Foto UDSC
ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
14.06.2024 - 11:220

Cittadino ucraino fermato a bordo di un'auto di lusso non sdoganata in Svizzera

I veicoli importati nel nostro paese devono essere dichiarati presso un ufficio doganale competente. Con la vettura lussuosa guidata dall'uomo non è successo. È stato fermato mentre accompagnava un'altra persona all'aeroporto di Agno

LUGANO - Lo scorso venerdì un controllo degli agenti dell’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (UDSC) in servizio all’aeroporto di Agno ha permesso di fermare un uomo alla guida di un veicolo di lusso, immatricolato nel Principato di Monaco, che non era stato sdoganato all’importazione in Svizzera.

L’autista, un cittadino di nazionalità ucraina, aveva accompagnato un altro uomo all’aeroporto di Agno.

Il proprietario del veicolo dovrà versare una multa di diverse migliaia di franchi. L’auto è stata posta momentaneamente sotto sequestro.

L’importazione di veicoli in Svizzera prevede infatti, come precisa UDSC nella sua nota, "il rispetto di determinate formalità e il versamento dei tributi previsti. I veicoli che vengono importati in Svizzera devono essere dichiarati spontaneamente presso un ufficio doganale competente per le merci commerciali. I veicoli sottostanno al pagamento dell’IVA (8.1%) e dell’imposta sugli autoveicoli (4%)": formalità che il cittadino ucraino aveva del tutto sorvolato. 

Resta connesso con Liberatv.ch: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
Tags
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved