Nuvolari
Auto elettriche: non è proprio come dice la pubblicità...Indagine del TCS: aumenta l'autonomia ma meno di quanto garantito dai costruttori
Il TCS ha testato e paragonato tra di loro una Renault Zoe, una Nissan Leaf e una Opel Ampera-e. Le auto elettriche esaminate nelle condizioni di questo test offrono solo circa il 58% dell’autonomia annunciata dai costruttori per una ricarica di batteria
© Ti-Press / Francesca Agosta
RIVERA - La Consulenza mobilità del TCS, per incarico di Euroconsumers e Patti chiari, ha condotto un test comparativo fra tre moderne auto elettriche. L’esame ha dimostrato che con gli attuali veicoli elettrici è possibile percorrere una distanza accettabile; tuttavia, il loro consumo supera nettamente i valori indicati dai costruttori.

 

Il TCS ha testato e paragonato tra di loro una Renault Zoe, una Nissan Leaf e una Opel Ampera-e. Le batterie in dotazione a questi veicoli elettrici hanno una capacità che oscilla dai 30 kWh ai 60 kWh e consentono, secondo i dati del costruttore, di percorrere fino a 520 km. Come per i motori a scoppio, l’autonomia viene stabilita sul banco di prova, ossia in condizioni di laboratorio. Obiettivo del test del TCS: determinare le effettive autonomie e i valori di consumo in condizioni reali.

 

Condizioni del test

 

Le automobili sono state predisposte uniformemente come se si partisse per le vacanze, cioè, oltre al conducente è stato caricato il peso di un passeggero (75 kg), di due bambini (30 kg ciascuno) e dei bagagli (20 kg). Inoltre, il climatizzatore e il riscaldamento sono stati regolati sui 22°C, con una temperatura esterna media di 10°C. Le auto hanno viaggiato fino a quando è apparsa l’indicazione “potenza motrice ridotta” che indica un basso livello di carica della batteria. Successivamente, le batterie sono state ricaricate tutte allo stesso modo nel Centro di esame tecnico accreditato del TCS a Emmen, le misurazioni del consumo di energia e dell‘autonomia dei veicoli elettrici.

 

I tragitti per le prove di consumo sono stati effettuati con le vetture in colonna e prevedevano ogni volta tre giri in città, su strade di campagna e in autostrada. Il conducente e la posizione del veicolo nella colonna sono stati cambiati ad ogni nuovo giro, per equilibrare gli effetti del modo di guidare e della resistenza al rotolamento. Complessivamente, le auto hanno percorso una distanza di 124 km. Alla fine, le batterie sono state ricaricate con strumenti di misurazione calibrati nel Centro del TCS di Emmen.

 

I principali risultati


Le auto elettriche esaminate nelle condizioni di questo test offrono solo circa il 58% dell’autonomia annunciata dai costruttori per una ricarica di batteria. Concretamente, per Nissan Leaf ciò equivale a una percorrenza di 144 km, per Renault Zoe di 232 km e per Opel Ampera-e di 304 km.

 

Conclusione

 

Con i veicoli elettrici odierni si possono percorrere delle distanze maggiori e in condizioni più impegnative. Tuttavia, questo ha il suo prezzo. I costi dei veicoli, sottoposti al test, oscillano fra CHF 38'595.- e CHF 41'900.-, più cari rispetto alle auto della loro classe, ma questo maggior costo è compensato, nella vita del veicolo, dai minori esborsi per manutenzione e spese d’esercizio. Inoltre molte auto elettriche sono ancora inadatte per lunghi tragitti, oppure richiedono una pianificazione preliminare del viaggio. Questo svantaggio è in costante diminuzione per l’implementazione di una rete di ricarica sempre più accessibile e capillare.



Pubblicato il 01.11.2017 10:33

Guarda anche
Nuvolari
Un automobilista confederato si trovava in colonna in autostrada e a un certo punto ha pensato bene di sfruttare lo spazio della corsia di emergenza per percorrere i circa 500 metri che mancavano all'uscita. Pizzicato dalla polizia, è stato condannato dal Tribunale di Zurigo a 60 aliquote giornaliere di 40 franchi per infrazione aggravata alle norme della circolazione... E i giudici di Losanna hanno confermato
Nuvolari
Giuseppe Loffredo, direttore della comunicazione di Mazda Svizzera: "Il nostro design si ispira alla natura e più precisamente ai felini. Noi lo chiamiamo “Kodo – Soul of motion” ovvero “anima del movimento”.
Nuvolari
Il concerto, organizzato da Carlo Ferrari, vice general manager del gruppo Gardel, è stato reso possibile anche grazie al sostegno della cantina vinicola Valsangiacomo e dell’azienda HSI Sirio di Mendrisio
Nuvolari
Iniziano oggi, lunedì 2 ottobre, e termineranno sabato 14 ottobre le giornate promozionali di AMAG Regione Ticino