Politica e Potere
"Lugano: serve una struttura per combattere il disagio sociale". Michele Bertini lancia l'idea: "La polizia non può farsi carico di questo fenomeno"
Secondo il vicesindaco la struttura dovrebbe accogliere i casi sociali che tengono un comportamento fuori dalla norma ma che non sono sanzionabili per legge
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
LUGANO - Una struttura per accogliere i casi sociali che tengono un comportamento fuori dalla norma ma che non sono sanzionabili dalla polizia.

 

È questa la proposta di Michele Bertini per combattere il disagio sociale in Città. Il vicesindaco ha lanciato l’idea attraverso un’intervista rilasciata alla Regione.

 

“La scena aperta della droga - ha dichiarato Bertini - rappresenta certo uno dei disagi sociali che nessuno vorrebbe vedere in città, come combatterla? La risposta più facile, cioè quella di far sloggiare individui che assumono comportamenti fuori dalla norma, primo non è sempre possibile per legge, secondo dove dovrebbero andare senza rappresentare solo uno spostamento del problema? In assenza di comportamenti sanzionabili, non è competenza della polizia prendersi a carico fenomeni di disagio sociale che si riscontrano soprattutto nelle realtà urbane”.

 

Di qui l’idea di creare una struttura. La Città, nel corso dell’anno, intende rafforzare la presenza degli operatori di prossimità che si occupano dei tossicodipendenti. Ma, secondo Bertini, “non sarà una sola figura in più a risolvere questa problematica sociale. L’auspicio è quello di dare un contributo nello sviluppare e rafforzare il necessario lavoro in rete con tutte le istanze preposte. Ritengo si debba facilitare e promuovere la presa a carico di queste persone in strutture adeguate”.



Pubblicato il 12.02.2018 09:10

Guarda anche
Politica e Potere
Il settimanale del PLR attacca: “Forse dovremmo chiedere al sommo Legolas di trasformarsi in oracolo a cui rivolgersi prima di prendere qualsiasi decisione. Sicuramente avremmo una Svizzera migliore … o forse è stato solo un abbaglio postumo del periodo carnascialesco?”
Politica e Potere
Il percorso scolastico di questi giovani è stato più travagliato sin dalla scuola dell’obbligo. È indicativo che nell’anno scolastico 2008/2009 solo il 10.9% di loro, in III media frequentava il livello attitudinale (corso A) di matematica, a fronte del 59.5% del resto della coorte. Ben il 12.5% di questi giovani seguiva il corso pratico (l’attuale differenziazione curricolare) al posto di questa materia, a fronte di solo l’1.9% dei loro coetanei
Politica e Potere
Nel corso del dibattito durissimo l'intervento del capogruppo della Lega Daniele Caverzasio: "Qui siamo di fronte a una sagra del pressapochismo. Se qualcuno ha preso dei soldi dei ticinesi che secondo la legge non gli spettavano, sarà compito di questo Parlamento chiederli indietro!”
Politica e Potere
Il procuratore generale sulle indennità dei ministri: "È senz’altro discutibile (dal profilo della diligenza) che il Governo approvi delle norme (relative alla propria remunerazione) senza leggerle, approfondirle, discuterle e senza controllare il successivo rispetto delle procedure di approvazione previste dalla legge, limitandosi a demandare il compito al cancelliere"