Bar Sport
Mendrisio, sfida calcistica tra polizie e soccorritori organizzata dal SAM. Vince per la seconda volta la Ceresio Sud
Il direttore del SAM Paolo Barro, “il valore della manifestazione è riuscire una volta all’anno a convivere tutti insieme e con le proprie famiglie un momento senza la solita pressione emotiva e mentale che caratterizzano i nostri interventi"
Nella foto un momento della premiazione
MENDRISIO - Circa 400 persone, tra giocatori e famigliari, hanno partecipato al Torneo di calcio Enti primo intervento organizzato dal Servizio ambulanze di Mendrisio all’oratorio San Giovanni.
Per l’ottava volta il SAM è riuscito nell’impresa tutt’altro che facile di raggruppare la maggior parte delle polizie operative sia a livello comunale che cantonale, e i servizi autoambulanza dei vari comprensori cantonali per quella che oggi è diventata una festa di coloro che quotidianamente vigilano sulla sicurezza e sulla salute della gente.

Come sottolinea il direttore, Paolo Barro, “il valore della manifestazione è riuscire una volta all’anno a convivere tutti insieme e con le proprie famiglie un momento senza la solita pressione emotiva e mentale che caratterizzano i nostri interventi spesso in urgenza, oltre a rafforzare quello spirito di collegialità tra enti a tutto profitto del nostro operato”.

Quest’anno per la seconda volta consecutiva il trofeo è andato alla Polizia Ceresio Sud in una avvincente finale contro la rappresentativa del quinto reparto gendarmeria della Polizia stradale.


Pubblicato il 14.05.2018 09:43

Guarda anche
Bar Sport
Quando il presidente del Lugano – prosegue il comunicato – ha sottoscritto la convenzione nel maggio 2017 ha accettato di difendere i valori etici e morali che oggi viola clamorosamente e rinnega in nome del profitto e della realizzazione dei propri interessi
Bar Sport
Il messaggio al pubblico è dunque chiaro ed univoco: il piano e la ricerca del suo finanziamento proseguono con buoni riscontri intermedi, ma i risultati saranno comunicati solo quando definitivi
Bar Sport
Lamberto Boranga: “Io non ho 75 anni, non me li sento proprio. Ne ho 50, al massimo 53, ma non di più. Certo che ero pronto a scendere in campo, del resto mi alleno tantissimo. Ho lasciato la porta per una lieve stiratura pochi minuti prima della fine e già sul 3-1. Anche per far giocare l'altro portiere, lei capisce”
Bar Sport
"Ci sentivamo spesso – racconta con la voce rotta dal pianto Perazzo –, anche recentemente. Non capisco come possa essere accaduto. Non mi è mai parso infelice o con qualche problema, anzi...tutto il contrario.