Napoli
0
Torino
0
2. tempo
(0-0)
La Chaux de Fonds
4
Ticino Rockets
3
fine
(1-2 : 1-1 : 2-0)
Zugo Academy
2
Olten
1
fine
(0-1 : 0-0 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
Langenthal
5
Ajoie
1
fine
(2-0 : 3-0 : 0-1)
Visp
1
Turgovia
2
fine
(0-0 : 1-1 : 0-0 : 0-1)
Winterthur
2
Kloten
3
fine
(1-1 : 1-1 : 0-1)
PIT Penguins
6
NY Rangers
5
fine
(1-1 : 2-2 : 3-2)
MIN Wild
0
STL Blues
1
1. tempo
(0-1)
Napoli
SERIE A
0 - 0
2. tempo
0-0
Torino
0-0
INSIGNE LORENZO
45'
 
 
 
 
45'
RINCON TOMAS
45' INSIGNE LORENZO
RINCON TOMAS 45'
Venue: Stadio San Paolo.
Turf: Natural.
Capacity: 60,240.
History: 45W-52D-32W.
Goals: 163-136.
Age: 27,3-27,1.
Sidelined Players: NAPOLI - Raul Albiol (Knee Surgery), Amin Younes (Achilles Irritation).
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 21:38
La Chaux de Fonds
LNB
4 - 3
fine
1-2
1-1
2-0
Ticino Rockets
1-2
1-1
2-0
 
 
5'
0-1 MAZZOLINI
 
 
16'
0-2 NEUENSCHWANDER A.
1-2 COFFMAN
19'
 
 
 
 
34'
1-3 HAUSSENER
2-3 WETZEL
39'
 
 
3-3 COFFMAN
48'
 
 
4-3 HASANI
50'
 
 
MAZZOLINI 0-1 5'
NEUENSCHWANDER A. 0-2 16'
19' 1-2 COFFMAN
HAUSSENER 1-3 34'
39' 2-3 WETZEL
48' 3-3 COFFMAN
50' 4-3 HASANI
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 21:38
Zugo Academy
LNB
2 - 1
fine
0-1
0-0
1-0
0-0
1-0
Olten
0-1
0-0
1-0
0-0
1-0
 
 
9'
0-1 MADER
1-1 WIDERSTROM
59'
 
 
MADER 0-1 9'
59' 1-1 WIDERSTROM
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 21:38
Langenthal
LNB
5 - 1
fine
2-0
3-0
0-1
Ajoie
2-0
3-0
0-1
1-0 GERBER
7'
 
 
2-0 DAL PIAN
18'
 
 
3-0 TSCHANNEN
25'
 
 
4-0 KUMMER
28'
 
 
5-0 MARET
36'
 
 
 
 
44'
5-1 DEVOS
7' 1-0 GERBER
18' 2-0 DAL PIAN
25' 3-0 TSCHANNEN
28' 4-0 KUMMER
36' 5-0 MARET
DEVOS 5-1 44'
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 21:38
Visp
LNB
1 - 2
fine
0-0
1-1
0-0
0-1
Turgovia
0-0
1-1
0-0
0-1
 
 
36'
0-1 FUHRER
1-1 KISSEL
37'
 
 
 
 
64'
1-2 RYAN
FUHRER 0-1 36'
37' 1-1 KISSEL
RYAN 1-2 64'
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 21:38
Winterthur
LNB
2 - 3
fine
1-1
1-1
0-1
Kloten
1-1
1-1
0-1
 
 
11'
0-1 COMBS
1-1 GOMES
19'
 
 
 
 
37'
1-2 MONNET
2-2 ROOS
39'
 
 
 
 
54'
2-3 MARCHON
COMBS 0-1 11'
19' 1-1 GOMES
MONNET 1-2 37'
39' 2-2 ROOS
MARCHON 2-3 54'
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 21:38
PIT Penguins
NHL
6 - 5
fine
1-1
2-2
3-2
NY Rangers
1-1
2-2
3-2
1-0 LETANG
17'
 
 
 
 
20'
1-1 ZUCCARELLO
2-1 PETTERSSON
32'
 
 
3-1 DUMOULIN
34'
 
 
 
 
35'
3-2 ZUCCARELLO
 
 
38'
3-3 STROME
4-3 LETANG
45'
 
 
5-3 MALKIN
48'
 
 
6-3 MALKIN
50'
 
 
 
 
55'
6-4 HAYES
 
 
60'
6-5 ZIBANEJAD
17' 1-0 LETANG
ZUCCARELLO 1-1 20'
32' 2-1 PETTERSSON
34' 3-1 DUMOULIN
ZUCCARELLO 3-2 35'
STROME 3-3 38'
45' 4-3 LETANG
48' 5-3 MALKIN
50' 6-3 MALKIN
HAYES 6-4 55'
ZIBANEJAD 6-5 60'
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 21:38
MIN Wild
NHL
0 - 1
1. tempo
0-1
STL Blues
0-1
 
 
6'
0-1 TARASENKO
TARASENKO 0-1 6'
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 21:38
Cronaca
11.02.2019 - 18:060
Aggiornamento 23:36

L'inutilità degli slogan e i "santini" a cui non si riesce a rinunciare. La campagna elettorale vista da Michel Ferrise: "Ogni quattro anni il Ticino esce dal letargo"

Il noto pubblicitario locarnese parla a tutto tondo: "Gli slogan? Servono a riempire il cartellone. La cravatta non è sempre sinonimo di politica. E sempre più candidati al Parlamento investono sulla propria immagine..."

LOCARNO – Da qualche giorno a questa parte, tutti i partiti e i relativi candidati hanno dato ufficialmente il via alla campagna elettorale in vista delle elezioni cantonali del 7 aprile, quando i ticinesi saranno chiamati alle urne per eleggere il nuovo Governo e il Parlamento.

A pochi mesi dall'evento segnato in rosso sui calendari di gran parte dei ticinesi, per i politici in gioco è quindi una gara a chi si accaparra più consensi tra la popolazione a suon di slogan, comizi, cene e... i 'classici' santini. Ma si tratta di una campagna infuocata oppure no? Di questo e molto altro ne abbiamo parlato con il noto pubblicitario Michel Ferrise, titolare dell'omonima agenzia di comunicazione che in passato ha curato le campagne di PLR, UDC e del PPD di Locarno.

"Per me – dichiara a Liberatv – non è una campagna elettorale più o meno smorta delle altre. È sostanzialmente in linea con quelle degli ultimi anni. C'è, però, un problema di fondo: come sempre sembra che il Ticino esca dal letargo ogni quattro anni, in concomitanza, appunto, con le elezioni. Fino a due mesi fa, sembrava che nel nostro Cantone non esistevano problemi. Ora, invece, sembra che il Ticino abbia un sacco di problemi, che tutti vogliono risolvere. Per capirlo basta dare un'occhiata alle pagine dei quotidiani o 'farsi un giro' su Facebook...".

'Santino' sì, 'santino' no. 

"Quando mi capita di lavorare con i politici impegnati in campagna elettorale – continua Ferrise – io sconsiglio sempre il 'santino', ma alla fine è uno strumento a cui nessuno riesce a rinunciare. Sembra quasi che senza santino non si possa far politica, ma da una parte hanno anche ragione loro".

La politica nell'era dei social network

Il sempre più diffuso uso dei social (Facebook, Instagram, Twitter e simili) ha cambiato radicalmente il modo di fare politica anche in Ticino. Un aspetto, questo, che secondo il creativo locarnese può rivelarsi un arma a doppio taglio. "Il discorso social è l'aspetto dei nostri politici che più mi lascia allibito. In molti credono che Facebook sia diventato l'unico canale mediatico dove bombardare la gente. Lì pensano di trovare tutti, ma non sanno che può essere un'arma a doppio taglio. Diciamocelo senza giri di parole: se un politico riceve 10 mi piace a un post pubblicato non è un bel segnale. È chiaro che Facebook può essere uno strumento importante ai fini della campagna, ma bisogna utilizzarlo con le pinze. E qui torniamo a un 'problema' esposto precedentemente: è inutile improvvisarsi paladino della giustizia ticinese soltanto negli ultimi tre mesi...".

La componente simpatia e lo scetticismo sugli slogan

Più che su slogan e promesse, secondo Ferrise i candidati devono giocare sulla componente 'simpatia'. "Chi vuoi che ti voti se non risulti simpatico? Bisogna risultare simpatico all'elettorato perché la gente vota d'impulso". È uso comune per partiti e candidati racchiudere la campagna elettorale in uno slogan di poche parole. Abbiamo chiesto al noto pubblicitario se la 'lotta' allo slogan più efficace può essere un' 'arma' in più in vista delle elezioni. "Io – afferma – sono molto scettico sugli slogan. Perché con gli slogan si vanno a fare delle promesse che poi, lo sappiamo tutti, difficilmente vengono mantenute. Io sono dell'idea che un candidato, per essere eletto, debba aver lavorato bene negli ultimi quattro anni. Non solo negli ultimi mesi prima che il popolo si esprima. Gli slogan, a mio avviso, servono solo per riempire un cartellone pubblicitario. La maggior parte dei candidati pensano che senza slogan non si può fare la campagna, ma questa è una mentalità sbagliata del Ticino".

"La cravatta non è sinonimo di politica"

Da qui ad aprile saranno molti i politici che faranno stampare la propria fotografia con relativo numero di lista per poi usarla come manifesto sui cartelloni pubblicitari a bordo strada e non solo. L'occhio, chiaramente, vuole la sua parte. Ma anche in questo caso esistono dei preconcetti ben chiari in Ticino. "Trovo – afferma Ferrise – che la stragrande maggioranza dei manifesti in giro per il Cantone siano tutti uguali.  Tutti con il sorriso e cravatta, ti trovi gente che non ha mai messo la cravatta in vita sua. Mi chiedo perché lo fanno: un politico deve rappresentare la sua personalità nella vita di tutti i giorni.  Non per forza la cravatta è sinonimo di politica...".

La campagna elettorale sul web

Non è di certo raro, in questo periodo, trovare banner pubblicitari sui portali online dedicati a uno o più candidati. Seguendo l'avanzare della tecnologia, i cosiddetti banner sono una buona strategia per "restare di più nella testa degli elettori. Il web, infatti, offre grande visibilità, ma un candidato al Consiglio di Stato o al Gran Consiglio non può concentrarsi esclusivamente su quello. Deve fare un po' un mix di marketing: cioè la classica cartellonistica e le lettere/opinioni sui giornali".

Tendenze che cambiano: anche i candidati al Parlamento investono di più

Navigando in internet o sfogliando i giornali ci si imbatte in "pubblicità" di candidati al Gran Consiglio. Rispetto ad anni fa, quando gran parte dello spazio era dedicato ai candidati per il Governo, la tendenza sembra cambiata. "È vero – conferma Ferrise –. Adesso anche i candidati al Gran Consiglio investono di più sulla propria immagine. Vuoi perché hanno i mezzi finanziari per farlo, vuoi perché ci credono per davvero. Anche se bisogna dire che in molti figurano sulla lista solo per riempire la scheda del proprio partito..."

Potrebbe interessarti anche
Tags
politica
slogan
ferrise
campagna
campagna elettorale
ticino
cravatta
quattro anni
consiglio
santino
News e approfondimenti Ticino
© 2019 , All rights reserved