Politica e Potere
24.01.2015 - 09:310
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

Blocher avvisa il Consiglio Federale: "Se non sarà applicato il 9 febbraio lanceremo un'iniziativa contro la Libera circolazione"

L'ex Consigliere Federale non si fida del Governo e tiene altissima la guardia sull'applicazione dell'iniziativa UDC Contro l'immigrazione di massa

LOCARNO - Christoph Blocher tiene la guardia altissima sul 9 febbraio. L'ex Consigliere Federale, in questi giorni in Ticino per l'assemblea dei delegati UDC, non si fida del Consiglio Federale in merito all'applicazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa. Secondo Blocher, intervistato dal Corriere del Ticino, il Governo presenterà settimana prossima una soluzione rispettosa della volontà popolare. Ma sarà solo tattica, avvisa, in attesa che passino le elezioni del 2015. Dopo il voto il tribbuno zurighese si aspetta che il Consiglio Federale torni a ritenere in applicabile l'iniziativa. E allora che farà l'UDC? "Noi - risponde Blocher al Corriere faremo un'iniziativa popolare per denunciare la libera circolazione delle persone. Un referendum per annullare la proposta del Governo non porterebbe a nulla, vorrebbe dire che continuerebbe a essere valida la situazione attuale, quella che esisteva prima del 9 febbraio". L'ex Consigliere Federale si dice anche sicuro che l'Europa in ogni caso non farà cadere gli accordi bilaterali perché troppo vantaggiosi per la comunità europea. Ma se anche questo accadesse, e per Blocher sarebbe l'ipotesi peggiore, la Svizzera ce la farebbe comunque.
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved