TIPRESS
ULTIME NOTIZIE News
Coronavirus
01.02.2021 - 16:020

Il Ticino chiede a Berna misure più severe alle frontiere e il divieto di spesa all'estero

Lettera del Governo al Consiglio Federale. Gli allentamenti in Lombardia preoccupano: "Vogliamo misure già da questa settimana"

BELLINZONA – Da oggi, lunedì 1 febbraio, la Lombardia è entrata nella cosiddetta ‘zona gialla’. Una maggiore mobilità delle persone è fonte di preoccupazione per il Governo ticinese. Si teme, infatti, che tutti gli sforzi finora compiuti possano vanificarsi in poco tempo.

Ma da Palazzo delle Orsoline non sono rimasti a guardare. Da Bellinzona – riporta il Corriere del Ticino – è stata mandata una lettera al Consiglio federale per chiedere l’introduzione urgente di nuove misure “già da questa settimana per limitare la mobilità non essenziale da e per l’Italia”, spiega Norman Gobbi al quotidiano. Tra i provvedimenti da adottare ci sarebbe l’introduzione di test rapidi alla frontiera per i viaggiatori che rientrano in Svizzera o l’obbligo di tampone negativo per chi si reca oltre frontiera per motivi non professionali.

Il Governo chiede anche la re-introduzione del divieto di fare la spesa all’estero e/o andare al ristorante con relativa sanzione a chi trasgredisce. Se le richieste del Ticino dovessero venire accettate da Berna rimarrebbero in vigore fino alla fine del mese di febbraio, in linea con le disposizioni federali.

Potrebbe interessarti anche
Tags
ticino
misure
divieto
spesa
estero
berna
berna misure
frontiere
governo
lettera
News e approfondimenti Ticino
© 2023 , All rights reserved