Pane e vino
Un Cantone di... dormiglioni. E se voglio mangiare, in sei, alle 22.30? Difficile trovare un locale aperto. A sorpresa, le disponibilità maggiori sono nel Mendrisiotto
Il Locarnese, regione turistica per eccellenza, dà poca disponibilità, più variegato il quadro nel Luganese e nel Bellinzonese: il Caffè ha interpellato una trentina di locali, e solo un terzo di essi ha detto sì senza problemi. Un biglietto da visita che può piacere a turisti e non solo?
LOCARNO – Il Ticino è un Cantone turistico? In teoria, sarebbe a vocazione turistica, lo dicono e lo ripetono in molti. Il Caffè, sulla scorta della polemica innescata da Philipp Plein, che stava mangiando una pizza in ufficio alle 23.30 quando è stato scoperto dall’Ispettorato del Lavoro, ha provato a chiedere a trenta locali (non pizzerie, solo ristoranti con cucina) se si poteva mangiare in sei alle 22.30.

Ebbene, a non avere problemi sono solo nove, ovvero un terzo. E qualcuno non dice no, ma fa capire che non è la situazione ideale: chiede di non arrivare tardi, eventualmente di anticipare un attimo, oppure di ordinare solo determinati piatti. Qualcuno invece indirizza verso altri locali ancora aperti, o domanda di telefonare, la prossima volta.

La sorpresa viene delle regioni. Indovinate qual è il distretto dove si hanno meno problemi? Non lo direbbe nessuno: il Mendrisiotto. Nel Bellinzonese e nel Luganese, qualcuno dice sì, qualcuno è contrario. Nel Locarnese, invece, regione turistica per eccellenza, ci sono problemi. L’orario massimo è quasi sempre le 21.30, in alcuni casi si dicono disponibili ad aspettare, ma probabilmente sa di quasi piacere.

Insomma, i siti indicano i locali aperti fino alle 24. Praticamente nessuno lo è: le 22 è già tardi. E pure la vita notturna è in crisi, se è vero, come riporta ticinonews.ch, che le discoteche hanno avuto un calo di quasi il 50% degli utenti, e il famoso Chocolate giovedì ha deciso per la chiusura (in attesa di cambio proprietà) ed ora ha già la serranda sbarrata.

Ticino, un cantone di… dormiglioni?


Pubblicato il 08.04.2018 14:22

Guarda anche
Pane e vino
Taglie di pesci del genere sono molto rare in Svizzera, spiega il patron dell’Atenao, Mirko Rainer, che insieme allo chef Graziano Petrolo lo ha tagliato e porzionato. E Rainer non si è lasciato scappare l’occasione…
Pane e vino
Intervista al proprietario di uno tra i più apprezzati grotti del nostro Cantone. "La revisione della LEAR non cambia più di tanto le cose, personalmente mi sarei aspetato più protezione per i dipendenti..."
Pane e vino
Martino de' Rossi, o Martino de Rubeis, detto Mastro o Maestro Martino da Como, fu il più importante cuoco del quindicesimo secolo. A lui si deve la stesura del ‘Libro de Arte Coquinaria’, considerato un caposaldo della letteratura gastronomica italiana, che testimonia il passaggio dalla cucina medievale a quella rinascimentale