Cronaca
13.09.2019 - 10:050

Morire per una precedenza. Pazzesco ad Andria, 28enne accoltellato davanti a moglie e figlio

La frenata brusca, le urla, poi le coltellate e la corsa all'ospedale. È morto così un giovane padre di famiglia nella serata di ieri

ANDRIA – La frenata brusca, le urla di una litigata tra automobilisti per una precedenza stradale. Poi, dalle minacce si è passati ai fatti con uno dei protagonisti che tira fuori il coltello e uccide il 'rivale'. È successo ieri sera ad Andria, dove un 28enne è stato ucciso sotto gli occhi della moglie e del figlio.

Secondo quanto accertato fino a questo momento, la vittima era alla guida di un’auto insieme a moglie e figlio, in prossimità di una rotatoria è sorto un litigio con un altro automobilista per la precedenza e la situazione è rapidamente degenerata.

Sono volate parole grosse, poi i conducenti delle macchine sono scesi, il 28enne è stato colpito più volte con un coltello e si è accasciato al suolo. Inutili i tentativi di soccorso della moglie, mentre l'assassino ha approfittato della confusione per fuggire. Il 28enne ferito è stato trasportato dall'ambulanza in ospedale, ma è morto un'ora dopo a causa delle serie ferite riportate.

Da quel momento è scattata la caccia al killer, fermato dalla Polizia in tarda serata a bordo della sua Mercedes. La città di Andria (ri)sprofonda nel terrore dopo i fatti di sangue avvenuti in estate.

Potrebbe interessarti anche
Tags
moglie
andria
figlio
precedenza
28enne
frenata brusca
urla
morto
frenata
ospedale
News e approfondimenti Ticino
© 2019 , All rights reserved