ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
05.07.2022 - 14:200

Livelli nella scuola media, ottomila firme per abolirli

Ampio consenso dell'iniziativa popolare “Per una scuola dell’obbligo con più giustizia sociale”. Oggi la consegna delle firme alla Cancelleria dello Stato

BELLINZONA - Sono ottomila le firme valide raccolte per abolire i livelli nella scuola media. L’iniziativa popolare "Per il superamento della separazione degli allievi nella scuola media (basta livelli nella scuola media)" ha riscosso un ampio consenso, e stamane le firme sono state consegnate alla Cancelleria di Stato a Bellinzona.

Promotori dell’iniziativa, il sindacato Vpod unitamente a Partito socialista, Più Donne, Forum Alternativo, Partito comunista, Gioventù comunista, Gioventù socialista, Sindacato studenti e apprendisti, e Società demopedeutica, col sostegno del Partito operaio popolare e di alcuni gruppi genitori, la quale mira alla creazione di “una scuola dell’obbligo ticinese con più giustizia sociale e culturale”, abolendo la separazione precoce degli allievi in terza e quarta media nelle lezioni di tedesco e matematica.

"Oggi i corsi B sono frequentati maggiormente da allievi di estrazione sociale medio-bassa – sottolineano gli iniziativisti - Questa separazione precoce spesso blocca la crescita scolastica dei ragazzi in fase di maturazione, penalizzandoli nell’accesso alle scuole postobbligatorie e al mondo del lavoro".

L'intenzione degli iniziativisti è dunque quella di “rafforzare l’istruzione di base in Ticino nell’interesse della società e dell’economia cantonale”. La modifica di legge proposta non specifica le forme didattiche alternative al sistema attuale dei corsi A e B. “Sarà il regolamento del Consiglio di Stato a stabilire le nuove forme d’insegnamento (es. classi dimezzate, opzioni, ecc  spiegano i promotori -consultando gli organi scolastici, le componenti scolastiche e le associazioni dei docenti”.

Potrebbe interessarti anche
Tags
firme
ottomila firme
ottomila
livelli
scuola
scuola media
bellinzona
stato
iniziativa
ampio consenso
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved