SJ Sharks
5
CAR Hurricanes
2
fine
(3-1 : 1-0 : 1-1)
SJ Sharks
NHL
5 - 2
fine
3-1
1-0
1-1
CAR Hurricanes
3-1
1-0
1-1
1-0 KANE
9'
 
 
 
 
11'
1-1 HAMILTON
2-1 KANE
18'
 
 
3-1 KANE
20'
 
 
4-1 GOODROW
35'
 
 
 
 
56'
4-2 HAULA
5-2 HERTL
60'
 
 
9' 1-0 KANE
HAMILTON 1-1 11'
18' 2-1 KANE
20' 3-1 KANE
35' 4-1 GOODROW
HAULA 4-2 56'
60' 5-2 HERTL
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 17.10.2019 07:51
Filtra per

Regione Luganese Grigioni Locarnese Bellinzonese Mendrisiotto
Categoria Musica Teatro Arte Appuntamenti Altro Sport
Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia / Pappano, direttore / Piemontesi, pianoforte
Lac, Lugano
20.30

Carl Maria von Weber
Ouverture da Euryanthe, op. 81

Fryderyk Chopin
Concerto per pianoforte n.1 in mi minore, op. 11

Robert Schumann
Sinfonia n. 2 in do maggiore, op. 61

 

L’Accademia Nazionale di Santa Cecilia occupa un posto di prim’ordine tra le orchestre internazionali anche grazie alla profonda relazione con il suo direttore Antonio Pappano, che divide il podio sinfonico con gli impegni operistici al Covent Garden. Dopo i recenti successi in Asia, Stati Uniti e Europa, la compagine italiana approda al LAC con tutto il bagaglio di poesia e ottimismo della Seconda Sinfonia scritta dal genio del colore Schumann. In apertura l’Euryanthe di Weber, padre dell’Ouverture tedesca, introduce al Primo concerto per pianoforte di Chopin eseguito da Francesco Piemontesi, orgoglio musicale svizzero.

LuogoLac
Indirizzo / ViaPiazza Bernardino Luini 6, Lugano
PrevenditaAcquista biglietti su Biglietteria
Acquista biglietti
La casa di Bernarda Alba
Teatro Foce, Lugano
18.00

Rassegna HOME

LA CASA DI BERNARDA ALBA
TEATROBLIQUO TICINO

Di: Federico Garcìa Lorca
Adattamento e regia: Durshan Savino Delizia
Con: Monica Banfi Gianella, Giovanna Banfi Sabbadini, Cristina Cavallo, Anne Pedrazzi, Tatiana Buonvicini, Tiziana Tentori 

“La casa di Bernarda Alba” è un'efficace metafora della Spagna rurale e patriarcale che stava per sprofondare nell'orrore della dittatura franchista. La casa che fa da sfondo alla vicenda è un universo concentrazionario in cui le donne che vi sono recluse hanno rinunciato alla propria libertà. Al centro della casa vi è Bernarda Alba, matriarca dal pugno di ferro. Ma chi è realmente il carceriere di questo microcosmo femminile? Vittime e carnefici si alternano in un gioco di identificazioni incrociate. Le insegne del potere passano di mano in mano e raccontano quanto la prigione ha messo radici nell'animo di ciascuna. Fino alla tragedia finale il cui elemento scatenante è l'insorgere dell'amore come forza tellurica in un mondo privo di sentimenti autentici.

Copyright foto: ©Silvia Fanoni

LuogoTeatro Foce
Indirizzo / ViaLugano
PrevenditaAcquista biglietti su Biglietteria
Acquista biglietti
Baby atelier - A tutta natura
Il museo in erba, Lugano
16.00

L'uso di materiali naturali per una sperimentazione che dará la possibilitá al bambino di utilizzare gli elementi della "terra" in modo creativo.

Orario: 16.00 - 16.45 

Per informazioni:
+41 91 835 52 54
ilmuseoinerba@bluewin.ch

LuogoIl museo in erba
Indirizzo / ViaRiva Caccia 1A, Central Park 1° piano, Lugano
Prezzo15.- CHF
EtàPer bambini dai 4 anni in giù accompagnati dai gen
Sito webVai al sito
Concerto di musica classica
Sala del Centro Culturale di Circolo, Soazza
17.30

Con Tommaso Maria Maggiolini (flauto), Elisa Netzer  (arpa).

LuogoSala del Centro Culturale di Circolo
Indirizzo / ViaStradon 50, Soazza
Sito webVai al sito
Nichts, sagte sie
Teatro Paravento, Locarno
17.00

Di e con Olivia Ronzani e Lukas Stäuble
Una produzione di enpassant.

LuogoTeatro Paravento
Indirizzo / ViaVia Cappuccini 8, Locarno
Info0917519353
Prezzo CHF
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
JOSEF ALBERS. ANATOMIA DI «OMAGGIO AL QUADRATO». VISITA GUIDATA GRATUITA ALLA MOSTRA
Museo Villa dei Cedri, Bellinzona
14.30

Il percorso guidato condurrà i visitatori alla scoperta dell’emblematica figura dell’artista tedesco Josef Albers, per ripercorrere in particolare le sue indagini dedicate alle interazioni di colore e alle modulazioni di luce giocate nelle campiture rigorosamente geometriche della serie «Omaggio al Quadrato». 

La mostra in breve

Attraverso una sequenza inedita di dipinti a olio, stampe e bozzetti di Josef Albers (1888-1976), artista tedesco e teorico del colore, la mostra ripercorre la genesi di un’icona del Ventesimo secolo «Omaggio al Quadrato». In questa serie – iniziata nel 1949 ed elaborata per oltre un quarto di secolo – Albers esplora le interazioni di colore in campiture rigorosamente quadrate, di diverse dimensioni e tonalità, sovrapposte l’una all’altra. Con un approccio quasi ritualistico, l’artista indaga così le modulazioni di luce e cromie declinandole in motivi, forme e processi infiniti e nel contempo invariabili, in più di 2'000 opere. Frutto di una ricerca fondamentale, questa serie illustra le esperienze artistiche di Albers, sviluppate nei suoi anni di insegnamento al Bauhaus di Dessau (1925-1933) e al Black Mountain College (1933-1949).

LuogoMuseo Villa dei Cedri
Indirizzo / ViaPiazza San Biagio 9, Bellinzona
Info0582031730
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
STAMPE A COLORI
Museo Villa dei Cedri, Bellinzona
14.30

Atelier per ragazzi dagli 8 anni.

Laboratorio di stampa a rilievo per creare delle linoleografie ispirate ai lavori di Josef Albers e ai suoi studi sulla percezione del colore.

 Evento gratuito organizzato nell’ambito della mostra JOSEF ALBERS. ANATOMIA DI «OMAGGIO AL QUADRATO» e del «Fine settimana della grafica». Posti limitati, è gradita l'iscrizione.

LuogoMuseo Villa dei Cedri
Indirizzo / ViaPiazza San Biagio 9, Bellinzona
Info0582031730
Sito webVai al sito
Coppa del Mondo del Panettone
Centro Esposizioni (Padiglione Conza), Lugano
20.00

Finale della Coppa del Mondo del Panettone 2019: otto nazioni in gara.

Lugano dal 8 al 10 novembre ospita un evento unico: la Coppa del Mondo del Panettone, con tre giorni dedicati al lievitato per eccellenza. Alla finalissima saranno Svizzera, Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Stati Uniti, Giappone e Australia a sfidarsi per il trofeo Miglior Panettone 2019.


Dal 8 al 10 novembre i riflettori sono puntati sul panettone: a Lugano si tiene la Coppa del Mondo del Panettone 2019 (CMP), un evento unico nel panorama internazionale con tre giornate interamente dedicate al dolce lievitato per eccellenza, per celebrare storia e lavorazione di un prodotto che è riuscito a valicare i confini d’origine e ogni collocazione stagionale per imporsi sulla scena dolciaria mondiale. Il cuore dell’evento è il concorso: alla finalissima di novembre, il Centro esposizioni di Lugano sarà il palcoscenico dove si sfideranno i super finalisti selezionati durante le preselezioni di Barcellona, Pistoia e Lugano. Le nazioni sfidanti sono Svizzera, Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Australia, Giappone e Stati Uniti, a testimonianza della portata internazionale dell’evento. A giudicare i finalisti e a consegnare il primo Trofeo Miglior Panettone 2019 ci sarà poi una giuria di grandi professionisti, a partire da Gabriel Paillasson e Paco Torreblanca.

I concorrenti dovranno presentare alla giuria sei pezzi da 1 kg di panettone tradizionale, realizzati con pasta madre naturale, doppia fermentazione naturale e forma alta. Spiega il Maestro pasticcere Giuseppe Piffaretti, cultore del lievito madre e tra le menti ideatrici dell’evento: “L'obiettivo di questo progetto non è solo celebrare un prodotto che, a partire dalle sue origini, è riuscito a superare confini e stagioni per imporsi sulla scena internazionale, ma è soprattutto l’occasione per raccontare e premiare i processi rigorosi che sono alla base della creazione di un prodotto artigianale di alto livello”.

FINALISTI

Svizzera: Roberto Gatti – Arte Bianca Sagl (Lugano); Bruno Buletti – B.F.B. Food F.lli Buletti (Airolo); Marzio Monaco – Dolce Monaco (Losone); Luca Poncini – Poncini Luca e Co. (Maggia).
Italia: Bruno Andreoletti – Pasticceria Andreoletti (Brescia); Ferrante Massimo – Pasticceria Ferrante (Genova); Lunardi Massimiliano – Fratelli Lunardi (Quarrata); Peruzzi Massimo –Pasticceria Peruzzi (Prato); Giovanni Ristuccia – Il Duomo di Pietrasanta (Lucca); Andrea Tedeschi – Pastry Lab (Bologna); Turdo Nicola – Panificio Picernese Ciarly (Picerno).
Spagna: Oriol Balaguer (Barcelona), Yann Duiytsche – Dolç (Sant Cugat, Barcelona), Jordi Morelló (Pastisseria Takashi Ochiai, Barcelona)
Francia: Franck Collas – SAS FAB (Beaugency)
Portogallo: Marco Ferreira (Braga)
Stati Uniti: Biagio Settepani – Bruno’s Retaurant (New York)
Australia: Tatiana Coluccio – Old Evropa Bakery (Melbourne)
Giappone: Katsuei Shiga – Signifiant Signifié (Tokyo)

La Coppa del Mondo del Panettone però non è solo concorso: da non perdere sono anche dimostrazioni, degustazioni, visite agli espositori e laboratori aperti al pubblico. L’evento, che nasce dalla collaborazione con la Società dei maestri Pasticceri Confettieri del Canton Ticino (SMPPC), ha l’obiettivo di diffondere la cultura del panettone artigianale, oggi più che mai dolce preparato e apprezzato in tutto il mondo. L’evento della CMP di Lugano è solo il primo passo di un appuntamento di ampio respiro che non mancherà di sorprendere. Tutti i dettagli sono sul sito web coppadelmondodelpanettone.ch.

LuogoCentro Esposizioni (Padiglione Conza)
Indirizzo / Viavia Campo Marzio , Lugano
PeriodoDal 08.11.2019 al 10.11.2019
GiorniVe Sa Do
Prezzo5 CHF
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Crociera serale Dinner e Fondue
Lago di Lugano , Lugano
19.00

Dal 26 ottobre al 21 dicembre, ogni sabato, vi aspettiamo all’imbarcadero Lugano-Centrale per una crociera serale all’insegna del gusto. Fondue chinoise à discrétion e fondue di formaggio (a partire da un minimo di 2 persone) vi aspettano già a partire dalle 19:00. Il battello salperà alle ore 20:00 da Lugano-Centrale e alle ore 20:10 da Paradiso (rientro ore 22:20 a Paradiso e ore 22:30 a Lugano) per poter gustare anche con gli occhi il suggestivo panorama autunnale del lago Ceresio.

Per i gruppi vi è la possibilità di riservare una parte del battello oppure una sala intera (in base al numero di partecipanti).

Per riservazioni gruppi e per eventuali ulteriori informazioni ci si può rivolgere direttamente alla Società Navigazione del Lago di Lugano, Tel. +41 (0) 91 222 11 13, consultando il sito www.lakelugano.ch, la pagina facebook.com/SNLLugano/  o inviando una e-mail a sales@lakelugano.ch.

Per gli eventi speciali SNL non sono accettate facilitazioni di viaggio (Abbonamento Generale, Metà Prezzo, Lugano Card, ecc).

LuogoLago di Lugano
Indirizzo / ViaLugano
PeriodoDal 02.11.2019 al 22.11.2019
GiorniTutti i giorni
PrevenditaAcquista biglietti su Biglietteria
Acquista biglietti
the growth - Laura Pellegrinelli
Sala del Torchio, Balerna
14.00

Esposizione personale "the growth" di Laura Pellegrinelli.

Durante l'esposizione il visitatore è invitato a partecipare attivamente attraverso il contributo di una parola per la realizzazione della performance/istallazione finale.

L'artista sarà presente i sabati, le domeniche e vernerdì 1. novembre e proporrà dei lavoratori di arte dialogica.

LuogoSala del Torchio
Indirizzo / ViaVia Carlo Silva 2, Balerna
PeriodoDal 20.10.2019 al 10.11.2019
GiorniTutti i giorni
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
GIOVANE MUSICA SVIZZERA 2019
Chiesa Evangelica Riformata, Bellinzona
20.00

domenica 13 ottobre

Duo Bruno-Reggiani
Mario Bruno, flauto – Lorenzo Reggiani, chitarra
musiche di Bach, De Falla e Piazzolla
ore 14:00: Casa anziani Greina, via Pizzo di Claro 43 - 6500 Bellinzona
ore 17:00: Chiesa evangelica riformata, viale Stefano Franscini 1 - 6500 Bellinzona

Lorenzo Reggiani è nato a Lugano nel 1995. Dopo aver frequentato la sezione pre-professionale al Conservatorio della Svizzera Italiana nella classe del M° Lorenzo Micheli, ha studiato alla HEMU di Losanna sotto la guida di Dagoberto Linhares, dove si è in seguito diplomato in chitarra classica e in pedagogia musicale. Da anni collabora con il flautista italiano Mario Bruno, nato nel 1997, che attualmente si sta perfezionando con il M° Davide Formisano presso l’HMDK di Stoccarda.

 

domenica 27 ottobre

Trio Orpheus
Doriano di Domenico, violino - Jone Diamantini, viola - Caterina Di Domenico, pianoforte
musiche di Clementi, Mozart, Glinka
ore 14:00: Residenza Pedemonte, via Pantera 1 - 6500 Bellinzona
ore 17:00: Chiesa evangelica riformata, viale Stefano Franscini 1 - 6500 Bellinzona

Il Trio Orpheus è una neonata formazione che si propone di presentare al pubblico il grande repertorio per strumento solista, duo in tutte le possibili combinazioni e trio classico particolare, con opere di grande repertorio. Doriano Di Domenico, nato nel 1998 a Mendrisio, frequenta il Master of Arts in Music Performance col M° Pavel Berman e Jone Diamantini, nata a Milano nel 2002, il corso pre-professionale con il M° Danilo Rossi presso il Conservatorio della Svizzera Italiana; Caterina, nata a Mendrisio nel 1992, frequenta il Biennio di pianoforte a Como nella classe del M°Daniela Manusardi e, insieme al fratello Doriano, svolge un’intensa attività didattica nel Canton Ticino.

 

domenica 10 novembre
Juliana Spahr, flauto
accompagnata al pianoforte dal M° Fabio Sioli
musiche di Bach, Enescu, Debussy
ore 14:00: Casa anziani Sementina, via Pradasc 2 - 6514 Sementina
ore 17:00: Chiesa evangelica riformata, viale Stefano Franscini 1 - 6500 Bellinzona

Juliana Spahr, nata a Bellinzona nel 2001, ha iniziato lo studio del flauto con il M° Luca Russo presso la Scuola Jardin Musical di Bellinzona, dove segue il corso di musica da camera con il M° Alessandra Gelfini e dove sta completando gli studi del percorso preaccademico.

 

LuogoChiesa Evangelica Riformata
Indirizzo / Viaviale Stefano Franscini 1, Bellinzona
PeriodoDal 13.10.2019 al 10.11.2019
GiorniDo
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
HCB Ticino Rockets - Abbonamento 2019/20
Raiffeisen BiascArena, Biasca
20.00

I Rockets hanno il piacere di comunicare l’apertura ufficiale della campagna abbonamenti per la stagione 19/20 in Swiss League. Chi volesse vivere con noi le grandi emozioni dei Rockets sul ghiaccio di casa potrà inoltre contattare per ogni informazione il segretariato al n. 091.862 21.21, aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.

La tessera comprende tutte le partite di campionato e amichevoli!

Care tifose e cari tifosi, abbiamo un obiettivo che vogliamo raggiungere con voi: vogliamo dare al futuro del nostro hockey la possibilità di crescere in maniera sana e in salsa ticinese. A voi non rimane che continuare a sostenerci, portando il vostro tifo e la vostra passione per l’hockey durante le partite dei Ticino Rockets alla Raiffeisen BiascArena. #GoRocketsGo

LuogoRaiffeisen BiascArena
Indirizzo / ViaBiasca
PeriodoDal 05.08.2019 al 11.02.2020
GiorniTutti i giorni
PrevenditaAcquista biglietti su Biglietteria
Acquista biglietti
Continua il successo di Play With Us con le opere di Naby Byron all'Hilton Molino Stucky di Venezia
Hilton Molino Stucky, Venezia
20.00

In concomitanza alla 58° Biennale di Venezia. continua il grande successo di “Play With Us - Dall’arte popolare all’arte moderna”, l’originale installazione dell’artista Naby Byron accompagnata dalla texture musicale di Max Casacci dei Subsonica. Fino al 24 novembre 2019 nella suggestiva cornice dell’Hotel Hilton Molino Stucky situato nel cuore di Venezia, il pubblico potrà ammirare il particolare e insolito lavoro di Naby Byron: una metaforica visione onirica dell’artista che vede al centro della sua narrazione inusuali cavalli da giostra. La mostra è presentata dal Museo Storico della Giostra di Bergantino, a cura del Prof. Gian Paolo Borghi, etno-antropologo ed esperto di tradizioni popolari. 

Numerosi visitatori provenienti da tutto il mondo hanno apprezzato le opere singolari e caratteristiche dell’artista e le musiche astratte e stralunate del noto compositore Max Casacci. L’allestimento, durante il periodo di apertura, è stato rafforzato e rivisto per permettere ai visitatori una fruizione a tutto tondo della produzione artistica di Naby Byron. 

L’esposizione, in collaborazione con l’Associazione UFO-Ultimi Futuristi, è inserita nella programmazione di “Le Città in Festa” promossa dalla Città di Venezia ed è realizzata con il patrocinio della Regione del Veneto, della Città di Venezia, del Comune di Bergantino, del Museo della Giostra di Bergantino, del MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), di Hilton Stucky Venezia e si colloca all’interno delle celebrazioni del Centenario dalla Fondazione del Gruppo Hilton. 

Naby Byron si riappropria di alcune forme della cultura tradizionale adattandole alle aspettative del contemporaneo in una sorta di “provocazione – non provocazione” che mira a cogliere, attraverso le giostre, alcune sfaccettature di un denso percorso storico-antropologico. I cavalli da giostra, infatti, richiamano alla memoria antichi giochi rituali e arcaici di natura medievale.

Naby Byron, tuttavia, non si limita a scegliere artisticamente i cavalli ma, in forma simbolica, li rende liberi dai rigidi meccanismi delle giostre, proiettandoli lontani dalle tradizionali fiere di borghi e paesi in un contesto moderno e contemporaneo, i Luoghi dell’Altrove. Questo forte desiderio di libertà si traduce nella fusione in maniera simbiotica delle sue installazioni con la natura che le circonda. In altri termini, Naby si eleva a paladina di una nuova e rinnovata cultura del “gioco”, trasfigurando alcuni antichi significati nel mondo odierno e offrendoli all’ammirazione e alla disponibilità degli appassionati d’arte del terzo millennio.

Nello specifico “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna è un’opera relazionale in cui il fruitore interagisce direttamente con l’installazione: i visitatori, infatti, sono invitati a montare sul cavallo e in questo senso il lavoro di Naby Byron rappresenta un’opera unica, in continuo divenire, in quanto cambia col cambiare dello spettatore che desidera mettersi in gioco. 

L’esposizione si compone di una parte a “cavalli fissi” nella zona esterna dell’Hotel, e di una a “cavalli mobili” situati negli ambienti interni. Al fianco delle opere è prevista una videoinstallazione a cura del Museo e dell’artista, volta a descrivere per immagini e parole la poetica complessiva dell’evento. Sarà, inoltre, presente una “texture” sonora composta dal musicista Massimiliano Casacci, membro e fondatore dei Subsonica.

NABY
Naby Byron (nome d’arte) nasce a Bologna. Di famiglia borghese, vive la sua infanzia accanto ad uno dei più importanti allevamenti di cavalli d’Europa (allevamento che ha visto i natali della stirpe del trottatore Varenne). Memore dei lunghi pomeriggi passati ad ammirare gli allenamenti e la vita dell’animale più nobile del creato, Naby, laureatasi nel frattempo all’Accademia di Bologna, elegge il cavallo quale simbolo totemico delle sue prime creazioni artistiche, dapprima dipinti ed in seguito installazioni. 

Avvicinatasi nel prosieguo di vita al mondo del collezionismo, ha costituito assieme ad alcuni collaboratori il Collettivo U.F.-o Ultimi Futuristi, al’interno del quale è conservato un vastissimo numero di documenti afferenti il Movimento Futurista di Filippo Tommaso Marinetti, altra grande fonte di ispirazione dell’artista soprattutto per quanto attiene al filone aviatorio, seconda passione di Naby Byron ed oggetto precipuo delle sue opere.                                                                                       

Hanno curato per lei importanti mostre il critico d’arte Giuseppe Virelli, l’etno-antropologo Prof. Gian Paolo Borghi, lo storico del Futurismo Enrico Bittoto.

 

Ha esposto in Gallerie a Lucca (“Play With Me” presso Galleria olio su tavola), al PALP Museo di Pontedera (“Play With Me” all’interno della Mostra “Dalla Trottola al Robot”) e in concomitanza con la Biennale di Venezia presso gli ambienti dell’Hilton Molino Stucky all’isola della Giudecca (Installazione “Play With Us” promossa dal Museo dello Giostra di Bergantino).

 

Hanno collaborato con lei Marta Pederzoli, le Ceramiche Gatti di Faenza, Max Casacci dei Subsonica, il regista Luca Verdone.

 

Ha vinto diversi premi e riconoscimenti tra i quali ricordiamo il Premio Vergato Arte 2016 sotto la presidenza del Maestro Luigi Ontani.

 

 

 

 

 

 

INFORMAZIONI UTILI

 

TITOLO: “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna

OPERE DI: NABY BYRON

A CURA DI: Prof. Gian Paolo Borghi

TEXTURE MUSICALE: Max Casacci dei Subsonica

PRESENTATA DA: Museo storico della giostra di Bergantino

DOVE: Hotel Hilton Molino Stucky - Giudecca 810, Venezia

DATE: 11 maggio - 24 novembre 2019

ORARI: orari di apertura dell’Hotel

WEB: nabybyron.com

FACEBOOK: https://www.facebook.com/PlayWithHus/

 

INGRESSO GRATUITO

 

L’EVENTO E’ INSERITO NELLA PROGRAMMAZIONE DI “LE CITTA’ IN FESTA” PROMOSSA DALLA CITTA’ DI VENEZIA

 

PATROCINI: Regione del Veneto, Città di Venezia, Comune di Bergantino, Museo della Giostra di Bergantino, MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), Hilton Stucky Venezia.

IN COLLABORAZIONE CON: Associazione UFO-Ultimi Futuristi.

 

 

AGENZIA DI COMUNICAZIONE E UFFICIO STAMPA

 

 

 

Culturalia di Norma Waltmann

tel : +39-051-6569105 mob: +39-392-2527126

email: info@culturaliart.com web: www.culturaliart.com

facebook: culturalia – Instagram: culturalia_comunicare_arte

LuogoHilton Molino Stucky
Indirizzo / ViaGiudecca 810, Venezia
PeriodoDal 19.07.2019 al 24.11.2019
GiorniTutti i giorni
Info0516569105
EtàPer tutti
Play with us. dall’arte popolare all’arte moderna
Hotel Hilton Molino Stucky , Venezia
08.00

Dall’11 maggio al 24 novembre 2019, nel cuore di Venezia, all’interno della suggestiva e prestigiosa cornice dell’Hotel Hilton Molino Stucky affacciato sul Canale della Giudecca, sarà presentata dal Museo Storico della Giostra di Bergantino l’installazione “Play With Us” Dall’arte popolare all’arte moderna con opere dell’artista Naby Byron e texture musicale di Max Casacci dei Subsonica, a cura del Prof. Gian Paolo Borghi, etno-antropologo ed esperto di tradizioni popolari.

L’esposizione si colloca in concomitanza alla 58° Biennale di Venezia e propone al pubblico una particolare e metaforica visione onirica dell’artista che vede al centro della sua narrazione inusuali cavalli da giostra.

L’esposizione, in collaborazione con l’Associazione UFO-Ultimi Futuristi, è realizzata con il patrocinio della Regione del Veneto, della Città di Venezia, del Comune di Bergantino, del Museo della Giostra di Bergantino, del MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), di Hilton Stucky Venezia e si colloca all’interno delle celebrazioni del Centenario dalla Fondazione del Gruppo Hilton.

Naby Byron si riappropria di alcune forme della cultura tradizionale adattandole alle aspettative del contemporaneo in una sorta di “provocazione – non provocazione” che mira a cogliere, attraverso le giostre, alcune sfaccettature di un denso percorso storico-antropologico. I cavalli da giostra, infatti, richiamano alla memoria antichi giochi rituali e arcaici di natura medievale.

Naby Byron, tuttavia, non si limita a scegliere artisticamente i cavalli ma, in forma simbolica, li rende liberi dai rigidi meccanismi delle giostre, proiettandoli lontani dalle tradizionali fiere di borghi e paesi in un contesto moderno e contemporaneo, i Luoghi dell’Altrove. Questo forte desiderio di libertà si traduce nella fusione in maniera simbiotica delle sue installazioni con la natura che le circonda. In altri termini, Naby si eleva a paladina di una nuova e rinnovata cultura del “gioco”, trasfigurando alcuni antichi significati nel mondo odierno e offrendoli all’ammirazione e alla disponibilità degli appassionati d’arte del terzo millennio.

Nello specifico “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna è un’opera relazionale in cui il fruitore interagisce direttamente con l’installazione: i visitatori, infatti, sono invitati a montare sul cavallo e in questo senso il lavoro di Naby Byron rappresenta un’opera unica, in continuo divenire, in quanto cambia col cambiare dello spettatore che desidera mettersi in gioco.

L’esposizione si compone di una parte a “cavalli fissi” nella zona esterna dell’Hotel, e di una a “cavalli mobili” situati negli ambienti interni. Al fianco delle opere è prevista una videoinstallazione a cura del Museo e dell’artista, volta a descrivere per immagini e parole la poetica complessiva dell’evento. Sarà, inoltre, presente una “texture” sonora composta dal musicista Massimiliano Casacci, membro e fondatore dei Subsonica.

NABY

Naby Byron (nome d’arte) nasce a Bologna. Di famiglia borghese, vive la sua infanzia accanto ad uno dei più importanti allevamenti di cavalli d’Europa (allevamento che ha visto i natali della stirpe del trottatore Varenne). Memore dei lunghi pomeriggi passati ad ammirare gli allenamenti e la vita dell’animale più nobile del creato, Naby, laureatasi nel frattempo all’Accademia di Bologna, elegge il cavallo quale simbolo totemico delle sue prime creazioni artistiche, dapprima dipinti ed in seguito installazioni.

Avvicinatasi nel prosieguo di vita al mondo del collezionismo, ha costituito assieme ad alcuni collaboratori il Collettivo U.F.-o Ultimi Futuristi, al’interno del quale è conservato un vastissimo numero di documenti afferenti il Movimento Futurista di Filippo Tommaso Marinetti, altra grande fonte di ispirazione dell’artista soprattutto per quanto attiene al filone aviatorio, seconda passione di Naby Byron ed oggetto precipuo delle sue opere.                                                                               

Hanno curato per lei importanti mostre il critico d’arte Giuseppe Virelli, l’etno-antropologo Prof. Gian Paolo Borghi, lo storico del Futurismo Enrico Bittoto.

Ha esposto in Gallerie a Lucca (“Play With Me” presso Galleria olio su tavola), al PALP Museo di Pontedera (“Play With Me” all’interno della Mostra “Dalla Trottola al Robot”) e in concomitanza con la Biennale di Venezia presso gli ambienti dell’Hilton Molino Stucky all’isola della Giudecca (Installazione “Play With Us” promossa dal Museo dello Giostra di Bergantino).

Hanno collaborato con lei Marta Pederzoli, le Ceramiche Gatti di Faenza, Max Casacci dei Subsonica, il regista Luca Verdone.

Ha vinto diversi premi e riconoscimenti tra i quali ricordiamo il Premio Vergato Arte 2016 sotto la presidenza del Maestro Luigi Ontani.

INFORMAZIONI UTILI

TITOLO: “Play with us” Dall’arte popolare all’arte moderna

OPERE DI: NABY BYRON

A CURA DI: Prof. Gian Paolo Borghi

TEXTURE MUSICALE: Max Casacci dei Subsonica

PRESENTATA DA: Museo storico della giostra di Bergantino

DOVE: Hotel Hilton Molino Stucky - Giudecca 810, Venezia

INAUGURAZIONE: Sabato 11 maggio ore 17,30

DATE: 11 maggio - 24 novembre 2019

ORARI: orari di apertura dell’Hotel

WEB: nabybyron.com

FACEBOOK: https://www.facebook.com/PlayWithHus/

INGRESSO GRATUITO

PATROCINI: Regione del Veneto, Città di Venezia, Comune di Bergantino, Museo della Giostra di Bergantino, MAF (Museo Mondo Agricolo Ferrarese), Hilton Stucky Venezia.

IN COLLABORAZIONE CON: Associazione UFO-Ultimi Futuristi.

AGENZIA DI COMUNICAZIONE E UFFICIO STAMPA

Culturalia di Norma Waltmann

tel : +39-051-6569105 mob: +39-392-2527126

email: info@culturaliart.com web: www.culturaliart.com

facebook: culturalia – Instagram: culturalia_comunicare_arte

LuogoHotel Hilton Molino Stucky
Indirizzo / ViaGiudecca 810, Venezia, Venezia
PeriodoDal 11.05.2019 al 24.11.2019
GiorniTutti i giorni
Info0516569105
EtàPer tutti
Facebook Vai al link di facebook
News e approfondimenti Ticino
© 2019 , All rights reserved