Politica e Potere
"Lugano: serve una struttura per combattere il disagio sociale". Michele Bertini lancia l'idea: "La polizia non può farsi carico di questo fenomeno"
Secondo il vicesindaco la struttura dovrebbe accogliere i casi sociali che tengono un comportamento fuori dalla norma ma che non sono sanzionabili per legge
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
LUGANO - Una struttura per accogliere i casi sociali che tengono un comportamento fuori dalla norma ma che non sono sanzionabili dalla polizia.

 

È questa la proposta di Michele Bertini per combattere il disagio sociale in Città. Il vicesindaco ha lanciato l’idea attraverso un’intervista rilasciata alla Regione.

 

“La scena aperta della droga - ha dichiarato Bertini - rappresenta certo uno dei disagi sociali che nessuno vorrebbe vedere in città, come combatterla? La risposta più facile, cioè quella di far sloggiare individui che assumono comportamenti fuori dalla norma, primo non è sempre possibile per legge, secondo dove dovrebbero andare senza rappresentare solo uno spostamento del problema? In assenza di comportamenti sanzionabili, non è competenza della polizia prendersi a carico fenomeni di disagio sociale che si riscontrano soprattutto nelle realtà urbane”.

 

Di qui l’idea di creare una struttura. La Città, nel corso dell’anno, intende rafforzare la presenza degli operatori di prossimità che si occupano dei tossicodipendenti. Ma, secondo Bertini, “non sarà una sola figura in più a risolvere questa problematica sociale. L’auspicio è quello di dare un contributo nello sviluppare e rafforzare il necessario lavoro in rete con tutte le istanze preposte. Ritengo si debba facilitare e promuovere la presa a carico di queste persone in strutture adeguate”.



Pubblicato il 12.02.2018 09:10

Guarda anche
Politica e Potere
I deputati chiedono che "i criteri per la definizione del numero delle sezioni per ogni sede vengano stabiliti dal Regolamento, tenendo particolarmente conto delle caratteristiche socioculturali degli allievi, del contesto socioeconomico e della morfologia territoriale della regione"
Politica e Potere
Domenica sapremo chi sarà il nuovo sindaco di Mendrisio. Abbiamo sottoposto ai due candidati un questionario con domande che spaziano dalla sfera privata a quella pubblica. Cavadini: "Tra i punti del mio programma: aprire la Filanda che sarà un centro culturale innovativo e permetterà una nuova forma di aggregazione sociale fondata sulla cultura a 360 gradi, non elitaria ma per tutta la popolazione!"
Politica e Potere
Domenica sapremo chi sarà il nuovo sindaco di Mendrisio. Abbiamo sottoposto ai due candidati un questionario con domande che spaziano dalla sfera privata a quella pubblica. Romano: "I problemi più urgenti del Ticino sono la gestione del traffico transfrontaliero affinché il Mendrisiotto non sia sempre strangolato e si possa migliorare la qualità dell’aria. E le distorsioni nel mondo del lavoro"
Politica e Potere
Il Consiglio di Stato ha rinviato la decisione sul blocco parziale proposto dal presidente Claudio Zali. Il Movimento di Via Monte Boglia: "Avanti così a calar le braghe con i vicini!”