Quarto Potere
No a NO Billag, Maurizio Canetta dopo la vittoria fa il bilancio di una campagna infinita e durissima: "In questi mesi ho imparato ad ascoltare. E agli elettori che hanno votato SI dico: fidatevi di noi, manterremo gli impegni"
Intervista al direttore della RSI: "Al termine di questa campagna, a livello emozionale, mi rimane il coinvolgimento dei colleghi e di tutte le persone che fuori dall’azienda si sono spese a difesa di un’ideale, quello del servizio pubblico, in maniera del tutto disinteressata”
© Keystone / Ti-Press / Davide Agosta
COMANO - Maurizio Canetta ci richiama poco prima di entrare nello studio del Quotidiano, dove si appresta ad affrontare l’ultima di una lunga serie di interviste.

 

Gli rubiamo dunque i pochi minuti che lo separano dalla diretta, per raccogliere qualche spunto di carattere personale sulla netta vittoria contro l’iniziativa No Billag.

 

Una successo che in Ticino ha raggiunto il 65% dei consensi. Un risultato di ampie proporzioni che non era per nulla scontato alla vigilia nel nostro Cantone. Se lo aspettava? “Sul piano nazionale - ci risponde il direttore della RSI - la vittoria era attesa. Ma il nostro obbiettivo era una cartina unitaria di tutta la Svizzera schierata per il “no”. Ci siamo riusciti e c’è grande soddisfazione. Nella nostra regione l’unico elemento di turbamento è stato portato dall’ultimo sondaggio che dava una parità. Mentre la rilevazione precedente, quella di gennaio, aveva azzeccato perfettamente il risultato che poi è uscito dalle urne. Un altro dato che ci fa molto piacere è anche quello legato alla partecipazione”. E in effetti, quel 66% di voti, aggiunge una dose di brillantezza al successo conseguito dal fronte del NO.

 

Ora che è tutto finito chiediamo a Canetta se, guardandosi alle spalle, c’è un elemento particolare, a livello emotivo, che gli è rimasto più di altri in questa campagna? “Se devo sceglierne uno, a livello emozionale, mi rimane il coinvolgimento dei colleghi e di tutte le persone che fuori dall’azienda si sono spese a difesa di un’ideale, quello del servizio pubblico, in maniera del tutto disinteressata”.

 

Cosa ha imparato in questi lunghi mesi di confronto serrato? “Ad ascoltare. E poi a setacciare, separando l’acidità dalla sostanza”

 

Il direttore della SSR Gilles Marchand, in maniera sorprendente, ha commentato la vittoria presentando una lista di impegni molto concreti che la radiotelevisione pubblica intende realizzare nei prossimi mesi. “Sì e si tratta di un segnale che abbiamo condiviso fra tutte le antenne regionali. Quello di oggi non è un assegno in bianco per noi”.

 

Ha mai pensato di non vincere nel corso di questi mesi? “Di fronte a un voto popolare non hai mai delle certezze. L’unica vera grande certezza sono gli argomenti, quelli che abbiamo cercato di spiegare nel corso della campagna”.

 

Infine, Maurizio Canetta quale messaggio si sente di mandare a chi in Ticino ha votato di SI? “Di fidarsi di noi, di quello che diciamo oggi e che abbiamo detto nel corso della campagna. Abbiamo ascoltato e gli impegni che abbiamo preso, come ha ribadito oggi Marchand, vogliamo realizzarli davvero”.



Pubblicato il 04.03.2018 19:18

Guarda anche
Quarto Potere
È stata la classica palla al balzo. Sicuramente per mancanza di soldi, nessuno lo dubita: il vescovo Lezzeri ha dichiarato che la Curia ha dovuto rinunciare a un piano sociale per la trentina di dipendenti del Giornale del Popolo perché altrimenti avrebbe dovuto portare i bilanci in Pretura. Quelli della Curia, non quelli del Giornale! Ma forse la decisione comunicata oggi, il fallimento del quotidiano, è anche frutto di una mancanza di forza, o di forza di volontà
Quarto Potere
All’indomani dallo schiacciante verdetto che ha bocciato nettamente l’iniziativa popolare volta ad abolire il canone radiotelevisivo, sulle prime pagine dei quotidiani ticinesi si sono espressi i rispettivi direttori esponendo pensieri e opinioni
Quarto Potere
Il direttore generale dell'SSR non perde tempo e, dopo la grande vittoria sull'iniziativa che mirava ad abolire il canone, prende una serie di importanti impegni vincolanti: ecco quali
Quarto Potere
La campagna elettorale è stata particolarmente sentita, prova ne è che il numero di annunci pubblicati sono stati maggiori rispetto alla media delle altre campagne nazionali. Se in Svizzera Tedesca prevalgono i contrari, essi sono in maggioranza schiacciante in Grigioni e Romandia. Da noi...