Politica e Potere
Carla Speziali si dimette dai vertici dell'Organizzazione turistica Lago Maggiore. Alain Sherrer potrebbe prendere il suo posto. E intanto il sindaco devolve mille franchi per la colletta "Salviamo il Football Club Locarno"
Speziali era entrata nel Consiglio di amministrazione dell’Organizzazione turistica – che conta 18 membri - diversi anni fa, in rappresentanza del Convivio dei sindaci del Locarnese. Da tempo la Città rivendica un seggio rappresentativo ai vertici dell’Ente ed è per questo che la soluzione più logica sarebbe la nomina dell’attuale sindaco
foto: TiPress/Carlo Reguzzi
LOCARNO – L’ex sindaco di Locarno Carla Speziali ha rassegnato le dimissioni dal Consiglio di amministrazione dell’Organizzazione turistica Lago Maggiore. Nei prossimi mesi si dovrà dunque provvedere alla sua sostituzione e si mormora che al suo posto possa entrare l’attuale sindaco, Alain Scherrer.

Ma sarà l’assemblea dei delegati a decidere, come prevedono gli statuti dell’Ente turistico, in base alle candidature che verranno presentate. Speziali era entrata nel Consiglio di amministrazione dell’Organizzazione turistica – che conta 18 membri - diversi anni fa, in rappresentanza del Convivio dei sindaci del Locarnese. Da tempo la Città rivendica un seggio rappresentativo ai vertici dell’Ente ed è per questo che la soluzione più logica sarebbe la nomina dell’attuale sindaco.

Sindaco che, è notizia di oggi, ha deciso di devolvere mille franchi in favore della colletta “Salviamo il Locarno” lanciata da Giorgio Ghiringhelli dopo che la Pretura che ha decretato il fallimento della società calcistica. Ghiringhelli ha invitato i municipali “che hanno a cuore le sorti del FC Locarno a prendere parte alla colletta a titolo personale”.

emmebi

Pubblicato il 11.01.2018 17:10

Guarda anche
Politica e Potere
Due giorni si sensibilizzazione alle Orsoline per ministri, deputati e funzionari sull'importanza di donare il sangue per salvare vite umane. Ma il deputato leghista contesta il congedo
Politica e Potere
Intervista a tutto campo con la Consigliera Nazionale, figlia del leader dell'UDC: "Sono un’imprenditrice appassionata. Solo in caso di emergenza prenderei in considerazione una candidatura per il Consiglio Federale”.
Politica e Potere
Il numero uno dei democentristi rilancia il dibattito sulla questione europea, allacciandosi alle dure critiche espresse dagli azzurri contro il Consigliere Federale ticinese: 'Il PPD passi dalle parole ai fatti'
Politica e Potere
Gli azzurri ticinesi all'attacco dopo le aperture di Cassis in materia di misure d'accompagnamento nei negoziati con l'UE. E ce ne è anche per Schneider Ammann....