Salute e Sanità
Fattura dell'Ente Ospedaliero recapitata a una donna morta quattro anni fa... L'equivoco continua ed entra nel mondo dell'assurdo. Dopo aver segnalato l'errore, il figlio riceve una telefonata dall'EOC con la quale gli si chiede di comunicare la nuova cassa malati di sua madre!
Dopo aver ricevuto la fattura, il figlio della donna ha scritto all’EOC segnalando lo spiacevole equivoco. Si aspettava di ricevere una lettera di scuse. Invece…
foto: TiPress/Carlo Reguzzi
LUGANO – Qualche giorno fa vi abbiamo raccontato il caso di una donna ticinese, morta nel 2014, destinataria di una fattura emessa dall’Ente ospedaliero per un trattamento ambulatoriale effettuato verso la fine dello scorso novembre all'ospedale di Lugano.

Dopo aver ricevuto la fattura, il figlio della donna ha scritto all’EOC segnalando lo spiacevole equivoco. Si aspettava di ricevere una lettera di scuse. Invece…

Invece ha ricevuto la telefonata di una segretaria del servizio fatturazioni dell’Ente. Il colloquio è stato in sostanza di questo tenore…

Lei è il curatore della signora X?
Non il curatore, il figlio…
Ecco, allora può cortesemente comunicarmi la nuova cassa malati di sua madre?
Ma come? Vi ho scritto che mia madre è morta nel 2014…
Non so cosa dirle, i miei superiori mi hanno detto di chiederle questa informazione…
La risposta, piuttosto seccata, è stata: “Dica ai suoi superiori che non sono all’altezza di fare il loro lavoro”.

Insomma, l’equivoco continua e ha ormai varcato il confine dell’assurdo.

emmebi



Pubblicato il 20.01.2018 12:56

Guarda anche
Salute e Sanità
Il vicedirettore sanitario Tiziano Cassina: “Abbiamo saputo da una recente riunione sindacale che circa 70 collaboratori in caso di passaggio all’Ente ospedaliero verranno ricollocati o tagliati. Quando chiediamo garanzie per i dipendenti non ci limitiamo ai contratti ma vogliamo che vengano assicurate anche in futuro le attuali posizioni”
Salute e Sanità
Lurà, da oltre 15 anni collaboratore dell’EOC e attualmente vicedirettore dell’Ospedale Regionale di Lugano. Bressan vanta una lunga carriera dirigenziale nel settore dentale
Salute e Sanità
A destare interesse sono soprattutto il lavoro e l'approccio fortemente innovativo della rete di primo soccorso ticinese, grazie alla quale nel 2017 il Ticino ha registrato un tasso di sopravvivenza del 45% in caso di arresto cardiaco.
Salute e Sanità
A livello strategico, la Clinica Luganese Moncucco intende svilupparsi e crescere qualitativamente nei settori dove le competenze e i servizi sono già sviluppati e apprezzati dai pazienti e dai medici invianti del territorio. Servizi come la chirurgia viscerale, l’urologia, la medicina interna, la geriatria e l’oncologia hanno registrato negli anni un costante aumento dell’attività, indicatore di fiducia e di gradimento del lavoro svolto, si legge nel commento al bilancio 2017