KUZNETSOVA S. (RUS)
1
BENCIC B. (SUI)
0
2 set
(6-4 : 5-3)
KUZNETSOVA S. (RUS)
1 - 0
2 set
6-4
5-3
BENCIC B. (SUI)
6-4
5-3
WTA-S
DOHA QATAR
Winner plays Sabalenka.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 17:44
Filtra per

Regione Luganese Locarnese Mendrisiotto Valle di Blenio
Categoria Altro Teatro Conferenze Musica Cinema Appuntamenti Arte Feste
MAKE YOUR MOVE - URBAN FESTIVAL
Palazzo dei Congressi, Lugano
20.30

Da diversi anni le scuole del territorio portano in scena le esibizioni dei propri allievi, creando un vero e proprio show che racchiude generi diversi, dall’hip hop, alla world dance, alla danza classica. Un momento spettacolare in cui tante realtà diverse, unite da un’unica passione, riescono a regalare emozioni e divertimento.

 

SWEET DANCE
STUDIO STAR BENE
STAGE SCHOOL ZURICH
MAT
SCUOLA DI DANZA INGRID
DANZA E VITA
SCUOLA DANZA ASCHKENAZY
SCUOLA ITINERANTE ARTE DEL MOVIMENTO
NEW STYLE DANCE
AREA DANZA
CENTRO DANZA MANUELA RIGO
DIAMONDS DANCE COMPANY
SDI LUGANO

LuogoPalazzo dei Congressi
Indirizzo / ViaLugano
PrevenditaAcquista biglietti su Biglietteria
Acquista biglietti
UNO NESSUNO E CENTOMILA
Teatro Foce, Lugano
20.30

 

UNO NESSUNO E CENTOMILA

Rassegna HOME

E. S. TEATRO

 

Di: Luigi Pirandello

Interpretazione e regia: Emanuele Santoro

Il protagonista, Vitangelo Moscarda, è un uomo ordinario che vive in una tranquillità piatta e gode di una condizione economica agiata, dal momento che gestisce una banca, ereditata dal padre, a cui associa l’attività di usuraio. Uno strano commento della moglie, che nota come il suo naso penda un po’ da una parte, destabilizza il protagonista che si rende conto di apparire agli altri in modo molto diverso da come lui stesso si percepisce. Inizia così un percorso per scoprire chi sia veramente, apportando grandi cambiamenti nel proprio stile di vita. Nel suo tentativo di distruggere i centomila estranei che vivono negli altri, le centomila concezioni che gli altri hanno di lui, viene preso per pazzo dalla gente. 

 

Ulteriori riduzioni con Lugano Card, Lugano Card City e carta studente IOSTUDIO (biglietti acquistabili solo allo Sportello FOCE e alla cassa serale). 

 

LuogoTeatro Foce
Indirizzo / ViaLugano
PrevenditaAcquista biglietti su Biglietteria
Acquista biglietti
Immaginazione donna incontro con Agnese Z’graggen e Gardi Hutter / rassegna OSA!
Biblioteca cantonale, Locarno
18.00

a cura di Patricia Barbetti

Spaziare con la fantasia per realizzare qualcosa di vero: due artiste diverse parlano della loro creatività

LuogoBiblioteca cantonale
Indirizzo / Viavia Cappuccini 12, Locarno
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
"Homenaje a Mercedes Sosa"
Teatro Paravento, Locarno
19.00

Con Coqui Sosa, nipote di Mercedes: voce e chitarra

LuogoTeatro Paravento
Indirizzo / ViaVia Cappuccini 8, Locarno
Info0917519353
Prezzo CHF
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Tributo a Rory Gallagher
Bar Boccalino, Taverne
20.30

Con la Faif Band.

LuogoBar Boccalino
Indirizzo / ViaTaverne
Info0796964487
SENZA PAROLE - CINEMA MUTO & MUSICA DAL VIVO
Sala multiuso Scuole vecchie, Comano
20.30

Cine concerto con Simon Quinn, Nolan Quinn, Viola Hammer, Brian Quinn.

LuogoSala multiuso Scuole vecchie
Indirizzo / ViaTèra d'súra 2, Comano
Info0919418486
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Assemblea generale ordinaria
Riva S.Vitale, Riva San Vitale
20.30

Assemblea generale ordinaria della Filarmonica Comunale di Riva S.Vitale

LuogoRiva S.Vitale
Indirizzo / ViaVia Monsignor Sesti 1, Riva San Vitale
Info0774458673
ALL THAST HEAVEN ALLOWS Circolo del Cinema Locarno Rassegna Un'introduzione al cinema di Douglas
GranRex, Locarno
20.30

ALL THAT HEAVEN ALLOWS  (SECONDO AMORE)
Usa 1955
Regia: Douglas Sirk    Sceneggiatura: Peg Fenwick, da un racconto di Edna e Harry Lee;                        fotografia: Russell Metty; montaggio: Frank Gross, Fred Baratta; musica: Frank Skinner, Joseph Gershenson.
Interpreti: Jane Wyman, Rock Hudson, Agnes Moorehead, Gloria Talbott, Virginia Grey, William Reynolds, Charles Drake, Conrad Nagel…
Produzione: Ross Hunter per Universal-International.
Colore, v.o. inglese, st. f, 88’

Cary Scott (Wyman), vedova benestante che porta avanti una stanca relazione con il maturo Harvey (Nagel) si innamora, ricambiata, del giardiniere Ron Kirby (Hudson) molto più giovane di lei, ma deve vedersela con l’ostilità dei figli Kay (Talbott) e Ned (Reynolds). Un melodramma amatissimo da Fassbinder (che lo rifarà in La paura mangia l’anima) tra i più equilibrati di Sirk. Il presupposto è plausibile e la sceneggiatura evita iperboli
e sensazionalismi, anche se la conclusione è accomodante e per molti versi semplicistica. Certe immagini come il cerbiatto che esce dalla foresta per “benedire” la ricomposizione della coppia, “tra le più belle di tutto il cinema di Sirk” [Lourcelles], mantengono comunque un certo fascino, grazie anche alla straordinaria fotografia di
Russell Metty capace di catturare tutte le sfumature dell’estate indiana. Memorabile la scena in cui i figli di Cary le regalano un televisore con cui passare le serate e dimenticare Ron. Aitante ecologista, Hudson vive in una casa che sembra progettata da Frank Lloyd Wright, e qui ha uno dei suoi ruoli più convincenti. Uno dei film cui si ispirò Haynes per il suo Lontano dal paradiso.

LuogoGranRex
Indirizzo / ViaVia Bossi 2, Locarno
Info0792302593
Prezzo12 CHF
Sito webVai al sito
Omaggio a Mercedes Sosa con Coqui Sosa
Teatro Paravento Locarno, Locarno
19.00

Omaggio a Mercedes Sosa,  una delle voce piu' conosciute del Sud America. Dopo dieci anni dalla morte di Mercedes Sosa il nipote Coqui Sosa si presenta con chitarra e voce cantando le canzoni piu' famose di sua zia Mercedes. Con la partecipazione di Lara Fillmore chitarrista ticinese.

LuogoTeatro Paravento Locarno
Indirizzo / ViaLocarno
Info0766792525
Prezzo CHF
MAX PEZZALI TRIBUTE LIVE
Temus Club, Agno
22.00

Tributo a Max Pezzali & 883.

After party: Dj Christian Cattaneo

LuogoTemus Club
Indirizzo / ViaVia Campagna 24, Agno
Prezzo10 CHF
EtàMaggiorenni
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Youtube Vai al link di YouTube
Introduzione al cinema di Douglas Sirk
Cinema Gran Rex, Locarno
20.30

ALL THAT HEAVEN ALLOWS SECONDO AMORE (Usa 1955)

Colore, v.o. inglese, st. f, 88’

Cary Scott (Wyman), vedova benestante che porta avanti una stanca relazione con il maturo Harvey (Nagel) si innamora, ricambiata, del giardiniere Ron Kirby (Hudson) molto più giovane di lei, ma deve vedersela con l’ostilità dei figli Kay (Talbott) e Ned (Reynolds). Un melodramma amatissimo da Fassbinder (che lo rifarà in La paura mangia l’anima) tra i più equilibrati di Sirk. Il presupposto è plausibile e la sceneggiatura evita iperboli e sensazionalismi, anche se la conclusione è accomodante e per molti versi semplicistica. Certe immagini come il cerbiatto che esce dalla foresta per “benedire” la ricomposizione della coppia, “tra le più belle di tutto il cinema di Sirk” [Lourcelles], mantengono comunque un certo fascino, grazie anche alla straordinaria fotografia di Russell Metty capace di catturare tutte le sfumature dell’estate indiana. Memorabile la scena in cui i figli di Cary le regalano un televisore con cui passare le serate e dimenticare Ron. Aitante ecologista, Hudson vive in una casa che sembra progettata da Frank Lloyd Wright, e qui ha uno dei suoi ruoli più convincenti. Uno dei film cui si ispirò Haynes per il suo Lontano dal paradiso.

LuogoCinema Gran Rex
Indirizzo / ViaLocarno
English film club
Cinema Lux, Massagno
18.15

Mary, Queen of Scots (2018)

125 minutes
Directed by Josie Rourke
Starring: Saoirse Ronan, Margot Robbie, Jack Lowden, Joe Alwyn, David Tennant, Gemma Chan, Guy Pearce

We begin at the end, in 1587, with a candle being snuffed out as the Catholic Mary is led to the executioner’s block. From here we flash back to 1561, and Mary’s return to Scotland following the death of her husband. Her arrival, and claim to Elizabeth’s throne, alarms her heirless (Protestant) cousin, and sets warring factions in motion on both sides of the border. Mary puts herself under the protection of her dubiously loyal half-brother James, Earl of Moray, and for England her mere presence is an intolerable provocation. It is the beginning of an opaque and deadly strategic confrontation with Elizabeth, something between a duel and also a kind of love affair, or cousinmance, two women who know what it is like to be lonely and surrounded by duplicitous men. Perhaps, like the destroyer’s captain and U-boat commander in a war movie, they have a kind of respect for each other. Advised by courtier William Cecil in silky, nasal tones, Elizabeth embarks on a decades-long game of diplomacy and threat with Mary, in which she is to offer up her own beloved favourite Robert Dudley as a possible husband for her, whose role would be to subdue and control the Scottish queen in the English interest. Mary accepts instead the opportunist romance of Catholic Henry Darnley, who wants this marriage to reclaim his own lands and wealth and is another male schemer, along with Mary’s eventual third husband, Lord Bothwell. All the time, Elizabeth is persuaded to use the screeching, preaching misogyny of the Church of Scotland’s John Knox as a means of destabilising Mary.

LuogoCinema Lux
Indirizzo / ViaMassagno
English film club Locarno
Cinema Kursaal, Locarno
18.15

"Juliet, Naked" (2018)

97 minutes
Directed by Jesse Peretz
Starring: Rose Byrne, Ethan Hawke, Chris O’Dowd

Annie, a curator in a local community museum, is in an unhappy relationship with Duncan, a college teacher who is obsessed with Tucker Crowe, an obscure musician whose last work was released 25 years ago. Duncan operates a fan site dedicated to Crowe. One day, a package arrives in the mail containing an album, titled 'Juliet, Naked', of acoustic demos of the songs on Crowe’s hit album 'Juliet'. Annie and Duncan listen to it separately, and have an argument over its quality. Annie writes a negative review of it on Duncan's fan site. Crowe comes upon the review and writes to Annie by email, thanking her for her honesty. The two quickly form a rapport. Crowe writes to Annie of his regrets as being a poor father to five children with four different mothers. Likewise, Annie discloses her disappointment with not having had any children. Crowe lives on the property of his ex, Cat, to be near Jackson, his youngest son, in America. Crowe is visited by a pregnant Lizzie, a daughter he has never met, and it's awkward. Before she leaves, Lizzie offers Crowe the phone number of Grace, another one of his children, the only one he has purposely had absolutely no contact with. Meanwhile, Duncan meets Gina, a new teacher at his college. Gina, who is obviously interested in Duncan, tells him she looked up Tucker Crowe and is curious about his music. Duncan invites Gina over to hear Crowe's album, and they sleep together. Duncan immediately confesses this to Annie, who breaks up with him and she then asks him to move out. Crowe soon journeys to London with Jackson for the birth of Lizzie's baby, his first grandchild. He asks if Annie would like to meet up with him in person while he is relatively near her, and she agrees. However, Crowe suffers a heart attack as he enters the hospital where Lizzie is and Annie thinks he's stood her up. He calls her to tell her what happened, and Annie ends up visiting him in the hospital. There, Annie meets Jackson, Lizzie and most of Crowe’s exes and other children, who have flown to his bedside when they heard he'd had a heart attack. Later, after Crowe has recovered and everyone else, besides Jackson, has left, Crowe invites himself to see Annie's hometown, and she accepts. Later, Crowe tells Annie the reason why he suddenly stopped playing music. Crowe accompanies Annie to the exhibition she organized and Annie bluntly confesses her romantic interest in him, which he reciprocates. Crowe asks Annie to come back to the US with him and his son, but Annie says that she cannot. She adds that Crowe cannot leave his child for her either, because this is his last chance to do right by his kids. Flash forward to a year later. Annie has moved to London and works at a gallery. She emails Crowe and when she finds out he will be in England to visit Lizzie, Annie invites Crowe to meet up with her for coffee, and he agrees.

LuogoCinema Kursaal
Indirizzo / ViaLocarno
English film club
Cinema Excelsior, Chiasso
18.15

"The wife" (2017)

99 minutes
Directed by Björn Runge
Starring: Glenn Close, Jonathon Pryce, Max Irons

The world famous and New York literary lion American novelist Joe Castleman (Jonathon Pryce) has been named this year's recipient of the Nobel Prize in Literature, the award not totally a surprise but the "telephone call" a relief nonetheless. Joe's wife, Joan (Glenn Close) is equally as excited, and she is prepared to take on the subordinate role in supporting this Nobel journey with and for him as she has with almost everything else in his life. Flashbacks to the 50’s and 60’s show how the two met in 1958 when she was a student in his Creative Writing class at Smith College, and he was still married to his first wife Carol at the time. They later marry and early in their marriage attend a reading by a female author who Joan admires. The author Elaine, tells Joan not to be a writer. Joan is horrified, but Elaine says that no one will read books by a female author. Their son David (Max Irons), an aspiring writer himself, will accompany his parents to Stockholm. David’s need for his father’s approval puts a strain on their father and son relationship. Nathaniel Bone (Christian Slater), who is doing research for an unauthorized biography on Joe is also on the flight to Stockholm. Knowing that the biography will be of much more interest with a Nobel laureate attached, he persists in pestering both Joe and Joan. Joe gives him the contemptuous brush-off but Joan cautiously advises a more diplomatic treatment. In Stockholm, the Castleman’s attend many Nobel events, where a great spotlight is placed on Joe and he tells people that Joan doesn’t write. Taking a break from the activities, Joan runs into Nathaniel, and over drinks Nathaniel tells her he found her writings from college, and that they were very good. He talks about some of Joe's earliest work, and that it was fairly bad. He says that her original writing reads most like Joe's current-day writing. He implies that Joan is the real writer of Joe's many works, and urges her to speak out. She calmly denies all of it. Joan, a highly intelligent and still-striking beauty has spent forty years sacrificing her own talent, dreams and ambitions to fan the flames of her charismatic husband and his skyrocketing literary career, meanwhile ignoring his infidelities and excuses. Their fateful pact has built a marriage upon uneven compromises and Joan is reaching her breaking point.

LuogoCinema Excelsior
Indirizzo / ViaChiasso
Parlá da libri
Soffitta del libro, Ludiano
Dalle 9 alle 10.30

Incontro per Parlá da libri "Condividere una passione, ascoltare consigli di lettura, proporre libri già letti".

LuogoSoffitta del libro
Indirizzo / ViaLudiano
Gautier Capuçon, violoncello / Jerome Ducros, pianoforte
Lac, Lugano
20.30

Fryderyk Chopin
Sonata per violoncello e pianoforte in sol minore, op. 65
Introduzione e polacca brillante per violoncello e pianoforte in do maggiore, op. 3

Cesar Franck
Sonata per violoncello e pianoforte in la maggiore, FWV 8

 

Per il suo primo récital di musica da camera Gautier Capuçon, Artista in residenza a LuganoMusica, sceglie due compositori che, nel loro modo di concepire il lirismo, hanno segnato la seconda metà dell’Ottocento. Da un lato Chopin, che al violoncello ha dedicato la maggior parte dei suoi lavori non scritti per pianoforte, con la giovanile Introduzione e polacca brillante, e la Sonata op. 65, eseguita dal compositore nel suo ultimo concerto pubblico; dall’altro Franck, la cui Sonata per violino divenne tanto popolare da convincere il violoncellista Jules Delsart ad arrangiarla, d’accordo con il compositore, per il suo strumento.

LuogoLac
Indirizzo / ViaPiazza Bernardino Luini 6, Lugano
PeriodoDal 04.03.2020 al 04.03.2021
GiorniTutti i giorni
PrevenditaAcquista biglietti su Biglietteria
Acquista biglietti
The Kids Aren't Alright
la rada, Locarno
18.00

Nove artisti, quattro paesi diversi, un solo medium: la pittura. The Kids Aren't Alright è una mostra di millennial, anche se per "millennial" non si intende solo la data anagrafica, ma un sentimento condiviso di instabilità, lutto per un futuro ormai morto, e rabbia repressa che trova conforto in stati d'animo alterati.

Era il 1998 quando la band punk rock californiana The Offspring pubblicò la canzone "The Kids Aren't Alright", da cui la curatrice Elisa Rusca ha tratto il titolo di questa interessante esposizione collettiva.

Durante il vernissage alle ore 19 performance di live painting di Naoki Fuku accompagnato da Davide Merlino.

Fino a sabato 28 marzo, ingresso libero.

Luogola rada
Indirizzo / Viavia della Morettina 2, Locarno
PeriodoDal 21.02.2020 al 28.03.2020
GiorniTutti i giorni
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
DRIVE-IN MARCO CASENTINI
Kromya Art Gallery, Lugano
18.30

Camera 7

 

DRIVE-IN

Marco Casentini

 

19 febbraio 2020 - 28 marzo 2020

opening

mercoledì 19 febbraio 2020, ore 18.30

Mercoledì 19 febbraio, alle ore 18.30, Kromya Art Gallery, inaugura la mostra DRIVE-IN, personale dell’artista Marco Casentini, tra gli artisti astratti italiani più rappresentativi della sua generazione.

 

La mostra arriva a Lugano come tappa del percorso espositivo che Casentini porta avanti dal 2017 e che ha coinvolto musei ed istituzioni italiane ed estere come il MOAH, Museum of Art and History di Lancaster, la Reggia di Caserta e il Science and Technology Museum di Kuwait City.

 

Lo spazio quotidiano della galleria con le sue camere dialogherà con i paesaggi geometrici delle tele dando vita ad un’opera totale in cui lo spettatore si ritroverà coinvolto.

È una ricerca artistica che esplora la geometria degli spazi attraverso i colori e le forme che creano ambienti ideali in cui potersi riconoscere.

 

In “Drive In’ c’è il ricordo del viaggio” - spiega Marco Casentini - “È un entrare dentro la mia arte e seguirne i contorni e le sensazioni. Lo spazio espositivo diventa il luogo dove lo spettatore può percepire le emozioni che ho condiviso. Allo stesso tempo, poiché tutte le mie opere fanno riferimento a luoghi o a esperienze di viaggio, Drive In è anche una riflessione metaforica sul tema dell’essere in un altro luogo”.

LuogoKromya Art Gallery
Indirizzo / ViaViale Stefano Franscini 11, Lugano
PeriodoDal 19.02.2020 al 28.03.2020
GiorniTutti i giorni
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Maxi saldi Maxishop
Centro storico , Lugano
20.00

Gran finale sconti tris! -30%-50%-70%

Vivi bene spendi meno ti togli il pensiero 

Approfitta delle spedizioni veloci express 

Profotti certificati  a prezzi scontati 

LuogoCentro storico
Indirizzo / ViaCentro storico , Lugano
PeriodoDal 20.01.2020 al 20.01.2022
GiorniTutti i giorni
Info3479223703
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Remo Rossi e il circo. L'arte della meraviglia. Omaggio a Rolf Knie.
Fondazione Remo Rossi, Locarno
20.00

La scelta della Fondazione Remo Rossi di organizzare una mostra dedicata al mondo circense, in concomitanza con l’arrivo del circo Knie in Ticino in occasione del giubileo del Circo Nazionale Svizzero, che compie quest’anno la sua 100° tournée in tutta la Svizzera, nasce dalla volontà di valorizzare un soggetto particolarmente caro allo scultore locarnese, il quale non mancava di recarsi al serraglio e agli spettacoli del circo Knie, per trarne spunto e dare vita a tutta una serie di disegni e appunti iconografici, dai quali scaturirono le sue opere scultoree. Sono infatti assai numerosi gli acrobati, i clown e gli animali da circo scolpiti da Remo Rossi nel corso della sua carriera artistica, già a partire dalla metà degli anni Quaranta, con la realizzazione in particolare della “Foca” (1945) che decora la fontana di Piazza Governo a Bellinzona. Lo stile delle opere legate al circo volge successivamente verso forme più rigide, allo scopo di evidenziare le tensioni dei mirabili equilibri degli acrobati e le movenze istintive degli animali, come giraffe, dromedari o cavalli.

La concomitanza dell’anniversario del circo Knie  con la mostra della Fondazione Remo Rossi è l’occasione per sondare l’arte circense anche attraverso l’interpretazione dell’artista che più di ogni altro ha saputo incarnarne la magia, ovvero Rolf Knie, al quale la Fondazione Rossi intende rendere omaggio per i suoi 70 anni. Knie è presente in mostra con due opere su carta, tre dipinti, uno dei quali dalle dimensioni assai imponenti, e la scultura del suo assai noto “Happy Elephant”. Le opere di Rolf Knie sono in vendita.

L’esposizione prosegue poi al di fuori degli spazi espositivi della sede della Fondazione Rossi, grazie alla proficua collaborazione con il Comune di Orselina, proprietario di una tra le sculture maggiormente significative di Remo Rossi in ambito circense, ovvero gli “Acrobati” (1961) in alluminio dorato, presentati all’Esposizione nazionale di Losanna del 1964 ed esposti oggi all’interno del Parco comunale di Orselina. Nella sala di Casa Ossola, messa a disposizione da parte del Municipio, trovano poi posto le litografie e i disegni di Remo Rossi che rimandano in particolare a quest’opera. 

Non poteva mancare inoltre il riferimento a Dimitri, che negli anni Settanta andò in tournée proprio con il circo Knie: egli aveva una particolare sensibilità nei confronti dell’arte, e della scultura in particolare, tanto da allestire presso la Casa del clown a Verscio un giardino artistico, animato dalle opere dei più svariati scultori, tra cui spicca anche l’”Acrobata” (1958) di Remo Rossi, che Dimitri ebbe modo di ammirare nella corte interna di Casa Rusca durante la mostra antologica dedicata allo scultore locarnese nel 2012.

La mostra su Remo Rossi e il circo prosegue dunque presso il Teatro Dimitri di Verscio, dove accanto all’opera nel giardino, all’interno del ristorante possono essere ammirati alcuni disegni e litografie in cui ritornano l’acrobata e il clown, ovvero le figure circensi maggiormente significative per Dimitri.

La mostra è accompagnata dalla pubblicazione di un prezioso catalogo, con un testo critico di Claudio Guarda su Remo Rossi e il circo, un testo di Andrea Fazioli sul tema circense, il ricordo di Dimitri tracciato da suo figlio David e un testo di Diana Rizzi in omaggio all’arte di Rolf Knie. 

La mostra resterà aperta al pubblico fino al 28 marzo 2020, con i seguenti orari:

Locarno, Fondazione Remo Rossi, Via Rusca 8
mercoledì, giovedì e sabato: 9.00-11.30
venerdì: 14.00-17.30.  

Orselina, Casa Ossola, Via Caselle 4
martedì:14.00-17.30

Verscio, Ristorante Teatro Dimitri
Apertura secondo gli spettacoli della stagione autunno-primavera 2019-2020 

Chiusura natalizia: 22 dicembre 2019-6 gennaio 2020

Si effettuano visite guidate su prenotazione e attività didattiche per le scuole.

Entrata gratuita.

 

LuogoFondazione Remo Rossi
Indirizzo / ViaVia F. Rusca 8, Locarno
PeriodoDal 06.12.2019 al 28.03.2020
GiorniMa Me Gi Ve Sa
Info0041917512166
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Splendide Tea Time
Hotel Splendide Royal, Lugano
15.00

Il tè pomeridiano all’Hotel Splendide Royal è un'occasione da non perdere, piacevole e appetitosa, proposta solo nel periodo invernale. È l’esperienza pefetta per gustare l’autentico rituale inglese, che già i primi ospiti dello Splendide hanno portato con loro Lugano, facendolo diventare una tradizione dell’albergo.

Preparati artigianalmente dai pasticcieri dello Splendide e serviti con il tè di tua scelta, dalla pregiata selezione di 12 tè e infusi dal mondo:

SELEZIONE CLASSICA E CONTEMPORANEA DI PANINI

Salmone affumicato su panino mignon al latte Cetriolo e crema d’alpeggio su panino mignon alle olive Cheddar e prosciutto cotto su sandwich integrale

SCONES APPENA SFORNATI

classici e con uva sultanina con Clotted Cream e marmellate assortite dello Splendide

ASSORTIMENTO DI PASTICCERIA

Plum Cake alla frutta Tartelette ai frutti di bosco Biscotti e praline al cioccolato

Novità: CHAMPAGNE AFTERNOON TEA Concediti il tè pomeridiano dello Splendide con in più una flûte di Perrier-Jouët Grand Brut o Blason Rosé.

Per informazioni e riservazioni: +41 91 985 77 11 - welcome@splendide.ch oppure www.splendide.ch/teatime

Orari e luogo:

Tutti i giorni, dalle 15:00 alle 17:30. Fino all'8 marzo 2020.

Hotel Splendide Royal Via Riva Caccia 7, 6900 Lugano

 

Prezzi

Traditional Afternoon Tea: CHF 28.– per persona

Champagne Afternoon Tea, Perrier-Jouët Grand Brut: CHF 40.– per persona

Rosé Champagne Afternoon Tea, Perrier-Jouët Blason Rosé: CHF 43.– per persona

LuogoHotel Splendide Royal
Indirizzo / ViaRiva Caccia 7, Lugano
PeriodoDal 03.12.2019 al 08.03.2020
GiorniTutti i giorni
Info00419857711
Prezzo28 CHF
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved