Cronaca
28.02.2013 - 16:210
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

La PAMP di Castel San Pietro partner esclusivo dell'UNESCO

L'azienda specializzata nella lavorazione dei metalli preziosi ha presentato il suo bilancio di sostenibilità. Ambiente, responsabilità sociale e collaborazioni internazionali le carte vincenti

MERIDE - Entrate, uscite, cifra d'affari, spese, utile netto sono solo alcune delle voci che compongono i bilanci delle aziende. Ma ci sono altri elementi, di cui solitmante non si parla mai, che riguardano la responsabilità sociale ed ambientale di un'attività economica. Si chiama bilancio di sistenibilità ed è quello presentato oggi a Meride dalla PAMP, azienda attiva nel Mendrisiotto e a livello internazionale specializzata nella lavorazione dei metalli preziosi.

Per il terzo anno consecutivo l'azienda ha pubblicato un bilancio di sostenibilità nel quale si vuole sottolineare l'impegno nei confronti di uno sviluppo responsabile per "una crescita sostenibile - hanno affermato i vertici dell'azienda - per il cui raggiungimento è necessario agire a livello locale, dotandosi di strumenti e procedure interne adeguate, e internazionale, intervenendo attivamente per la definizione di regole condivise all’interno del proprio settore. Un duplice impegno che ha consentito a PAMP di diventare un punto di riferimento nella lavorazione dei metalli preziosi a livello mondiale, come testimoniato dalla recente collaborazione con UNESCO".

L'azienda quindi non solo come attore economico estraneo al contesto che la circonda. Al contrario, secondo i vertici della PAMP, che ha la sua sede a Castel San Pietro, "negli ultimi anni il tema della responsabilità d’impresa è divenuto sempre più strategico per molte aziende che sono ben consapevoli di come l’aspetto “pubblico” della propria attività richieda attenzione e sensibilità nelle decisioni prese quotidianamente".

Ambiente e responsabiità sociale si diceva. Nel bilancio di sostenibilità "particolare attenzione viene rivolta alla filiera dei metalli preziosi e in particolare alla sua sostenibilità. A tal proposito PAMP collabora attivamente su differenti progetti avviati a livello internazionale con l’obiettivo di prevenire e gestire rischi etici e ambientali che si potrebbero verificare lungo tutta la catena del valore. La responsabilità sociale non si rivolge però solo all’esterno ma anche nei confronti dei propri collaboratori, aumentati considerevolmente dal 2010 al 2012, per i quali sono programmati differenti percorsi di formazione. Sul fronte ambientale l’azienda si sta impegnando nel rendere ancora più efficienti i propri consumi di energia, ad esempio normalizzando il consumo di corrente durante il giorno, e di acqua, investendo in impianti in grado di rendere l’azienda sempre più autosufficiente sotto questo aspetto".

Con un aumento del 18% del suo fatturato, la raffineria di Castel San Pietro guarda con particolare attenzione alla dimensione internazionale grazie a un recente riconoscimento dell'UNESCO, le cui prossime collezioni di medaglie e monete commemorative saranno coordinate edistribuite proprio da PAMP - che per cinque anni sarà patner esclusivo dell'organizzazione internazionale - in collaborazione con un network di banche centrali, zecche e distributori a livello internazionale.

 

Potrebbe interessarti anche
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved