Politica e Potere
Nessun nuovo coordinatore dopo l'addio di Attilio Bignasca. Tramontata l'ipotesi di Norman Gobbi capo partito. Il Movimento sarà governato dal tavolo dei colonnelli. La Lega 3.0 riparte con una nuova formula
Dopo la presidenza del fondatore Giuliano Bignasca, il coordinamento del fratello Attilio, ora si passa a una gestione collegiale del Movimento di via Monte Boglia. Tutti leader, nessun leader, si potrebbe riassumere. Una modalità sconosciuta alle nostre latitudini dove siamo abituati ad avere un presidente per ogni partito
I colonnelli della Lega
LUGANO - Ma alla Lega serve davvero un nuovo coordinatore? Ce lo chiedevano in un articolo dello scorso ottobre, anticipando l’intenzione da parte del Movimento di non procedere a una sostituzione di Attilio Bignasca, che ha lasciato l'incarico negli scorsi mesi.

 

Gli ultimi sviluppi confermano questa linea. C’è dunque una risposta alla domanda ed è “no”. Per il momento nessuna successione all’orizzonte: la carica resterà vacante, forse per sempre. A governare il Movimento sarà il tavolo dei colonnelli, ovvero il gremio che riunisce i principali dirigenti leghisti.

 

L’ipotesi di un impegno da parte di Norman Gobbi alla testa del partito, che pure c’è stata ed è stata concreta, si è affievolita di settimana in settimana. Ed oggi va derubricata a idea del passato. Alla fine ha prevalso la tesi che la carica di Consigliere di Stato, sia politicamente che come mole di lavoro, sia inconciliabile con quella di capo politico.

 

La Lega 3.0 riparte dunque con una nuova formula. Dopo la presidenza del fondatore Giuliano Bignasca, il coordinamento del fratello Attilio, ora si passa a una gestione collegiale del Movimento. Tutti leader, nessun leader, si potrebbe riassumere. Una modalità sconosciuta alle nostre latitudini dove siamo abituati ad avere un presidente per ogni partito.

 

Il Movimento continua quindi ad essere un caso a parte nella costellazione politica ticinese. Nessun congresso, nessun comitato, un’articolazione sul territorio abbastanza indipendente e slegata dal partito cantonale, ma un direzione allargata per quanto attiene le strategie più importanti e i temi cruciali dell’agenda politica. E questo risultato è un classico paradosso leghista che conferma la capacità di adattarsi e rinnovarsi del Movimento: da partito del Capo, al partito dei Capi. O colonnelli che dir si voglia.

 

La gestione della comunicazione, uno dei compiti principali di un presidente, è stata diluita tra il nuovo portavoce Andrea Censi, i Consiglieri Nazionali Quadri e Pantani per quanto attiene i temii federali e al capogruppo Daniele Caverzasio per quanto riguarda le faccende di Gran Consiglio.


AELLE



Pubblicato il 17.01.2018 16:03

Guarda anche
Politica e Potere
Il settimanale del PLR attacca: “Forse dovremmo chiedere al sommo Legolas di trasformarsi in oracolo a cui rivolgersi prima di prendere qualsiasi decisione. Sicuramente avremmo una Svizzera migliore … o forse è stato solo un abbaglio postumo del periodo carnascialesco?”
Politica e Potere
Il percorso scolastico di questi giovani è stato più travagliato sin dalla scuola dell’obbligo. È indicativo che nell’anno scolastico 2008/2009 solo il 10.9% di loro, in III media frequentava il livello attitudinale (corso A) di matematica, a fronte del 59.5% del resto della coorte. Ben il 12.5% di questi giovani seguiva il corso pratico (l’attuale differenziazione curricolare) al posto di questa materia, a fronte di solo l’1.9% dei loro coetanei
Politica e Potere
Nel corso del dibattito durissimo l'intervento del capogruppo della Lega Daniele Caverzasio: "Qui siamo di fronte a una sagra del pressapochismo. Se qualcuno ha preso dei soldi dei ticinesi che secondo la legge non gli spettavano, sarà compito di questo Parlamento chiederli indietro!”
Politica e Potere
Il procuratore generale sulle indennità dei ministri: "È senz’altro discutibile (dal profilo della diligenza) che il Governo approvi delle norme (relative alla propria remunerazione) senza leggerle, approfondirle, discuterle e senza controllare il successivo rispetto delle procedure di approvazione previste dalla legge, limitandosi a demandare il compito al cancelliere"