore nel 2014, ha dato una spinta significativa alle esportazioni verso il dragone asiatico. Nel 2017 infatti la Cina ha superato la Gran Bretagna, posizionandosi al 5° posto nella classifica dei partner commerciali elvetici. Contrariamente si nota invece una diminuzione dell’interesse verso i Paesi della zona euro e una diversificazione dei mercati esteri.

La concorrenza internazionale per le nostre PMI è molto forte ed esse sono costrette ad affrontare un contesto estremamente dinamico. Oggi è compito della politica saper ampliare ancora di più le relazioni commerciali con i Paesi esteri. Gli accordi di libero scambio sono fondamentali per poter dare alle nostre aziende un vantaggio competitivo ed è quindi necessario continuare con le trattative in corso ed aprirne di nuove. Secondo uno studio del Credit Suisse, le PMI svizzere mirano ad avere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti, il nostro secondo partner commerciale dopo l’Europa. Certamente una facilitazione delle procedure doganali e un abbassamento dei dazi sarebbe un incentivo ulteriore per sviluppare questo mercato. Parallelamente, la Svizzera deve rimanere vigile sulle trattative che sta intavolando l’UE con altre nazioni, come ad esempio il trattato con i Paesi del Mercosur, che potrebbe fornire alle aziende europee – una volta siglato –  un netto vantaggio rispetto agli imprenditori elvetici.

Per poter contare anche in futuro su dati incoraggianti come quelli del 2017, siamo fiduciosi che la Svizzera sappia continuare a mantenere condizioni quadro favorevoli alle aziende e proseguire quindi con slancio le trattative internazionali per diminuire le barriere nel commercio con l’estero.



Pubblicato il 04.02.2018 18:28

Guarda anche
Oltre l'economia
A margine dell’evento-Paese dedicato all’Egitto che si terrà lunedì prossimo, 26 febbraio, alle 11.45 alla Camera di commercio, Valentina Rossi ha intervistato Hazem Basuny, collaboratore di Titraduce, che fornisce qualche suggerimento su come costruire un’immagine vincente con un partner egiziano
Oltre l'economia
Il 55% delle imprese che ha risposto all’inchiesta si dice disposto a entrare nel merito della discussione sull’introduzione di un congedo paternità flessibile di quattro settimane, benché questo necessiti di attente valutazioni soprattutto nell’ottica dei costi. Un risultato che dimostra indubbiamente una spiccata sensibilità delle imprese sul problema di conciliare impegni e affetti familiari con l’attività lavorativa
Oltre l'economia
Per la Camera di Commercio è appena iniziato il 101esimo anno di attività. "Abbiamo sempre anticipato le tendenze in atto, offrendo punti di vista interessanti e mai banali, anche nuovi, con taglio concreto. Proseguiremo su questa strada, promuovendo i valori svizzeri"
Oltre l'economia
Il direttore della Camera di commercio: "Offerte informative e formative commisurate sulle singole esigenze, contatti intensi, iniziative comuni, ecc., il tutto finalizzato alla ricerca di un equilibrio benefico per tutti..."