Cronaca
21.05.2015 - 13:080
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

Pazzesco in via Monte Boglia! Alla redazione del Mattino si presenta la donna che ha ucciso il marito a Ginevra. Mattia Sacchi: "Aveva una pistola carica in borsa!"

Il giornalista: "È entrata dicendo ho uno scoop per voi". La donna ha ucciso il marito martedì a Collonge-Bellerive

LUGANO - Incredibile (ma vero!) quanto successo oggi verso mezzogiorno alla redazione del Mattino, in via Monte Boglia a Lugano: di fronte ai redattori allibiti si è presentata la donna di 63 anni che martedì 19 maggio nei pressi di Ginevra, in un garage sotterraneo di Collonge-Bellerive, ha ucciso il marito. La donna era ricercata da due giorni e sorprendentemente ha deciso di costituirsi presentandosi alla redazione del Mattino. 

Ecco il racconto di Mattia Sacchi, responsabile del Mattinonline: “Stavo facendo un’intervista al telefono quando vedo entrare in redazione questa donna in redazione. Avrà avuto 65 anni, minuta con i capelli bianchi. Ho pensato alla classica pensionata che veniva a portarci qualche lettera da pubblicare. Ma lei si è rivolta in francese alla mia collega e ha detto: « Ho uno scoop per voi ». L’abbiamo fatta parlare con un altro collega che sa bene francese e di fronte a lui la donna ha confessato di avere ucciso il marito a Ginevra. Il collega è tornato da noi sbiancato in viso e a quel punto abbiamo subito chiamato la polizia. Dopo pochi minuti sono arrivati quattro agenti. Una poliziotta ha perquisito la donna e dentro la borsetta ha trovato una pistola carica. Alla fine la polizia ha arrestato la donna e l’ha portata in centrale insieme al nostro collega che è stato interrogato come teste ».

emmebi

Potrebbe interessarti anche
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved