ULTIME NOTIZIE Via Sicura
Via Sicura
2 anni
È Andrea Tamborini la vittima del pirata della strada. Tornava dal suo lavoro a Locarno. E un lettore ci scrive: "Nulla potrà riportare a un figlio suo padre e a una moglie suo marito. Che almeno questo rimorso possa perseguitare fino alla fine dei suoi g
Via Sicura
3 anni
Gobbi vuole che il pirata della strada tedesco condannato a 30 mesi per i 10 sorpassi nel Gottardo con punte di 200 all'ora finisca in carcere: "Ha messo in pericolo la vita di molte persone, perché il tunnel del Gottardo è uno dei tratti più pericolosi d
Via Sicura
3 anni
Stop alle purghe di Via Sicura. Ecco altre due storie di follia burocratica. I coniugi che, rientrati in Svizzera dopo anni trascorsi in Spagna, vengono mandati dal medico del traffico perché dichiarano di avere una leggera forma di diabete. E la donna be
Via Sicura
3 anni
Coglione! Il pirata della strada tedesco condannato in contumacia a Lugano mostra fiero la sua patente: "Della Svizzera ho visto tutto e non ho bisogno di tornarci". Nell'estate del 2014 superò 10 volte nel Gottardo raggiungendo punte di 200 all'ora
Via Sicura
3 anni
Se questo è un pirata... Finalmente una sentenza ticinese che speriamo contribuisca a sgretolare quell'aberrazione del diritto chiamata 'Via Sicura'. Il giudice Villa al secondo processo dice no a un anno di galera per un 'corsaro della strada'. L'avvoca
Via Sicura
3 anni
La Grande Purga di Via Sicura, un altro racconto di un lettore: "Ore 24,15, sto rientrando a casa in auto. Incrocio una pattuglia della polizia e noto che fa retromarcia e inizia a seguirmi. Poi vedo i lampeggianti. Patente, ha bevuto? No. Test dell'alcol
Via Sicura
3 anni
"Via Sicura: un trattamento da dittatura. Se commetti un’aggressione o una rapina, il giudice valuta le circostanze e calibra la pena. Se sei un'automobilista che infrange le regole della strada no"
Via Sicura
19.11.2017 - 10:260
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

"Alcol alla guida: bisogna arrivare alla tolleranza zero”. "Ma Via Sicura è un fallimento". Il drammatico incidente mortale di Sigirino, riapre il dibattito tra gli esperti

Riccardo Pfister, presidente dell’Associazione maestri conducenti Ticino: "Bisogna abbassare la soglia di tolleranza e inasprire le sanzioni". Guggiari e Gazzola invece criticano il pacchetto di leggi sulla circolazione stradale

SIGIRINO - "Alcol alla guida: bisogna arrivare alla tolleranza zero”. È l’opinione di Riccardo Pfister, presidente dell’Associazione maestri conducenti Ticino. Un’opinione forte espressa dalle colonne del Caffè, che questa mattina dedica un approfondimento al tema dopo il drammatico incidente di Sigirino.

 

L’alcol, annota il domenicale, resta uno dei motivi alla base di troppi incidenti. Solo l’anno scorso in Ticino sono stati 307, due quelli mortali, 30 quelli con feriti gravi. “Bere - sottolinea Pfister - altera la percezione e aumenta enormemente i rischi. Bisogna abbassare la soglia di tolleranza e inasprire le sanzioni. Ad un patto: sulle strade ci devono essere controlli sistematici e le pene devono essere certe. Serve un cambiamento netto di tendenza, altrimenti sarà inutile”.

 


A far da contraltare alle testi di Pfister, Renato Gazzola e l’avvocato Rossano Guggiari. “Via Sicura - afferma il presidente del TCS - non ha avuto gli effetti sperati, ha dato potere decisionale ai funzionari e alla burocrazia. E ha tolto ai giudici la facoltà di ponderare le sentenze, partendo dalle valutazioni sul singolo caso”.

 

Per Guggiari, presidente dell’Unione automobilisti e motociclisti, “Via Sicura è nata per combattere i pirati della strada. Ma così come è concepita, questa legge non punta dritta alla prevenzione ma va a punire pesantemente, con conseguenze penali, anche l’automobilista che non ha mai fatto nulla e che per aver superato un limite di velocità o bevuto una birra diventa un delinquente. Poi è chiaro che chi eccede va punito. Ma serve, ripeto, proporzionalità”.

Potrebbe interessarti anche
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved