ULTIME NOTIZIE Eventi & Spettacoli
Eventi & Spettacoli
29.03.2022 - 14:460

L'opera torna al LAC: "La Traviata" di Verdi inaugurerà la stagione

La regia sarà firmata dal direttore artistico del LAC Rifici, accompagnato dal Maestro Markus Poschner alla guida dell'Orchestra della Svizzera Italiana e del Coro della RSI

LUGANO - Dopo il successo de Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini che quattro anni fa segnò il debutto assoluto dell’opera lirica al LAC, il melodramma torna sul palco del centro culturale della città, inaugurando la stagione 2022/2023.

Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC, firma la regia dell’opera verdiana accompagnato dal Maestro Markus Poschner, alla guida dell’Orchestra della Svizzera italiana, di cui è direttore principale, e dal Coro della Radiotelevisione svizzera.

La Traviata al LAC

Tra le opere più celebri del compositore di Busseto, La traviata di Giuseppe Verdi segna il ritorno dell’opera lirica al LAC: il centro culturale della città torna a confrontarsi con la sfida di allestire un’opera e lo fa con una coproduzione LAC Lugano Arte e Cultura e Orchestra della Svizzera italiana, in collaborazione con Lugano Musica.

Un allestimento importante in cui Rifici sceglie di farsi accompagnare dalla squadra di lavoro che lo ha affiancato ne Il barbiere di Siviglia: lo scenografo Guido Buganza, la costumista Margherita Baldoni, il light designer Alessandro Verazzi, il coreografo Alessio Maria Romano, e collabora per la prima volta con Fabrizio Montecchi e Nicoletta Garioni di Teatro Gioco Vita, compagnia che da oltre cinquant'anni porta nel mondo l’arte del teatro di figura e del teatro d’ombre.

Le parole di Poschner

Una bella occasione per il LAC che torna a misurarsi con l’opera, e un’ulteriore occasione di crescita per l’Orchestra residente, qui diretta dal suo direttore principale Markus Poschner, noto per il carattere innovativo delle sue direzioni. “Con il nostro progetto", ha dichiarato Poschner "per me si realizza un sogno. L’Orchestra della Svizzera italiana è l’orchestra perfetta per questa che è l’opera più intima di Giuseppe Verdi, ricchissima di colori e molto vicina al mondo cameristico, così come il LAC, con le sue dimensioni e caratteristiche acustiche, è probabilmente il luogo più adatto per ospitare la messa in scena di questo capolavoro”.

Rifici spiega che ruolo avrà Violetta: la bambina che ha ricevuto poco amore

Opera che segna l’ingresso del realismo nel melodramma italiano e, nel contempo, punto di arrivo che Verdi compie nel segno dell’integrazione tra lirica e prosa, La traviata cerca l’equivalente musicale del dramma moderno traendo ispirazione, non casualmente, da La dame aux camélias di Alexandre Dumas figlio.

“Ascoltando la musica di Verdi e rileggendo attentamente il libretto è difficile non notare che la protagonista, per troppi anni legata al ruolo di prostituta, in realtà sia semplicemente una donna sfortunata e illusa dalla vita e dall’amore. […] nella nostra Traviata", ha dichiarato Carmelo Rifici. "Violetta è una donna con aspirazioni elevate verso un amore cosmico, sembra più una bambina smarrita e minacciata da un mondo maschile che tende a stritolarla, a spegnere i suoi sogni d’amore. Il nostro allestimento vuole mostrare una Violetta per niente seduttrice, anzi pura e mai maliziosa, una donna che si muove nel mondo con il solo scopo di dare tutta sé stessa per amore. La scenografia e i costumi sono stati pensati proprio per evidenziare questo desiderio di sogno utopistico di Violetta. Attraverso uno studio delle materie, della luce e dei giochi d’ombra, voglio portare Violetta a vivere la sua vita sfortunata, come una bambina che non ha ricevuto l’amore che meritava, piuttosto che una prostituta che muore di tisi. È la vittima di una società maschile incapace di proteggere la fragilità".

Infatti, nell'opera Violetta, donna smaliziata e mondana, suscita l’amore di Alfredo, nei cui confronti nutre un sentimento sincero, ma la loro unione viene dapprima ostacolata da Germont, padre di Alfredo, e successivamente dalla malattia che la condurrà alla morte.

"Il Ticino, un territorio piccolo ma fertile"

"Questo allestimento di Traviata", ha dichiarato Poschner, "torna a mostrarci ancora una volta
l’incredibile qualità creativa di un territorio piccolo ma fertile come quello del Ticino. Al LAC vedremo e sentiremo i migliori cantanti oggi sulla piazza, le migliori musiciste e musicisti questa estate saranno a Lugano per interpretare uno dei più famosi capolavori del melodramma di tutti i tempi".

I dettagli de La Traviata al LAC

Ne sono protagonisti, nei ruoli principali, la soprano Myrtò Papatanasiu nel ruolo di Violetta Valéry, il tenore Airam Hernández nel ruolo di Alfredo Germont, il baritono Giovanni Meoni in quello di Giorgio Germont, Sofya Tumanyan veste i panni di Flora Bervoix, Michela Petrino interpreta Annina, Lorenzo Izzo dà voce a Gastone, Visconte di Létorières. Davide Fersini è il barone Douphol, Laurence Meikle è il marchese d’Obigny. Il Coro è diretto da Andrea Marchio. 

Lo spettacolo sarà proposto con sovratitoli in italiano. Alla prima di venerdì 2 settembre alle ore 20 fanno seguito le repliche di domenica 4 alle 15, martedì 6 e giovedì 8 settembre alle 20.
La prevendita è aperta da oggi, martedì 29 marzo, su luganolac.ch e presso la biglietteria del LAC. 

Tags
verdi
traviata
poschner
rifici
amore
orchestra
opera
torna
lac
direttore
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved