ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
15.11.2018 - 10:450

Lorenzo Quadri tuona contro Rachid Nekkaz: "Föö di ball. Tornerò alla carica affinché il pagliaccio algerino venga dichiarato persona non grata in Svizzera"

Il Consigliere nazionale leghista su Facebook: "Visto che una multa non basta...e un paio di giorni alla Farera? Oppure alle vecchie Pretoriali?"

LUGANO – “Nekkaz, föö di ball”. Inizia cosi il post Facebook del Consigliere nazionale leghista Lorenzo Quadri riguardo all’ultima provocazione dell’attivista politico algerino Rachid Nekkaz, tornato in Ticino per un’altra azione dimostrativa contro la legge anti-burqa.

“Visto che – scrive Quadri – per questo sedicente “imprenditore” algerino la multa non basta...e un paio di giorni alla Farera? Oppure (ancora meglio) alle vecchie Pretoriali?”.

I divieti di burqa si moltiplicano e Lorenzo Quadri annuncia di tornare alla carica “affinché questo pagliaccio algerino venga dichiarato persona non grata in Svizzera”.

“L'altra volta – conclude il Consigliere nazionale leghista – il Consiglio federale aveva risposto, come consueto, che "sa pò mia".

Nel frattempo, il Consiglio federale ha respinto la mozione di Lorenzo Quadri che chiedeva l'abolizione della Commissione federale contro il razzismo in quanto "atto di propaganda politica che mira a far credere che in Svizzera esista un reale problema di razzismo".

Dalla sua, il Consiglio federale ha respinto la mozione di Quadri spiegando che "l'articolo 8 della Costituzione federale vieta ogni forma di discriminazione e l'articolo 35 obbliga tutti coloro che svolgono funzioni statali a contribuire ad attuare i diritti fondamentali".

"La Commissione federale contro il razzismo – spiega il CF – è uno strumento per affrontare in modo proattivo potenziali conflitti derivanti dal razzismo o dalla xenofobia".

Potrebbe interessarti anche
Tags
quadri
lorenzo
lorenzo quadri
svizzera
nekkaz
razzismo
consiglio federale
nazionale leghista
pagliaccio
rachid
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved