ULTIME NOTIZIE Via Sicura
Via Sicura
2 anni
"Alcol alla guida: bisogna arrivare alla tolleranza zero”. "Ma Via Sicura è un fallimento". Il drammatico incidente mortale di Sigirino, riapre il dibattito tra gli esperti
Via Sicura
2 anni
È Andrea Tamborini la vittima del pirata della strada. Tornava dal suo lavoro a Locarno. E un lettore ci scrive: "Nulla potrà riportare a un figlio suo padre e a una moglie suo marito. Che almeno questo rimorso possa perseguitare fino alla fine dei suoi g
Via Sicura
3 anni
Gobbi vuole che il pirata della strada tedesco condannato a 30 mesi per i 10 sorpassi nel Gottardo con punte di 200 all'ora finisca in carcere: "Ha messo in pericolo la vita di molte persone, perché il tunnel del Gottardo è uno dei tratti più pericolosi d
Via Sicura
3 anni
Stop alle purghe di Via Sicura. Ecco altre due storie di follia burocratica. I coniugi che, rientrati in Svizzera dopo anni trascorsi in Spagna, vengono mandati dal medico del traffico perché dichiarano di avere una leggera forma di diabete. E la donna be
Via Sicura
3 anni
Coglione! Il pirata della strada tedesco condannato in contumacia a Lugano mostra fiero la sua patente: "Della Svizzera ho visto tutto e non ho bisogno di tornarci". Nell'estate del 2014 superò 10 volte nel Gottardo raggiungendo punte di 200 all'ora
Via Sicura
3 anni
Se questo è un pirata... Finalmente una sentenza ticinese che speriamo contribuisca a sgretolare quell'aberrazione del diritto chiamata 'Via Sicura'. Il giudice Villa al secondo processo dice no a un anno di galera per un 'corsaro della strada'. L'avvoca
Via Sicura
3 anni
La Grande Purga di Via Sicura, un altro racconto di un lettore: "Ore 24,15, sto rientrando a casa in auto. Incrocio una pattuglia della polizia e noto che fa retromarcia e inizia a seguirmi. Poi vedo i lampeggianti. Patente, ha bevuto? No. Test dell'alcol
Via Sicura
06.01.2017 - 14:580
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

Stop alla Grande Purga! Smantelliamo il Sistema di Via Sicura. La testimonianza di un lettore: "Tutti finiscono nello stesso calderone: ed è inaccettabile e umiliante per un cittadino di un Paese che si crede democratico"

Dopo il nostro articolo i lettori cominciano a raccontare le loro esperienze (continuate a scriverci). "Oltre ai funzionari federali, a mio modesto parere ci sono alcune lobbies che stanno spingendo nell'infausta direzione da tempo ormai seguita. A chi giova, alla fine, questo sistema? Chi ne trae vantaggio? Le risposte non sono moltissime...".

Caro direttore,
 
alle nostre latitudini, qualora alle istituzioni ci fosse ancora qualcuno in grado di capire che cosa significa, nella migliore delle ipotesi la massima di Cicerone "Summum ius, summa iniuria" sarebbe bollata come "roba da taglian".
 
Esempio 1: Cittadino, con occupazione in un ufficio, passa 8-9 ore della sua giornata alla scrivania. Tragitto casa-lavoro: 15/20km. Questa persona percorre ca. 30-40 km al giorno (200 la settimana, 800 al mese).
 
Esempio 2: cittadino, rappresentante, 5-6 ore al giorno al volante. 1500 km la settimana, 6000 km al mese. 
 
In caso di infrazione grave, le due persone saranno trattate allo stesso modo. Sia il dipendente dell'ufficio, sia il rappresentante resteranno senza patente per un certo periodo. La differenza è ovvia. Uno userà i mezzi, l'altro farà la fila all'URC più vicino.
 
Avrà capito che io sono un "esempio 2". Ma ho trovato una soluzione alternativa all'URC, grazie a un datore di lavoro comprensivo che mi ha permesso di "scontare la pena" in vacanza. 
 
Alla fine noi tutti pagheremo perché sia al funzionario dell'Ufficio della circolazione, sia al giudice, non è concessa la possibilità di valutare le circostanze in cui le infrazioni avvengono. E qui tocchiamo il fondo. 
 
Ancora una volta. Perché tanto rigore? Tanta inflessibilità? Invece del ritiro della patente, non si potrebbe valutare un servizio alla comunità? O qualcosa di più utile della disoccupazione? 
Le misure introdotte da Via Sicura hanno davvero migliorato la sicurezza sulle nostre strade? Se la risposta è si, era davvero questo l'unico modo per raggiungere questo obbiettivo? Non esistono percorsi meno lesivi delle libertà personali?
 
Sia chiaro, non voglio giustificare chi, ubriaco o sotto l'effetto di droghe, si mette al volante di un'automobile. E nemmeno chi transita davanti a una scuola a velocità eccessiva, magari durante le ore di lezione o al termine delle stesse. Ma Via Sicura mette tutti nello stesso calderone e questo lo trovo inaccettabile e umiliante come cittadino di un Paese che si crede democratico.
 
L'ironia sta nel fatto che il nostro sistema ci interpella per chiederci se vogliamo o no energia prodotta dalle centrali nucleari o se riteniamo un certo tipo di aerei da combattimento idoneo alle nostre truppe (argomenti di cui oltre il 90% di noi cittadini capisce parzialmente solo quello che vede in TV o legge sui giornali), mentre sull'argomento in questione, di cui facciamo tutti immediata esperienza quotidianamente, si stende una cortina di impenetrabile omertà e noi accettiamo la situazione sic et simpliciter (e il peggio è che noi non chiediamo chiarezza a questo riguardo). 
 
Quante licenze di condurre sono state ritirate dall'introduzione di queste nuove norme? Quanti giorni di detenzione (effettivi e sospesi) sono stati comminati? A quanto ammontano complessivamente le multe comminate? Quanti posti di lavoro sono stati persi dalle persone a cui è stata ritirata la licenza? Quanto sta costando l'applicazione di via sicura? Ancora una volta: chi trae vantaggio da questa situazione? 
 
Quello che mi colpisce è che i nostri rappresentanti (fatta qualche lodevolissima eccezione) sono capaci di scandalizzarsi solo davanti a un microfono, in occasione delle interviste. Quando, invece siedono sui banchi del parlamento, sia cantonale, sia federale, si dimenticano di Via Sicura.
 
In Ticino, alcuni parlamentari hanno cercato di obbligare la polizia a segnalare la presenza di radar mobili. A che punto ne siamo? 
 
Oltre ai funzionari federali, a mio modesto parere ci sono alcune lobbies che stanno spingendo nell'infausta direzione da tempo ormai seguita. A chi giova, alla fine, questo sistema? Chi ne trae vantaggio? Le risposte non sono moltissime...
 
Grazie della sua pazienza e perdoni questo mio sfogo personale. Qualora trovasse qualche spunto di riflessione utile in queste mie righe, non esiti a usarlo come meglio crede.
 
Buona giornata e buon anno,

G.P.
Potrebbe interessarti anche
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved