Quarto Potere
06.10.2017 - 18:110
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

"A me che ca...me ne frega!". La strepitosa imitazione di Vittorio Feltri ad opera di Maurizio Crozza. Il direttore di Libero: "Mi prendo la presa per il culo e rido"

Sta letteralmente spopolando la parodia in cui il comico genovese indossa i panni del giornalista. Una caricatura che fa il verso alle performance televisive del direttore di Libero. Così tra un “a me che ca…me ne frega”, un’invettiva razzista contro i migranti e le anticipazioni dei titoli del giornale, il Feltri versione Crozza buca lo schermo scatenando l’ilarità del pubblico. GUARDA I VIDEO

MILANO - È sicuramente l’ultimo personaggio della premiata scuderia Crozza che sta riscuotendo maggiore successo. Parliamo dell’imitazione che il comico genovese ha dedicato a Vittorio Feltri.

 

 

Sta letteralmente spopolando la parodia in cui Maurizio Crozza indossa i panni del direttore di Libero. Una caricatura che fa il verso alle performance televisive del giornalista. Così tra un “a me che ca…me ne frega”, un’invettiva razzista contro i migranti o contro la Boldrini, e le anticipazioni dei titoli del giornale, il Feltri versione Crozza buca lo schermo scatenando l’ilarità del pubblico.

 

 

E il diretto interesso come l’ha presa? Benissimo. “Mi becco la presa per il culo e rido anche io come probabilmente molti spettatori”, ha dichiarato Vittorio Feltri ai microfoni di Telelombardia. “Mia moglie invece si diverte di meno, perché teme che parlino male di me e che mi deridano. Le donne sono più sensibili. Io, invece, per usare un’espressione di Crozza, me ne sbatto il cazzo“.

 

Potrebbe interessarti anche
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved