Salute e Sanità
15.09.2017 - 15:390
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

Un autosilo, un nuovo padiglione e un parco... La Clinica Luganese disegna il futuro prossimo venturo. Obiettivo: far fronte a una crescita costante su tutti i fronti che l'ha resa il principale polo ospedaliero privato ticinese

Per soddisfare i bisogni dei prossimi anni (2020-2025) la Clinica Luganese Moncucco intende realizzare uno stabile di 4 piani posato su pilastri che prevede una parziale copertura dei parcheggi già esistenti. La realizzazione di un autosilo permetterà inoltre di liberare l’area della ex Clinica San Rocco, sulla quale iverrà realizzato un parco a disposizione della popolazione

LUGANO - Dal 2004, anno della riorganizzazione societaria e della completa fusione tra la Clinica Moncucco e la Clinica San Rocco, la Clinica Luganese Moncucco è notevolmente cresciuta in termini di numero di ospedalizzazioni, di trattamenti ambulatoriali erogati e di collaboratori ai quali viene garantito un posto di lavoro fisso. Il bilancio operativo e sociale è stato tracciato oggi dai vertici dell’istituto in occasione della presentazione dei nuovi importanti progetti previsti nel prossimo futuro.

Un crescita costante, quantitativa e qualitativa

L’attività stazionaria è passata dalle circa 5’200 degenze del 2004 alle oltre 7’000 del 2016, evidenziando una crescita superiore al 36% in poco più di 10 anni. La crescita non è stata solo quantitativa, ma anche qualitativa, perché il grado di gravità dei casi ospedalizzati è aumentato costantemente nel tempo, grazie anche alla messa a disposizione di nuovi servizi come il Pronto soccorso e le Cure intense. Lo sviluppo qualitativo – hanno sottolineato i dirigenti della Clinica - è stato perseguito mantenendo una grande attenzione alla gestione dei costi, con la consapevolezza che gli stessi incidono in modo importante sui premi delle assicurazioni malattia che tutti i cittadini sono chiamati a pagare. La Clinica Luganese Moncucco è l’istituto meno costoso del Cantone e della Svizzera e contribuisce così in modo diretto al contenimento della spesa sanitaria.

Il numero di casi trattati in regime ambulatoriale è cresciuto, aumentando del 140% tra il 2004 e il 2016 e superando ampiamente nel 2016 la quota di 43'000 unità. Importante è stata anche la crescita del numero di persone che la Clinica impiega. All’inizio del 2004 nelle due sedi lavoravano 350 persone, salite a 650 nel 2016, con una crescita quindi di 300 posti di lavoro, offerti in larga parte a collaboratori residenti nella regione.
Lo sviluppo conosciuto nel nuovo millennio ha portato la Clinica ad essere il secondo istituto sanitario ticinese in termini di posti letto offerti e la prima struttura sanitaria privata del cantone per dimensioni e attività sanitaria.

Le specializzazioni mediche

Nell’ambito della pianificazione della medicina altamente specializzata, la Clinica Luganese Moncucco vanta il titolo di centro di referenza per la chirurgia dell’obesità (chirurgia bariatrica) ed è uno dei due istituti cantonali in cui è possibile realizzare interventi di chirurgia viscerale del retto.
La pianificazione cantonale ha invece riconosciuto le ottime competenze sviluppate dalla Clinica in molti settori della medicina, confermando la maggior parte dei mandati ad oggi svolti. Le recenti decisioni in ambito pianificatorio hanno tra l’altro confermato la Clinica Luganese Moncucco quale unico istituto del Sottoceneri in cui in futuro sarà possibile eseguire gli interventi urologici specialistici e quale unico istituto del Luganese con un mandato di prestazione nell’ambito della geriatria complessa.

Queste decisioni impongono un ulteriore e continuo sviluppo dell’offerta, con il rafforzamento in particolare dell’attività ambulatoriale nel campo della geriatria, dell’urologia e della medicina del tratto gastro-intestinale. Sviluppi che richiederanno l’assunzione di nuovo personale qualificato e la messa a disposizione di nuovi spazi. Un leggero aumento delle superfici a disposizione delle cure stazionarie è stato raggiunto tra il 2010 e il 2012 con la realizzazione delle cure intense e di 11 camere aggiuntive. Ma non basta…

Gli sviluppi futuri

Un aumento degli spazi di cui la Clinica dispone sarà necessario anche per far fronte ai crescenti impegni in termini formativi, sia per il crescente numero di allievi infermieri accolti, sia per il numero di medici in specializzazione (assistenti) e anche per garantire alla Clinica gli spazi necessari alla partecipazione al progetto di sviluppo di una Facoltà di scienze biomediche.

Entro il 2020 la Clinica Luganese Moncucco stima la necessità di spazi aggiuntivi in almeno 3'000 metri quadrati; parzialmente questi potrebbero essere ottenuti con la realizzazione di piccoli ampliamenti che sono in attesa di ricevere le autorizzazioni necessarie. La grossa parte del fabbisogno di spazi dovrà invece essere coperta con nuove realizzazioni. Considerate le proprietà della Moncucco SA (la società immobiliare che gestisce tutte le proprietà utilizzate dalla Clinica) e la situazione del quartiere in cui sorge la Clinica, l’edificazione di un nuovo stabile sopra gli attuali parcheggi rappresenta la soluzione migliore sia in termini di funzionalità che ambientali.

Il progetto

Per soddisfare i bisogni dei prossimi anni (2020-2025) la Clinica Luganese Moncucco intende dunque realizzare uno stabile di 4 piani posato su pilastri che prevede una parziale copertura dei parcheggi già esistenti. La struttura sarà concepita in moduli che ne permetteranno un uso adattabile alle esigenze del momento, esigenze che nel settore sanitario possono variare anche molto rapidamente.
Uno o due piani della nuova struttura saranno destinati ad accogliere i reparti acuti a minore intensità che, nell’ambito della pianificazione ospedaliera, sono stati richiesti alla Clinica. Gli altri spazi saranno invece adibiti ad attività ambulatoriali, ambulatori specialistici o studi medici, e servizi amministrativi.
La superficie utile lorda prevista è pari a 3'800 metri quadrati circa. Le facciate esterne riprendono quelle della struttura realizzata nel 2008, che viene completata ad ovest con questo nuovo edificio.

I parcheggi

La Clinica Luganese Moncucco dispone attualmente di 234 parcheggi distribuiti sui tre mappali, due di proprietà della Moncucco SA. Alcuni parcheggi sono riservati esclusivamente ai collaboratori e in parte ai medici, mentre quelli nelle adiacenze della Clinica sono destinati ai pazienti e ai loro visitatori.
Negli anni il numero di parcheggi a disposizione della Clinica è rimasto pressoché stabile e questo malgrado la forte crescita conosciuta da quest’ultima.

L’importante aumento del numero di collaboratori (dai 350 di inizio 2004, ai 650 di fine 2016) ha potuto essere gestito con lo stesso numero di parcheggi a disposizione solo grazie ad un coraggioso piano di mobilità aziendale, lanciato dalla Clinica Luganese Moncucco già nel 2010, in anticipo sui tempi e prima delle iniziative cantonali e comunali. In quell’anno la Clinica ha deciso di finanziare l’acquisto dell’abbonamento arcobaleno da parte dei collaboratori. Il contributo annuo versato dalla Clinica corrisponde a 600 franchi per collaboratore. Oggi quasi 200 dipendenti si recano al lavoro con i mezzi di trasporto pubblici, sgravando notevolmente il traffico della regione. La percentuale di collaboratori che utilizzano i trasporti pubblici per coprire il percorso casa-lavoro è nettamente superiore a quella riscontrata in altre strutture sanitarie del Cantone.

Il progetto presentato oggi prevede la realizzazione di due piani interrati che accoglieranno parte dei parcheggi necessari per l’intera struttura, con un importante riordino dei posteggi che si trovano nell’area attualmente dedicata alla sosta. Il fabbisogno globale è stato calcolato dallo studio Brugnoli & Gottardi, a cui la Clinica ha attribuito uno specifico mandato.

La realizzazione di un autosilo, e il conseguente riordino dei parcheggi, permetterà di liberare interamente l’area dove sorgeva la ex Clinica San Rocco e in cui verrà realizzato un parco  che sarà messo a disposizione della popolazione del quartiere e non solo.

Al proposito la Clinica Luganese Moncucco ha dato mandato all’architetto paesaggista Paolo Bürgi di progettare un parco naturale che possa integrarsi al meglio nel tessuto urbano del quartiere e che garantisca una fruizione da parte della popolazione. La realizzazione del parco, parte integrante del progetto edificatorio presentato, permetterà di collegare tra loro altre zone verdi presenti nelle vicinanze, creando così un percorso di svago.

Potrebbe interessarti anche
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved