Milan
0
Torino
0
fine
(0-0)
STL Blues
1
VAN Canucks
6
3. tempo
(0-3 : 0-2 : 1-1)
WIN Jets
6
PHI Flyers
1
3. tempo
(2-1 : 3-0 : 1-0)
OTT Senators
0
BOS Bruins
0
1. tempo
(0-0)
CHI Blackhawks
MON Canadiens
00:00
 
Milan
SERIE A
0 - 0
fine
0-0
Torino
0-0
ABATE IGNAZIO
8'
 
 
 
 
16'
NKOULOU NICOLAS
 
 
36'
IZZO ARMANDO
ZAPATA CRISTIAN
38'
 
 
 
 
70'
BASELLI DANIELE
8' ABATE IGNAZIO
NKOULOU NICOLAS 16'
IZZO ARMANDO 36'
38' ZAPATA CRISTIAN
BASELLI DANIELE 70'
Start of second half delayed.
Venue: San Siro.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 80,018.
History: 59W-54D-31W.
Sidelined Players: AC MILAN - Alessio Romagnoli (Calf Injury), Ivan Strinic (Fitness), Mateo Musacchio (Cruciate Ligament Rupture), Mattia Caldara (Achilles tendon rupture), Lucas Biglia (Disrupted Calf Muscle), Giacomo Bonaventura (Knee Surgery).
Ultimo aggiornamento: 09.12.2018 23:14
STL Blues
NHL
1 - 6
3. tempo
0-3
0-2
1-1
VAN Canucks
0-3
0-2
1-1
 
 
3'
0-1 BOESER
 
 
13'
0-2 PETTERSSON
 
 
15'
0-3 BOESER
 
 
32'
0-4 HORVAT
 
 
34'
0-5 GOLDOBIN
1-5 KYROU
49'
 
 
 
 
50'
1-6 BOESER
BOESER 0-1 3'
PETTERSSON 0-2 13'
BOESER 0-3 15'
HORVAT 0-4 32'
GOLDOBIN 0-5 34'
49' 1-5 KYROU
BOESER 1-6 50'
Ultimo aggiornamento: 09.12.2018 23:14
WIN Jets
NHL
6 - 1
3. tempo
2-1
3-0
1-0
PHI Flyers
2-1
3-0
1-0
1-0 CONNOR
12'
 
 
2-0 MORRISSEY
15'
 
 
 
 
18'
2-1 VORACEK
3-1 TANEV
28'
 
 
4-1 BYFUGLIEN
35'
 
 
5-1 WHEELER
36'
 
 
6-1 LITTLE
42'
 
 
12' 1-0 CONNOR
15' 2-0 MORRISSEY
VORACEK 2-1 18'
28' 3-1 TANEV
35' 4-1 BYFUGLIEN
36' 5-1 WHEELER
42' 6-1 LITTLE
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 09.12.2018 23:14
OTT Senators
NHL
0 - 0
1. tempo
0-0
BOS Bruins
0-0
Ultimo aggiornamento: 09.12.2018 23:14
CHI Blackhawks
NHL
0 - 0
00:00
MON Canadiens
Ultimo aggiornamento: 09.12.2018 23:14
Secondo Me
31.08.2018 - 09:480
Aggiornamento 03.09.2018 - 09:08

Dell'Ambrogio bombastico: "La sanità deve essere a due velocità. Ma la mia è una lamentela nel deserto"

"Il pagamento a carico della società per tutto quando va sotto il titolo “salute” porta prima o poi all’insostenibilità economica"

di Mauro Dell’Ambrogio * (da Opinione Liberale)

 

Nel medioevo immense risorse pubbliche e private erano investite in cattedrali e pellegrinaggi, per tentare di garantirsi la salvezza eterna. Oggi si investono risorse altrettanto immense in diagnosi e terapie per conseguire la salute terrena. L’umanità persegue in altri modi l’immortalità.

 

Il paziente di oggi è spesso non dissimile da un fedele. Non si cura più per vivere ma vive per essere curato, reso e mantenuto sano, possibilmente anche bello e felice.

 

Questa tendenza di molti individui diventa obbligo a carico di tutti, come una volta con le decime anche i miscredenti pagavano la salvezza dell’anima di chi ci credeva. Ben oltre la cura immediata da una malattia, si paga la ricerca del benessere: secondo la larga definizione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità dà della salute.

 

Con questa definizione, ammalati di qualcosa lo siamo tutti, paziente è chi lo vuole. Il consumo di cure e di medicinali cresce; ma con esso crescono più le aspettative che il benessere, senza contare i danni collaterali.

 

La recente condanna (nel 2006) di un noto psichiatra ticinese ha dimostrato il circolo infernale: tra il paziente che deve dimostrare di essere ancora malato per non perdere rendite sociali, il consumo di cure per dimostrare l’esistenza della malattia e il medico che trae guadagno da questo consumo ed è nel contempo giudice della malattia.

 

Di questi circoli infernali è intriso il nostro sistema sociale e sanitario. La spesa per la sanità, come quella per l’istruzione, misura tradizionalmente il grado di sviluppo di una società, teoricamente la qualità di vita, ma oltre una certa soglia ne misura la decadenza.

 

La sanità deve essere a due velocità, necessariamente. La prima è quella dei consumi i cui costi sono socialmente ripartiti, ai quali bisogna saper porre limiti: le cure salva-vita per intenderci. La seconda velocità ha da essere pagata da chi consuma: la chirurgia estetica ne è (ne era?) l’esempio classico.

 

Negare la distinzione e imporre, in nome dell’uguaglianza, il pagamento a carico della società per tutto quando va sotto il titolo “salute” porta prima o poi all’insostenibilità economica. Che uguaglianza può mai esserci tra l’ipocondriaco e chi preferisce morire dignitosamente che essere a carico degli altri?

 

Di fatto il limite tra le due velocità si sposta, inevitabilmente, a vantaggio della prima. Ad esempio con le cosiddette terapie alternative, che si volevano (nel 2006) mettere a carico dell’assicurazione obbligatoria, con l’argomento che chi ci crede e le sceglie evita così di ricorrere a terapie ufficiali più costose.

 

Con questo argomento, visto che un modo efficace e poco costoso per restare in buona salute è mangiare verdura, anche la verdura per tutti dovrebbe pagarla la cassa malati.

 

All’orizzonte (2018) c’è, con argomenti simili, un’iniziativa per autorizzare categorie di professionisti della salute a dispensare cure a carico dell’assicurazione malattia anche senza prescrizione medica.

 

E per un medicamento non incluso tra quelli a carico dell’assicurazione malattia non ci si limita a fare una colletta pubblica in favore di un bimbo malato, ma si mettono alla gogna gli assicuratori; cui scappa la voglia di proteggerci dall’aumento dei premi.

 

Da un punto di vista socialista, può disturbare che taluni possano consumare “cure” (cosa non può rientrare in questa definizione?) che altri non possono permettersi.

 

Da un punto di vista liberale disturba invece che gioie “più sane” della vita, come le vacanze o un ristorante, diventino inaccessibili al ceto medio perché costretto a pagare le “cure” di altri.

 

Certo è più comodo dare la colpa ai bassi salari o illudere che basta far pagare i ricchi per tutti. Di fatto la spesa pubblica per la salute va a scapito di altre: a cominciare dalle infrastrutture e dalle basi di benessere per le generazioni future.

 

La mia è una lamentela nel deserto. La maggioranza, sommando chi lavora nel settore con chi ha i premi sussidiati o vive di prestazioni sociali, vorrà sempre più cure a carico della collettività. Ma intanto ascoltiamo le recriminazioni farisee contro i prossimi aumenti dei premi.

 

* segretario di Stato alla ricerca

 

Tags
cure
carico
salute
sanità
velocità
malattia
due velocità
definizione
benessere
deve essere
© 2018 , All rights reserved