Bar Sport
Sbroccate a catena sul rigore al Real. Crozza attacca lo juventino Benatia che aveva paragonato il penalty a uno stupro: "Se vuoi farti un'idea di cosa sia uno stupro, il prossimo FALLO in area ficcatelo su per il c...". Il difensore: "Imbecille, testa di c... non fai ridere nessuno!"
Che brutto spettacolo! Intanto l'arbitro Oliver è sotto la protezione della polizia inglese. E il capo dei fischietti Fifa, il ticinese Busacca, replica a Buffon: “L' arbitro è un lavoro nel quale devi decidere in meno di un secondo e non puoi pensare a molte cose. È come per i portieri, che devono parare con l'istinto senza pensarci”
TORINO - Ieri sera Medhi Benatia, il difensore della Juventus che ha provocato il rigore contestato con il fallo su Lucas Vazquez a tempo quasi scaduto nell’incontro Real Madrid-Juventus, ha risposto sbroccando a Maurizio Crozza.

Il comico, dopo aver ironizzato sul “bidone di spazzatura al posto del cuore” di Gigi Buffon, aveva stigmatizzato pesantemente in tivù le parole dello juventino. “Quel rigore è stato uno stupro”, aveva dichiarato Benatia.
“Non puoi parlare di stupro – ha replicato Crozza –… sei tu che hai fatto un’entrata del c… al 93esimo. Non so se hai idea di cosa sia uno stupro. Ovviamente neanch’io ce l’ho. Se però vuoi provare l’emozione, il prossimo ‘fallo’ in area, un bel fallo, provi a ficcartelo su per il c… e un’idea a quel punto te la sei fatta”.

Parole decisamente pesanti alle quali Benatia ha replicato sul proprio profilo Instagram: "E se vuoi provare sono a Vinovo tutti i giorni (ndr: comune dove ha sede il centro sportivo della Juve), ti aspetto. Imbecille, testa di c… non fai ridere nessuno. Tieni (ndr: con tre medi alzati), te lo metti dove ti piace". Insomma, su quel rigore in Italia non sta andando in scena un bello spettacolo.

Intanto, l' arbitro che ha assegnato il rigore al Real, Michael Oliver, non sta vivendo giorni facili. La polizia inglese sta fornendo il supporto necessario a lui e alla sua famiglia, bersaglio di minacce sui social. Mentre il capo dei fischietti Fifa, il ticinese Massimo Busacca, ha replicato a Buffon: “L' arbitro è un lavoro nel quale devi decidere in meno di un secondo e non puoi pensare a molte cose. È come per i portieri, che devono parare con l'istinto senza pensarci”.



Pubblicato il 17.04.2018 09:45

Guarda anche
Bar Sport
Quando il presidente del Lugano – prosegue il comunicato – ha sottoscritto la convenzione nel maggio 2017 ha accettato di difendere i valori etici e morali che oggi viola clamorosamente e rinnega in nome del profitto e della realizzazione dei propri interessi
Bar Sport
Il messaggio al pubblico è dunque chiaro ed univoco: il piano e la ricerca del suo finanziamento proseguono con buoni riscontri intermedi, ma i risultati saranno comunicati solo quando definitivi
Bar Sport
Il direttore del SAM Paolo Barro, “il valore della manifestazione è riuscire una volta all’anno a convivere tutti insieme e con le proprie famiglie un momento senza la solita pressione emotiva e mentale che caratterizzano i nostri interventi"
Bar Sport
Lamberto Boranga: “Io non ho 75 anni, non me li sento proprio. Ne ho 50, al massimo 53, ma non di più. Certo che ero pronto a scendere in campo, del resto mi alleno tantissimo. Ho lasciato la porta per una lieve stiratura pochi minuti prima della fine e già sul 3-1. Anche per far giocare l'altro portiere, lei capisce”