Bar Sport
Profondo rosso... Ecco il quadro dei debiti che potrebbero segnare la fine del FC Locarno. L'elenco aggiornato a novembre ammontava a circa 820'000 franchi, mezzo milione solo per AVS e Assicurazione infortuni. Con attestati di carenza beni per 220'000 franchi
Ieri, nella sua lettera aperta a tifosi e simpatizzanti, il presidente, Michele Nicora, ha precisato: “Le informazioni di circa 900'000 franchi di debiti sono erronee, in quanto dalla lista non sono stralciate posizioni contestate, posizioni saldate e non ancora cancellate, posizioni doppie e piani di rientro firmati dalle parti e non ancora cancellati. La cifra esatta stimata ieri ammonta a circa 480'000, non poco, ma non l'enorme cifra menzionata”
foto: TiPress/Pablo Gianinazzi
LOCARNO – Ma a quanto ammontano I debiti del Football Club Locarno? Nel rivelare giovedì sera la notizia del decreto di fallimento firmato a inizio anno dalla Pretura, abbiamo parlato di una cifra che sfiora il milione di franchi.

Ieri, nella sua lettera aperta a tifosi e simpatizzanti, il presidente, Michele Nicora, ha precisato: “Le informazioni di circa 900'000 franchi di debiti sono erronee, in quanto dalla lista non sono stralciate posizioni contestate, posizioni saldate e non ancora cancellate, posizioni doppie e piani di rientro firmati dalle parti e non ancora cancellati. La cifra esatta stimata ieri ammonta a circa 480'000, non poco, ma non l'enorme cifra menzionata”.

Ora, in base a un estratto dell’Ufficio cantonale di esecuzione aggiornato a inizio novembre, che liberatv ha potuto visionare, i debiti globali ammontavano a circa 820'000 franchi. In quell’elenco ci sono ovviamente poste contestate dalla dirigenza del Club, ma il nocciolo duro dei debiti rimane.
Va detto che alcune posizioni potrebbero essere state nel frattempo saldate, ma anche che, sempre nel frattempo, potrebbero essere stati spiccati altri precetti esecutivi.

In estrema sintesi, il Locarno aveva a inizio novembre circa 130'000 franchi di debiti nei confronti dell’AVS, i cui primi precetti risalgono al 2015. Quindi si può dire che negli ultimi tre anni i contributi AVS non sono stati versati. Lo stesso dicasi per l’assicurazione infortuni, considerato che la compagnia Zurigo vanta crediti per circa 375'000 franchi.

E già qui, tra AVS e contributi in base alla Legge sull’assicurazione infortuni, siamo (o eravamo) a oltre mezzo milione. Ci sono poi circa 14'000 franchi di secondo pilastro, 7'000 di IVA, e tante altre poste di privati che vantano crediti nei confronti della società. Secondo l’estratto dell’Ufficio esecuzioni, gli attestati di carenza beni tra AVS, Cantone e Assicurazione infortuni si aggiravano a inizio novembre sui 220'000 franchi.

emmebi





Pubblicato il 06.01.2018 13:09

Guarda anche
Bar Sport
La RSI: "Toni Esposito è perfettamente cosciente del suo errore e ne è profondamente dispiaciuto. Anche lui, come tutti i tifosi della Nazionale svizzera, si è lasciato trascinare dall’impeto e dalla passione dei concitati minuti finali; il che, tuttavia, non giustifica il suo comportamento"
Bar Sport
La fortuna, la sfortuna, il numero delle occasioni, il possesso palla….lo ripetiamo in ogni circostanza: il calcio non sono i tuffi, dove una giuria sceglie il vincitore assegnando dei punti in base alla prestazione. Giocar bene o giocar male è un fatto estetico e relativo, di forma e non di sostanza. Il bel calcio può regalarti l’immortalità rispetto alla storia, non il successo garantito. E alla fine conta solo il risultato
Bar Sport
Dopo l’Islanda che ha imposto il pari all’Argentina, e il Messico che ha battuto i campioni uscenti della Germania, questa sera è toccato ai ragazzi di Vlado Petkovic tirare fuori il coniglio dal cilindro e pareggiare con i pentacampeon
Bar Sport
Nacaroglu, Schnellmann, Lucibello, Merlini, Fonio, Bertini, Morisoli, Regazzi, Chiesa, Bignasca, Dedini, Gehri... Ecco come vedono l'esordio di domani e come immaginano il percorso della Nazionale